Paolo Murialdi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Paolo Murialdi (Genova, 8 settembre 1919Milano, 14 giugno 2006) è stato un giornalista, scrittore e partigiano italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Laureato in giurisprudenza, cominciò a fare giornalismo nel 1939 lavorando presso Il Secolo XIX. Partigiano, dal 1946 collaborò con alcune testate locali milanesi finché nel 1950 non venne assunto dal Corriere della Sera, dove rimase fino al 1956. Successivamente passò al Giorno, dove divenne amico di Giorgio Bocca e Gianni Brera e dove viene nominato caporedattore centrale.

Nel 1974 divenne presidente della Federazione Nazionale Stampa Italiana, incarico che ricoprì per sette anni. Dal 1986 al 1990 è il tesoriere della FNSI mentre nel 1993 è consigliere di amministrazione della RAI. Docente universitario di storia del giornalismo e di comunicazione di massa in diverse Università e scuole professionali, negli ultimi tempi insegnò scienze della comunicazione all'università di Torino.

Fondatore della rivista trimestrale Problemi dell'informazione nel 1976 (di cui fu anche direttore), Murialdi fu anche autore di alcuni libri di successo: nel 1974 pubblicò una monumentale "Storia del giornalismo" edita da Laterza, mentre due anni dopo diede alle stampe il racconto lungo "La traversata. Estate 1943 - Primavera 1945", pubblicato da Il Mulino.

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • Paolo Murialdi. Storia del giornalismo italiano. Dalle gazzette a Internet. Il Mulino, 2006. ISBN 978-88-15-11298-9.
  • Paolo Murialdi. La stampa italiana. Dalla Liberazione alla crisi di fine secolo. Bari, Laterza, 1998. ISBN 978-88-420-6961-4.

Paolo Murialdi "La Traversata Settembre 1943 - Dicembre 1945" Il Mulino. Intersezioni 20017

  • Paolo Murialdi "Come si legge un giornale"

Laterza, 1975.