No More Tears

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il noto brano di Barbra Streisand e Donna Summer, vedi No More Tears (Enough Is Enough).
No More Tears
Artista Ozzy Osbourne
Tipo album Studio
Pubblicazione 17 settembre 1991
Durata 56 min : 55 s
Dischi 1
Tracce 11
Genere Heavy metal
Etichetta Epic Records
Registrazione 1990
Certificazioni
Dischi d'oro 1 Stati Uniti
1 Canada
Dischi di platino 5 Stati Uniti
2 Canada
Ozzy Osbourne - cronologia
Album precedente
(1988)
Album successivo
(1995)

No More Tears è un album di Ozzy Osbourne, pubblicato nel 1991, ritenuto come la terza grande opera di Ozzy dopo Blizzard of Ozz e Diary of a Madman. Si stima abbia venduto circa 10 000 000 di copie in tutto il mondo.

Il disco[modifica | modifica sorgente]

No More Tears è stato sostenuto da tanti critici come l'apice artistico di Ozzy Osbourne. Dopo la morte di Randy Rhoads nel 1982, Ozzy Osbourne ha assoldato eccellenti chitarristi; Brad Gillis e Jake E. Lee sono stati ottimi collaboratori, ma, per il cantante, i loro stili erano troppo lontani dal suo modo di vedere la musica, solo Randy Rhoads aveva le carte in regola per il suo stile. Con No Rest for the Wicked arriva Zakk Wylde, oggi visto come uno dei più grandi chitarristi metal, che pur essendo molto giovane riesce a convincere Osbourne e otterrà la riconferma per il seguente album del 1991, appunto No More Tears. Il lavoro fu un grande successo commerciale, con la certificazione di 5 dischi di platino e la vendita di quasi 5 000 000 di copie negli Stati Uniti. L'album presenta nei crediti anche il nuovo bassista Mike Inez, in futuro negli Alice in Chains. La formazione ha prodotto canzoni che hanno riscontrato un ottimo successo; come Mr. Tinkertrain, I don't wanna change the world (vincitore di un grammy come "Best Metal Performance"), Desire, Hellraiser, Don't blame me (brano contenuto nella versione ri-masterizzata), l'oscura No more tears e le ballate, Mama I'm coming home e Road to nowhere. No more tears verrà seguito da un tour molto impegnativo in America, che avrà a Los Angeles la tappa più importante. Questo album consegnerà ad Ozzy Osbourne grandi meriti e riconoscimenti. Da menzionare inoltre il contributo alla stesura dei brani da parte di Lemmy Kilmister dei Motörhead, grande amico di Ozzy. Dopo No More Tears, per molti, Osbourne va incontro ad un periodo di irreversibile declino, non solo per la creatività ma anche per il suo uso smodato di alcol, che lo costringerà a recarsi spesso nelle cliniche per disintossicarsi[1]

Tracce[modifica | modifica sorgente]

(Tutte le canzoni sono state scritte da Ozzy Osbourne, Zakk Wylde, e Randy Castillo eccetto dove indicato)

  1. Mr. Tinkertrain - 5:55
  2. I Don't Want to Change the World (Osbourne, Wylde, Castillo, Lemmy) - 4:04
  3. Mama, I'm Coming Home (Osbourne, Wylde, Lemmy) - 4:11
  4. Desire (Osbourne, Wylde, Castillo, Lemmy) - 5:45
  5. No More Tears (Osbourne, Wylde, Mike Inez, Castillo, John Purdell) - 7:22
  6. S.I.N. - 4:46
  7. Hellraiser (Osbourne, Wylde, Lemmy) - 4:51
  8. Time After Time (Osbourne, Wylde) - 4:20
  9. Zombie Stomp - 6:13
  10. A.V.H. - 4:12
  11. Road to Nowhere - 5:09
Tracce bonus nella ristampa del 2002
  1. Don't Blame Me - 2:26
  2. Party with the Animals - 4:32

Brani[modifica | modifica sorgente]

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ http://www.metallized.it/recensione.php?id=5322 Metallized.it: No more tears
metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di metal