Caso Montesi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Omicidio di Wilma Montesi)
Wilma Montesi

Il caso Montesi fu un fatto di cronaca nera avvenuto in Italia il 9 aprile 1953, che ebbe grande rilievo mediatico a causa del coinvolgimento di numerosi personaggi di spicco nelle indagini successive al delitto. Vittima fu la ventunenne Wilma Montesi (1932-1953). Il caso risulta tuttora irrisolto, ivi compresa la causa del decesso.

La prima fase: il ritrovamento del corpo e la chiusura dell'indagine[modifica | modifica sorgente]

Il ritrovamento[modifica | modifica sorgente]

Spiaggia di Torvaianica, luogo del ritrovamento di Wilma Montesi

Sabato 11 aprile 1953, giorno della vigilia di Pasqua, sulla spiaggia di Torvaianica, presso Roma, venne rinvenuto il corpo della ragazza romana ventunenne Wilma Montesi, scomparsa il 9 aprile precedente.

La Montesi era una ragazza di origini modeste, figlia di un falegname e nata nel 1932 a Roma, dove risiedeva in via Tagliamento[1][2]. Al momento della sparizione era fidanzata con un agente di polizia in servizio a Potenza e in procinto di sposarsi. Era una ragazza considerata molto bella, con qualche aspirazione ad entrare nel mondo del cinema e dello spettacolo, il cui centro si trovava presso la capitale, a Cinecittà, e da tutti descritta come tranquilla e serena, impegnata a mettere a punto il corredo in vista delle imminenti nozze, programmate per il Natale successivo.

Il corpo fu rinvenuto da un manovale, Fortunato Bettini, che stava facendo colazione presso la spiaggia. Il corpo appariva riverso supino sulla battigia, immerso in acqua solo dalla parte della testa. La donna era parzialmente vestita, e gli abiti erano zuppi d'acqua: non aveva più indosso le scarpe, la gonna, le calze e il reggicalze.

Le prime testimonianze[modifica | modifica sorgente]

Alla notizia del ritrovamento i giornali dedicarono ampi articoli: il padre della vittima, Rodolfo Montesi, venne a conoscenza del fatto tramite la stampa, il giorno successivo al ritrovamento.

Dalla ricostruzione degli ultimi movimenti della ragazza emerse che questa non era rientrata a casa per cena la sera del 9 aprile, contrariamente alle proprie abitudini. La madre, insieme all'altra figlia, Wanda, aveva trascorso il pomeriggio al cinema assistendo alla proiezione del film La carrozza d'oro ed affermò che Wilma aveva declinato l'invito ad unirsi a loro, perché non le piacevano i film con Anna Magnani, aggiungendo che forse sarebbe uscita per una passeggiata. Al rientro, le due donne constatarono che Wilma era assente, ma - stranamente - aveva lasciato in casa alcuni gioielli di modesto valore, dono del fidanzato, che abitualmente indossava quando usciva.[3]

La portiera dello stabile in cui vivevano i Montesi affermò di averla vista uscire intorno alle 17.30 e di non averla più vista in seguito.

Alcuni testimoni affermarono di aver visto la Montesi sul treno che da Roma portava ad Ostia: tra questa e Torvaianica vi sono una ventina di chilometri, un po' troppi per essere percorsi a piedi.[4] Il titolare di un chiosco di cartoline situato nei pressi della spiaggia di Ostia sostenne di aver conversato con una giovane apparentemente somigliante alla Montesi, che aveva acquistato una cartolina illustrata ed accennato all'intenzione di spedirla al fidanzato a Potenza.[5]

L'ipotesi scartata del suicidio e la chiusura del caso[modifica | modifica sorgente]

Il corpo venne portato presso l'Istituto di Medicina Legale di Roma, dove venne condotta l'autopsia: i medici affermarono che la probabile causa della morte sarebbe stata una «...sincope dovuta ad un pediluvio»[4], concludendo che, con molta probabilità, la sfortunata ragazza aveva approfittato della gita al mare per mangiare un gelato (i cui resti furono rinvenuti nello stomaco) e fare un pediluvio in acqua di mare per alleviare una fastidiosa irritazione ai talloni di cui - a detta dei familiari - soffriva da qualche tempo[6]. Per fare ciò, la Montesi si sarebbe sfilata scarpe e calze e, molto probabilmente, anche gonna e reggicalze, per poi immergersi in acqua, venendo tuttavia colta da un malore che il medico legale ricollegò al fatto che la ragazza si trovasse nei giorni del ciclo mestruale. Una volta scivolata in acqua priva di sensi, la Montesi sarebbe annegata.[7]

La distanza tra Ostia (il presumibile ultimo avvistamento della ragazza) e il punto del ritrovamento venne giustificato sostenendo che fosse stato dovuto una complessa combinazione di correnti marine. Dall'autopsia emerse che la ragazza era ancora illibata e non aveva subito violenza (come evidenziato dal fatto che il volto era ancora perfettamente truccato e lo smalto sulle unghie delle mani intatto); in seguito tuttavia un altro medico, il professor Pellegrini, affermò che la presenza di sabbia nelle parti intime della ragazza poteva essere spiegata solo come conseguenza di un tentativo di violenza[2]. Non vennero rinvenute tracce di stupefacenti o di alcool nel suo corpo.

Cresce lo scandalo[modifica | modifica sorgente]

Il coinvolgimento della stampa[modifica | modifica sorgente]

L'ipotesi dell'incidente fu considerata attendibile dalla polizia, che chiuse il caso. I giornali, invece, si mostravano scettici.

Il Roma, quotidiano monarchico napoletano, il 4 maggio cominciò ad avanzare l'ipotesi di un complotto per coprire i veri assassini, che sarebbero stati alcuni potenti personaggi della politica; l'ipotesi presentata nell'articolo Perché la polizia tace sulla morte di Wilma Montesi?, a firma Riccardo Giannini, ebbe largo seguito.

A capo di questa campagna dei media, vi erano prestigiose testate nazionali, quali il Corriere della Sera e Paese Sera, e piccole testate scandalistiche, quali Attualità, ma la notizia si diffuse su quasi tutte le testate locali e nazionali.

Il 24 maggio del 1953 un articolo di Marco Sforza, pubblicato sulla rivista comunista Vie Nuove, creò molto scalpore: uno dei personaggi apparsi nelle indagini e presumibilmente legati alla politica, sinora definito "il biondino", venne identificato nella persona di Piero Piccioni. Piccioni era un noto musicista jazz (noto col nome d'arte Piero Morgan), fidanzato di Alida Valli e figlio di Attilio Piccioni, Vicepresidente del Consiglio, Ministro degli Esteri e massimo esponente della Democrazia Cristiana.

Il nome di "biondino" era stato attribuito al giovane da Paese Sera, in un articolo del 5 maggio, in cui si raccontava di come il giovane avesse portato in questura gli indumenti mancanti alla ragazza assassinata. L'identificazione con Piero Piccioni era un fatto noto a tutti i giornalisti, ma nessuno ne aveva mai svelata l'identità al grande pubblico.[1] Su Il merlo giallo, testata di destra, era addirittura apparsa già ai primi di maggio una vignetta satirica in cui un reggicalze, tenuto nel becco da un piccione, veniva portato da quest'uccello in questura, un chiaro riferimento all'uomo politico e al delitto.[8]

La notizia suscitò clamore perché venne pubblicata poco prima delle elezioni politiche del 1953.

Piero Piccioni e lo scandalo politico[modifica | modifica sorgente]

Piero Piccioni querelò per diffamazione il giornalista e il direttore del periodico Vie nuove, Fidia Gambetti. Sforza venne sottoposto ad un duro interrogatorio. Lo stesso PCI, movimento di riferimento del giornale e unico beneficiario "politico" dello scandalo, disconobbe l'operato del giornalista, che venne accusato di "sensazionalismo" e minacciato di licenziamento.

Nemmeno sotto interrogatorio Sforza citò mai direttamente il nome della fonte da cui ufficialmente veniva la notizia, limitandosi ad affermare che provenisse da «...ambienti dei fedeli di De Gasperi».

Anche il padre del giornalista, un influente docente di filosofia all'Università degli Studi di Roma "La Sapienza", suggerì al figlio di ritrattare, consiglio vivamente sostenuto anche dal celeberrimo "principe del foro" Francesco Carnelutti, che aveva preso le parti dell'accusa per conto di Piccioni.

L'avvocato di Sforza, Giuseppe Sotgiu (già presidente dell'Amministrazione provinciale di Roma ed esponente del PCI) si accordò col collega, e il 31 maggio Sforza ritrattò le sue affermazioni. Come ammenda, versò 50.000 lire in beneficenza alla "Casa di amicizia fraterna per i liberati dal carcere", ed in cambio Piccioni lasciò cadere l'accusa.

Nonostante che nell'immediato lo scandalo per la DC apparisse così escluso, ormai il nome di Piccioni era stato citato ed in seguito sarebbe ritornato alla ribalta.

Intanto, durante l'estate, il caso sparì dalle pagine di cronaca.

I Capocottari[modifica | modifica sorgente]

Adriana Bisaccia e l'ipotesi dei "Capocottari"[modifica | modifica sorgente]

Il 6 ottobre 1953, sul periodico scandalistico Attualità, il giornalista e direttore della testata, Silvano Muto, pubblicò un articolo, La verità sul caso Montesi. Muto aveva condotto un'indagine giornalistica nel "bel mondo" romano, basandosi sul racconto di un'attrice ventitreenne che sbarcava il lunario facendo la dattilografa, tal Adriana Concetta Bisaccia. La ragazza aveva raccontato al giornalista di aver partecipato con Wilma ad un'orgia, che si sarebbe tenuta a Capocotta, presso Castelporziano e non distante dal luogo del ritrovamento. In quell'occasione avevano avuto modo di incontrare alcuni personaggi famosi, principalmente nomi noti della nobiltà della capitale e figli di politici della giovane Repubblica Italiana.[7]

Stando al racconto della Bisaccia, la Montesi avrebbe assunto un cocktail letale di droga ed alcool, e avrebbe avuto un grave malore. Il corpo esanime sarebbe stato trasportato da alcuni partecipanti all'orgia sulla spiaggia, dove fu abbandonato. Tra i nomi citati nell'articolo, vi erano Piero Piccioni e il marchese Ugo Montagna, proprietario della tenuta di Capocotta. I partecipanti all'orgia, definiti dalla stampa "capocottari", rappresentavano l'alta società romana, ed era facile vedere dietro l'operato delle forze dell'ordine un disegno volto a proteggere questi personaggi.

Muto fu perseguito dal procuratore capo di Roma, Angelo Sigurani, per aver diffuso «...notizie false e tendenziose atte a turbare l'ordine pubblico», ma la notizia fu ripresa da tutti i giornali e divenne l'ipotesi largamente più considerata per la risoluzione del caso.[1]

Querelato anche da Montagna, Muto in principio ritrattò parzialmente le proprie tesi, affermando che erano prodotti dell'immaginazione, salvo poi rinnegare la ritrattazione. Anche la Bisaccia, impaurita e forse minacciata, smentì le sue dichiarazioni e il testo di Muto.[9]

La deposizione di Moneta Caglio[modifica | modifica sorgente]

Dopo il racconto della Bisaccia, una seconda ragazza rilasciò un'altra deposizione compromettente. La donna, Maria Augusta Moneta Caglio Bessier d'Istria, detta Marianna, Annamaria[10] o il cigno nero (per via del lungo collo e dell'abito nero che indossava quando venne ritratta la prima volta[8]), era figlia di un notaio di Milano e come la Bisaccia stava cercando di "arrivare" al mondo del cinema. Proprio a Roma era diventata amante del Montagna, marchese di san Bartolomeo, e personaggio attorno a cui ruotava il mondo dei VIP romani. Già la ragazza aveva incontrato il procuratore Sigurani due volte ed in entrambe le volte aveva reso una deposizione sulla vicenda, sempre ignorata.[1]

La Caglio affermava che la Montesi fosse diventata la nuova amante di Montagna e di essere a conoscenza della verità dei fatti: tornata dal padre a Milano, si rivolse allo zio, parroco di Lomazzo, per chiedere istruzioni su come agire. Il sacerdote indirizzò la ragazza da un sacerdote gesuita, padre Alessandro Dall'Oglio, al quale la Caglio consegnò un memoriale in cui confermava la responsabilità di Piccioni e Montagna secondo quanto scritto dai giornali.[1][7]

Tramite l'opera di Dall'Oglio, il documento arrivò ad Amintore Fanfani, allora Ministro degli Interni, e contribuì a far sospendere il processo per il giornalista Silvano Muto: ormai la teoria non era più la bizzarra invenzione di un giornalista provocatore. Una copia del memoriale venne inviata dalla Caglio anche al Papa. Il memoriale fu presentato anche a Giulio Andreotti, che in un articolo intitolato La congiura contro Piccioni? Falsità così lo rammenta: «Quando un padre gesuita venne al Viminale a farmi leggere l'esposto di una sua penitente (o qualcosa di simile) [...] lessi le prime due righe e gli dissi che non solo non lo trasmettevo a De Gasperi, ma lo classificavo tra quelle perdite di tempo che a Roma diciamo che servono a Natale a fare ora per la Messa di Mezzanotte»[11]

Una parte della Democrazia Cristiana tuttavia tendeva a screditare la testimonianza sulla base di presunti legami tra la Caglio e una corrente interna alla DC stessa ed avversa a Piccioni.[2]

Ripartono le indagini[modifica | modifica sorgente]

Indagini, complotti e politica[modifica | modifica sorgente]

In seguito alla diffusione del memoriale, la Caglio venne interrogata segretamente da Umberto Pompei, colonnello dei carabinieri, che ebbe con lei due incontri. Dal memoriale emergeva anche il nome del capo della polizia Tommaso Pavone, a cui Montagna e Piccioni si sarebbero rivolti in cerca di protezione.

Il 2 febbraio 1954 L'Avanti pubblicò una nota secondo cui il nome di Piccioni sarebbe stato fatto da Giorgio Tupini, in quel momento sottosegretario alla Presidenza del Consiglio e figlio del ministro Umberto Tupini, in una mossa a sfondo politico. Intanto, Piccioni padre fu confermato al ministero degli esteri del nuovo governo.

Nel frattempo Pompei aveva indagato sui personaggi coinvolti: il 10 marzo riferì in un rapporto, che Montagna era stato un agente dell'OVRA e un informatore dei nazisti, attività che avevano portato al suo arricchimento. La notizia, seppur poco pertinente con il caso, suscitò grande scalpore e contribuì alla fama di Silvano Muto. Lo stesso giorno, durante un'udienza in aula sull'argomento, i parlamentari comunisti protestarono urlando «Pavone, Pavone» a fronte delle richieste di fiducia nelle istituzioni avanzate da Scelba.[1]

Il giorno successivo, Pavone si dimise dalla carica e il governo affidò al ministro Raffaele De Caro un'indagine sull'operato della polizia nella vicenda.

La stampa e il Partito[modifica | modifica sorgente]

Pietro Nenni il 14 marzo 1954 dalle colonne dell'Avanti! ribatté alla teoria innocentista che vedeva gli esponenti della DC come vittime di un complotto, sottolineando come da tempo una parte della stampa, la Chiesa e alcuni organi privati stessero mobilitandosi contro la sinistra parlamentare allo scopo di screditarla e indebolirla.

Palmiro Togliatti su l'Unità invocava una «...lotta contro l'omertà e la corruzione [...] in qual modo il regime clericale possa giungere ad un crollo»: il riferimento al caso Montesi e alla DC era palese e le allusioni al fascismo e alla sua caduta, presenti nell'articolo, erano chiari richiami al coinvolgimento di Montagna nel regime fascista.

Paese Sera il 17 marzo 1954 pubblicò uno scoop sensazionale: una foto del presidente del Consiglio Scelba ritratto insieme a Montagna alle nozze del figlio di un deputato democristiano e la tesi della "pastetta" politica prese sempre più piede.

Il Giornale d'Italia annunciò in un articolo l'emissione di un mandato di cattura nei confronti di Ugo Montagna, che letta la notizia si recò spontaneamente in carcere. Agli ufficiali carcerari, tuttavia, non risultava alcun ordine di carcerazione e Montagna venne congedato.[1]

Verso il processo[modifica | modifica sorgente]

Si riapre il caso: l'indagine dei carabinieri[modifica | modifica sorgente]

Il magistrato della sezione istruttoria della Corte d'appello di Roma, Raffaele Sepe, cominciò le indagini processuali, esumando la salma della Montesi e ordinando perizie ed interrogatori. Molte delle accuse a personaggi secondari e solo vagamente correlati alla vicenda caddero, ma da questa fase parve emergere un disegno preciso che avrebbe legato Piccioni, Montagna e i vertici delle forze dell'ordine romane.

Il 26 marzo 1954 il caso Montesi fu ufficialmente riaperto dalla Corte d'Appello di Roma. Piero Piccioni e Ugo Montagna furono arrestati, rispettivamente con l'accusa di omicidio colposo e di uso di stupefacenti il primo, e di favoreggiamento il secondo: furono inviati al carcere di Regina Coeli (Piero Piccioni otterrà la libertà provvisoria dopo tre mesi di carcere preventivo[12]). Con loro venne arrestato il questore di Roma, Saverio Polito, imputato di favoreggiamento, e altri nove personaggi coinvolti nei fatti vennero imputati, tra cui il principe Maurizio d'Assia.[1][4][9]

Il 19 settembre 1954 lo scandalo era tale che Attilio Piccioni si dimise dalle cariche ufficiali.

La pista dello "Zio Giuseppe"[modifica | modifica sorgente]

Nonostante tutto però, i genitori di Wilma Montesi erano certi dell'innocenza di Piero Piccioni. E il 30 settembre su Il Messaggero il giornalista Fabrizio Menghini (che aveva seguito il caso con continuità) avanzò la velata ipotesi che vi potessero anche essere indizi in un'altra direzione, ovvero indizi che avrebbero potuto accusare il giovane zio della vittima, Giuseppe Montesi. Il giovane sarebbe stato molto attaccato alla ragazza, se non addirittura invaghito di lei, e possedendo un'auto avrebbe potuto portarne il cadavere sul luogo del ritrovamento.

L'ipotesi venne avanzata con tono sarcastico, ma fu presa seriamente dall'opinione pubblica per via delle parole del leader socialdemocratico Giuseppe Saragat, che su La Giustizia affermò che il caso era vicino ad una svolta drammatica e alla rivelazione del colpevole.

Anche il comportamento evasivo di Giuseppe Montesi contribuì a rendere credibile una tesi basata su mere illazioni: inizialmente, infatti, egli non volle dire dove si trovava la notte dell'omicidio. In seguito, nell'interrogatorio coi giudici, Giuseppe Montesi ammise che stava trascorrendo la serata con la sorella della sua fidanzata.

Lo scandalo Sotgiu[modifica | modifica sorgente]

Il 16 novembre 1954 un ulteriore scoop scosse il caso: due giornalisti di Momento Sera, impegnati in un'inchiesta sulla morte di Maria Teresa Montorzi detta "Pupa" (una ragazza morta per abuso di droga in una situazione apparentemente simile allo scenario "capocottaro" ipotizzato per il caso Montesi) scoprirono una casa d'appuntamenti a Roma, in via Corridoni 15. Durante un appostamento, notarono Giuseppe Sotgiu, uomo politico di spicco del Partito Comunista ed avvocato difensore di Silvano Muto. Sotgiu venne fotografato mentre entrava nel bordello in compagnia della moglie ed emerse che questa vi si recava per copulare con alcuni giovani, tra i quali un minorenne, consenziente il marito. Il fatto intaccò pesantemente la credibilità dei principali accusatori.[1]

La conclusione del caso[modifica | modifica sorgente]

Piccioni, Montagna e Polito a processo[modifica | modifica sorgente]

Piccioni, Polito e Montagna durante il Processo Wilma Montesi

Il 20 giugno 1955 Piccioni, Montagna e Polito vennero rinviati a giudizio da Sepe presso la Corte di Assise, iscritti tra gli imputati per un processo penale sulla vicenda. Il 21 gennaio 1957 a Venezia si aprì il dibattimento.

Montagna negò di aver conosciuto la Montesi, e Polito, ormai in pensione, confermò la tesi ufficiale dell'incidente in mare.

Alida Valli depose in favore di Piccioni, confermando che i giorni precedenti il decesso della Montesi, Piero Piccioni era con lei a Ravello. Il musicista lasciò quella località lo stesso 9 aprile, rientrando nella sua casa di Roma poco dopo le 14 e poche ore dopo si trovava nello studio di un noto clinico per una visita alla gola, ove lamentava un forte dolore. Dietro suggerimento del medico si era messo a letto e ci rimase anche il giorno successivo, come potevano testimoniare l'infermiere, che gli fece l'iniezione quella sera stessa, un medico che lo visitò il giorno dopo e gli amici che si recarono in visita a casa sua. L'alibi comunque era già noto agli inquirenti nella fase istruttoria.[12]

Alle 00.40 del 28 maggio il tribunale riconobbe gli imputati innocenti e li assolse con formula piena.

Muto, Bisaccia e Moneta Caglio a processo[modifica | modifica sorgente]

Il processo a Muto (difeso anch'egli da Sotgiu) e alla Bisaccia per le accuse di calunnia si concluse con una condanna a dieci mesi per quest'ultima, con pena sospesa grazie alla "condizionale". Anche la Moneta Caglio fu sottoposta a processo, ma non venne condannata.

La verità sulla vicenda è ancora ignota.

Rilevanza del caso Montesi[modifica | modifica sorgente]

L'aspetto mediatico[modifica | modifica sorgente]

Il caso Montesi fu uno dei primi, se non il primo, caso di cronaca nera a raggiungere fama nazionale nella giovane Repubblica Italiana.

La stampa si gettò sul caso attirata dalle complesse relazioni tra delitti, politica e VIP. I principali quotidiani, Corriere della Sera, e Paese Sera, si sollevarono rispettivamente a punti di riferimento per innocentisti e colpevolisti. Il primo vedeva nella vicenda un tentativo di screditare la DC, anche se manteneva una posizione moderata e possibilista[1]. Paese Sera nel giro di un anno passò da sostenitore della tesi ufficiale ad acceso paladino della tesi del "festino".

Un indice della rilevanza di questo caso è data da un articolo a firma Carlo Laurenzi del 4 febbraio, pubblicato sul Corriere della Sera: Laurenzi nota che sulla vicenda, in poco meno di un anno, erano state scritte e proposte a case di produzione almeno 52 sceneggiature per il cinema.[1]

Paese Sera ebbe un aumento di tiratura minimo fisso del 50%, arrivando al 200% con la complicità dello scoop Scelba-Montagna.[senza fonte]

A gara per annunciare le notizie più sensazionali, anche se poi si rivelarono prive di significato concreto, la stampa nazionale scrisse di tutto, qualunque informazione che avesse una qualche relazione con i protagonisti del caso, veniva annunciata con fragore. Così, oltre alla scarsamente significativa fotografia del presidente del Consiglio Scelba, ritratto insieme a Montagna alle nozze del figlio di un deputato democristiano, si parlò del figlio del deputato DC Giuseppe Spataro, del medico personale di papa Pio XII, Riccardo Galeazzi Lisi, e si annunciò persino, avanzando il sospetto di oscure connivenze, che il parrucchiere di Annamaria Moneta Caglio abitava nello stesso palazzo in cui abitava il fratello di Piero Piccioni![13]

La questione politica[modifica | modifica sorgente]

Il coinvolgimento di Piccioni spostò il piano dello scontro, più o meno volutamente, sul piano politico.

Attilio Piccioni era il massimo esponente della DC, all'epoca impegnata in una dura lotta contro il PCI. Nei giorni stessi del delitto, era in piena attività la campagna elettorale per le elezioni politiche e l'opinione politica stava dibattendo in modo molto acceso sulla cosiddetta legge truffa.

Forse anche per via dello scandalo, alle elezioni la coalizione della DC non riuscì a raggiungere il premio di maggioranza (previsto appunto dalla nuova legge elettorale, ritenuta "truffaldina" dalle sinistre) solo per lo 0,8% dei voti.

Il deputato dell'MSI Franz Turchi, nel marzo del 1954, rivolse al neoeletto presidente del consiglio dei ministri Mario Scelba un'interrogazione, cercando di ottenere rassicurazioni sui dubbi che la vicenda aveva sollevato nel mondo politico italiano.

Scelba, sia per volontà politica sia per distrarre l'attenzione dal montare del caso, nel corso del 1954 annunciò a più riprese una serie di misure repressive verso le organizzazioni di sinistra, che però all'atto pratico si risolsero in ben poca cosa.

Gian Paolo Brizio Falletti, compagno di partito di Piccioni, arrivò ad invocare la censura, chiedendo provvedimenti contro il mondo della stampa, che avrebbe dato risonanza ad una vicenda scandalistica e poco attendibile. Le affermazioni del deputato democristiano fecero insorgere i giornalisti e le testate della stampa libera, specie quella schierata a sinistra. La proposta cadde, salvo poi esser ripresa nel novembre 1954 da Scelba, che invocava ed auspicava un severo autocontrollo dei giornalisti e sul loro influsso sulla vita civile e morale del paese tramite cronaca e stampa scandalistica.

Contro ogni previsione, la Federazione nazionale della stampa italiana accolse l'invito supportando la proposta, seppur in modo moderato e cercando di rivendicare una certa libertà d'azione.

Reazioni e conseguenze[modifica | modifica sorgente]

Le reazioni allo scandalo furono diverse.

  • La Democrazia Cristiana vedeva nello scandalo un attacco politico orchestrato da avversari politici e supportato da dissidenti interni: l'operato del partito era volto alla difesa e alla distrazione dal caso, anche tramite accuse e schermaglie politiche.
  • I partiti di sinistra, con il Partito Comunista Italiano in testa, consideravano il caso come un vero scandalo politico frutto delle manovre democristiane per tutelare dei colpevoli appartenenti alla DC. Il caso venne usato per mettere in discussione l'autorità del governo, già traballante per la maggioranza risicata e per gli evidenti contrasti tra alcuni dei massimi esponenti della DC.
  • La destra estrema e i monarchici invece additavano la vicenda come un caso di evidente fallimento del sistema democratico tout court.
  • Il Partito Socialista Democratico Italiano di Saragat e i movimenti di area socialista, legati da un'alleanza politica alla DC, denunciavano soprattutto le responsabilità dei vertici democristiani ed in particolare di Amintore Fanfani, il quale veniva additato come colui che aveva dato corso alle indagini dei carabinieri sulla base del memoriale della Caglio, allo scopo di screditare indirettamente il suo rivale Attilio Piccioni, cui contendeva la leadership del partito. Dopo lo scandalo Sotgiu, il partito di Saragat si riavvicinò alla DC, associandosi all'accusa verso i dirigenti di PCI e PSI, di aver imbastito il caso come trappola politica.

Lo scandalo Sotgiu costò peraltro molto caro anche ai partiti di sinistra, che videro colpita in modo grave la loro immagine di difensori di una presunta superiorità morale.

Nell'estate 2006, il giornalista Francesco Grignetti ha pubblicato un libro sulla vicenda, Il caso Montesi[14], in cui afferma di aver reperito presso gli archivi della Polizia di Stato all'EUR alcuni faldoni di documenti d'epoca, dai quali emerge il tentativo di insabbiamento operato dal ministero dell’Interno e parzialmente fallito per via del clamore mediatico suscitato.

L'interesse del pubblico e l'Affare Montesi[modifica | modifica sorgente]

Il fattore sociale[modifica | modifica sorgente]

Innanzitutto, la vittima era una bella ragazza, giovane e di modeste origini: il prototipo della "ragazza della porta accanto"; non era difficile per i lettori affezionarsi al personaggio. Il fatto che la vittima fosse stata rinvenuta ancora vergine (tanto che, per i funerali, la salma fu vestita col tradizionale abito da sposa bianco) escludeva tutta una serie di implicazioni che avrebbero reso la vicenda troppo scabrosa e compromettente per ricevere un tale rilievo sulla stampa nazionale. Comprensibilmente, i genitori della Montesi si prodigarono nel dipingere la figlia defunta come una ragazza seria e pudica, unicamente concentrata sul matrimonio imminente e libera da frivolezze.

Inoltre, la tesi della responsabilità dei "Capocottari" contrapponeva, per gran parte dell'opinione pubblica, il mondo gaudente e corrotto dell'aristocrazia "nera" e della politica romane, e in genere dei ricchi e potenti della Capitale, all'ambiente sociale popolare da cui proveniva Wilma Montesi, raffigurando quest'ultima come la vittima dell'incontro tra le sue ingenue ambizioni artistiche e il cinismo amorale di chi le aveva sfruttate impunemente a fini sessuali, certo di poter contare sulla connivenza dei vertici della polizia. Pur nell'evidente diversità delle situazioni, un analogo contrasto tra l'estrazione sociale della vittima e quella dei suoi assassini contribuirà, oltre un ventennio dopo, al clamore mediatico del massacro del Circeo.

Tutti questi elementi andavano a stimolare l'interesse dei lettori comuni. Anche il fatto che le due principali accusatrici fossero giovani di bell'aspetto e legate al mondo dello spettacolo aumentava l'interesse verso la vicenda.

La tempesta politica[modifica | modifica sorgente]

In secondo luogo, sin dall'inizio, emerse il coinvolgimento di personaggi di primo piano sulla scena politica. Dapprima citati come anonimi (fattore che suscitò ancora di più l'attenzione dei giornali e l'interesse del pubblico), quando i nomi vennero resi pubblici la loro rilevanza rese la vicenda di grande centralità anche per i lettori interessati di politica.

La vicenda assunse i tratti di una guerra tra tutti i partiti di maggioranza, ma anche tra fazioni all'interno della stessa Democrazia Cristiana, che da sola riscuoteva i consensi di poco meno del 50% dell'elettorato. Di fatto, il coinvolgimento dei vertici DC in una questione simile era un grave danno all'immagine del partito. In particolare Attilio Piccioni vide definitivamente compromessa, a causa del clamoroso coinvolgimento del figlio, la sua promettente carriera politica: una circostanza da cui trasse beneficio principalmente Amintore Fanfani, che si affermò così come il successore di De Gasperi alla guida del partito di maggioranza relativa. Analogamente, talune vicende correlate al caso (lo scandalo Sotgiu) furono una vera tempesta per il Partito Comunista Italiano, la seconda forza politica dell'epoca. Il caso andò dunque a colpire trasversalmente la quasi totalità dell'arco parlamentare.

La battaglia giudiziaria[modifica | modifica sorgente]

Di grande interesse divenne anche l'aspetto giudiziario della vicenda, con una giostra di denunce, querele e controquerele che arrivarono a coinvolgere i principali e più noti avvocati dell'epoca.

Le questioni legate alla giustizia erano al centro anche di un importante dibattito: i personaggi importanti, amici dei vertici delle forze dell'ordine, potevano forse essere trattati diversamente ed evitare le conseguenze delle loro azioni?

La rapida chiusura della prima indagine, con una motivazione poco credibile e su basi puramente speculative, apparve essere un chiaro gesto in questa direzione, di fronte a cui la stampa non poteva rimanere in silenzio.

La stampa e il mercato[modifica | modifica sorgente]

Oltre al compito sociale, però, la stampa doveva affrontare anche un'altra sfida: la crescente competizione in campo editoriale, che vedeva la nascita (e la chiusura) di testate di cronaca e di giornali d'opinione a ritmi sempre crescenti, e una progressiva saturazione del mercato.

Il modo più sicuro ed efficace per ottenere successi di vendita era proporre delle notizie in esclusiva, scoop su fatti di grande attualità.

In virtù delle considerazioni precedenti, il caso Montesi era perfetto per questo scopo: la girandola di dichiarazioni sensazionali veniva alimentata dalla caccia alla notizia, e a sua volta accresceva la forza mediatica del caso.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g h i j k Misteri d'Italia - Montesi
  2. ^ a b c liberaeva
  3. ^ Vincenzo Vasile, Wilma Montesi, ed. LUnità Misteri d'Italia/1, 2003
  4. ^ a b c Il caso Montesi
  5. ^ De Grignetti Francesco, Il caso Montesi. Sesso, potere e morte nell'Italia degli anni Cinquanta, Ugo Mursia Editore
  6. ^ Quel cadavere sulla spiaggia. URL consultato il 24 giugno 2012.
  7. ^ a b c Zetema- Montesi
  8. ^ a b Ugo Zatterin, La tragica ballata di Piero Morgan, da: "L'Europeo" n. 44 del 1980, ripreso su "L'Europeo" - Periodico annuale, Cinquant'anni di gialli, Ed. RCS, aprile 2001, p. 93
  9. ^ a b Polizia e Democrazia
  10. ^ Indro Montanelli, ne La storia d'Italia di Montanelli - http://www.youtube.com/watch?v=CLcOTIBBDJU&feature=related
  11. ^ Giulio Andreotti, La congiura contro Piccioni? Falsità, da "L'Europeo" - Periodico annuale, Cinquant'anni di gialli, Ed. RCS, aprile 2001, p. 102
  12. ^ a b Ugo Zatterin, La tragica ballata di Piero Morgan, da: "L'Europeo" n. 44 del 1980, ripreso su "L'Europeo" - Periodico annuale, Cinquant'anni di gialli, Ed. RCS, aprile 2001, p. 99
  13. ^ Ugo Zatterin, La tragica ballata di Piero Morgan, da: "L'Europeo" n. 44 del 1980, ripreso su "L'Europeo" - Periodico annuale, Cinquant'anni di gialli, Ed. RCS, aprile 2001, p. 94
  14. ^ Francesco Grignetti, Il caso Montesi, Marsilio editore, 2006

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Pier Mario Fasanotti, Valeria Gandus, La ragazza del pediluvio in Mambo italiano 1945-1960. Tre lustri di fatti e misfatti, Marco Tropea Editore, 2000, pp. 179-201. ISBN 88-438-0193-7.
  • Angelo Frignani. La strana morte di Wilma Montesi. Adn Kronos, 2003 ISBN 88-7118-157-3
  • Carlo Lucarelli, Il caso Wilma Montesi in Nuovi misteri d'Italia. I casi di Blu notte, Torino, Einaudi, 2004, pp. 25-45. ISBN 978-88-06-16740-0.
  • Francesco Grignetti. Il caso Montesi . Gli specchi Marsilio, 2006.
  • Silvio Lanaro, Storia dell'Italia repubblicana. L'economia, la politica, la cultura, la società dal dopoguerra agli anni '90, Venezia, Marsilio Editori, 1992, pp. 234–235, ISBN 978-88-317-6396-7
  • Paolo Murialdi. La stampa italiana del dopoguerra (1943-1972). Laterza, 1973
  • Hans Magnus Enzensberger, Wilma Montesi. Una vita dopo la morte, in Politica e Gangsterismo, Roma, Savelli, 1979
  • Luca Steffenoni, Nera. Come la cronaca cambia il delitto, 2011, San Paolo editore, ISBN 978-8821571985
  • Massimo Polidoro. Il mistero del reggicalze in Cronaca nera, pp. 141–180. Casale Monferrato, Edizioni Piemme, 2005. ISBN 88-384-8132-6
  • Enzo Rava, Nasce la manipolazione di massa (e chi manipola i manipolatori?) in Roma in cronaca nera, Manifestolibri, 2005, pp. 85-105. ISBN 978-88-7285-382-5.
  • Ugo Zatterin, La tragica ballata di Piero Morgan, da: "L'Europeo" n. 44 del 1980, ripreso su "L'Europeo" - Periodico annuale, Cinquant'anni di gialli, Ed. RCS, aprile 2001

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]