Blizzard of Ozz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Blizzard of Ozz
Artista Ozzy Osbourne
Tipo album Studio
Pubblicazione 20 settembre 1980
Durata 39 min : 19 s
Dischi 1
Tracce 9
Genere Heavy metal
Etichetta Epic Records
Produttore Ozzy Osbourne
Registrazione 22 marzo - 19 aprile 1980
Note 1 disco d'argento nel Regno Unito
Certificazioni
Dischi d'oro 1 Stati Uniti
1 Canada
Dischi di platino 4 Stati Uniti
1 Canada
Ozzy Osbourne - cronologia
Album precedente
Album successivo
(1981)

Blizzard of Ozz è il primo album di Ozzy Osbourne, pubblicato il 20 settembre 1980 per l'etichetta Epic Records.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il suo licenziamento dai Black Sabbath, Osbourne dà vita alla sua band, inizialmente chiamata come il disco in questione Blizzard of Ozz e in seguito semplicemente Ozzy Osbourne. La traduzione letterale è Bufera di Ozz e si basa sull'assonanza con The Wizard of Oz, il "Mago di Oz" del romanzo di Lyman Frank Baum e del film del 1939 con Judy Garland. Il cantante recluta il giovane chitarrista Randy Rhoads, il tastierista Don Airey, il batterista Lee Kerslake e il bassista Bob Daisley. Questo album contiene molti pezzi noti dell'artista, come I don't Know, Crazy Train, Goodbye to Romance, Mr. Crowley, Relevation (mother Earth), pezzi che Osbourne propone spesso nei suoi concerti. Questo è definito inoltre come uno dei suoi lavori più riusciti, un lavoro storico per l'hard rock e l'Heavy Metal anni '80, e il ritorno sotto vesti differenti di uno dei personaggi cardine degli anni '70[senza fonte]. Il disco contiene alcune delle canzoni più note di Ozzy, come Crazy Train, Mr. Crowley e Goodbye to Romance, che sono spesso conosciute anche da chi non ascolta musica heavy metal. A circa 23 anni dalla sua pubblicazione, datata 1980, Blizzard of Ozz ha venduto oltre 10,000,000 di copie in tutto il mondo,[1] e continua attualmente a vendere migliaia di copie.

Brani[modifica | modifica wikitesto]

I Don't Know[modifica | modifica wikitesto]

L'album si apre con il brano I Don’t Know, dopo una breve introduzione ci si trova subito di fronte ad un riff di chitarra e a un lavoro di basso decisivo. La voce di Ozzy è caratteristica come sempre in un pezzo dalla struttura semplice.

Crazy Train[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Crazy Train.

Crazy Train è ormai considerata un classico, un inno dell'heavy metal. A quanto pare, "Crazy Train", non è semplicemente un titolo, ma la perfetta rappresentazione della canzone, infatti la reale impressione che si ha ascoltando quest'opera è proprio quella di un folle treno che viaggia, il ritmo incalzante si identifica esattamente con l’avanzare lento ma irrefrenabile di un "treno impazzito", inconfondibili i riff di chitarra e l'assolo eseguito da Randy Rhoads. Crazy Train è uno dei brani più trascinanti della musica heavy metal e la voce di Ozzy completa il tutto.

Goodbye to Romance[modifica | modifica wikitesto]

La ballata Goodbye To Romance vede il "Madman" cantare una canzone melanconica e romantica, avendo come risultato uno dei pezzi più noti di Osbourne e molto frequentemente eseguito in concerto.

Dee[modifica | modifica wikitesto]

Dee è una breve ma intensa traccia strumentale eseguita interamente dal defunto chitarrista Randy Rhoads, la cui chitarra sprigiona delicate note che rendono questo pezzo un intermezzo decisamente potabile.

Suicide Solution[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Suicide Solution.

Suicide Solution, su ammissione di Ozzy, è dedicata a Bon Scott, cantante degli AC/DC, morto soffocato dal suo vomito dopo una sbronza. I detrattori, sostengono invece, che il brano inneggi al suicidio, per un presunto messaggio subliminale che dovrebbe recitare Get the Gun and Try It!, Shoot! Shoot! Shoot!. A parte questo, è una traccia abbastanza cadenzata ed aggressiva, la canzone presenta delle liriche sicuramente veritiere e sentite dall’artista di Birmingham, Suicide Solution racconta infatti della grande passione di Ozzy per l'alcool, questo suo grave problema gli portò grandi difficoltà persino nei momenti di ricerca di un contratto discografico per il finanziamento delle registrazioni di Blizzard Of Ozz. Infatti, Osbourne, si presentava ai colloqui praticamente ubriaco e ciò scandalizzava i vari dirigenti che, rifiutando ogni tipo di accordo, lo cacciavano subito.

Mr. Crowley[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Mr. Crowley.

Mr. Crowley è dedicata al pensatore ed occultista britannico Aleister Crowley. La canzone è introdotta da un intro di tastiere di Don Airey. La canzone è cupa, e oscura quasi quanto le atmosfere dei primi album dei Black Sabbath. Al termine del brano si può ascoltare il celeberrimo assolo di Randy Rhoads, uno dei più noti di tutto l'Heavy metal. Complessivamente, questo pezzo costituisce un'importante pietra miliare della carriera di Ozzy, una piccola opera d'arte, con un intro di tastiere, un cantato molto intenso e un assolo decisamente aggressivo.

No Bone Movies[modifica | modifica wikitesto]

No Bone Movies è orecchiabile e decisamente orientata verso l'hard rock degli anni settanta, un riempitivo.

Revelation (Mother Earth)[modifica | modifica wikitesto]

Revelation (Mother Earth) è una richiesta di perdono rivolta al pianeta Terra per gli orrori della guerra. È un pezzo vagamente epicheggiante, maestoso nell'incedere dove Rhoads passa con assoluta maestria tra parti acustiche ed altre elettriche, e dove Ozzy in gran forma, sfodera una grande prestazione.

Steal Away (The Night)[modifica | modifica wikitesto]

Steal Away (The Night), è considerato heavy metal puro e trascinante dove ancora una volta il giovane Randy Rhoads, si dimostra preparato e all'altezza della situazione.

Blizzard of Ozz Tour[modifica | modifica wikitesto]

Ozzy durante il Blizzard of Ozz Tour a Cardiff nell'81 (prima tappa del tour in Regno Unito)

Ozzy Osbourne, prima del lancio del disco, decise di organizzare un tour promozionale iniziato il 12 settembre 1980, della durata di un anno. Il tour comprendeva 121 concerti, di cui:

La band inizio il tour in Inghilterra, e fu accompagnata dalla band Heavy metal Budgie. Dopo la fine della prima tappa nel Regno Unito, furono licenziati dalla band Bob Daisley, il bassista, e Lee Kerslake che era il batterista, e furono subito sostituiti dal bassista Rudy Sarzo dei Quiet Riot e dal batterista Tommy Aldridge che hanno preso posto fisso per tutta la fine del tour. Durante il tour americano, Ozzy, fu accompagnato anche dai Motörhead, ed insieme a loro Ozzy fece un breve ritorno nel Regno Unito per partecipare al Heavy Metal Holocaust allo stadio Vale Park, il 1º agosto 1981, per poi ritornare negli Stati Uniti d'America e concludere il suo tour, accompagnato dai Def Leppard che stavano promuovendo il loro secondo disco di successo. Il Blizzard of Ozz Tour si conclude definitivamente il 13 settembre 1981.

Set list per il Blizzard of Ozz Tour (prima tappa - Regno Unito)[modifica | modifica wikitesto]

Set list per il Blizzard of Ozz Tour (seconda tappa - Stati Uniti/Canada)[modifica | modifica wikitesto]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. I Don't Know (Osbourne, Rhoads, Daisley) 5:16
  2. Crazy Train (Osbourne, Rhoads, Daisley) 4:50
  3. Goodbye to Romance (Osbourne, Rhoads, Daisley) 5:33
  4. Dee (Rhoads) 0:50
  5. Suicide Solution (Osbourne, Rhoads, Daisley) 4:16
  6. Mr. Crowley (Osbourne, Rhoads, Daisley) 4:55
  7. No Bone Movies (Osbourne, Rhoads, Daisley, Kerslake) 3:52
  8. Revelation (Mother Earth) (Osbourne, Rhoads, Daisley) 6:08
  9. Steal Away (The Night) (Osbourne, Rhoads, Daisley) 3:28

Tracce Bonus (edizione 2001)[modifica | modifica wikitesto]

  • 10. You Lookin' At Me Lookin' At You (Osbourne, Rhoads, Daisley) 4:16

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Note Aggiuntive[modifica | modifica wikitesto]

  • Nella versione del 2002, dopo le battaglie legali di Lee Kerslake e Bob Daisley contro di lui per mancati diritti d'autore, Ozzy ha cancellato le parti strumentali dei due musicisti. Esse sono state ri-registrate dal bassista Robert Trujillo e dal batterista Mike Bordin.
  • L'album è stato inserito alla posizione numero 12 nella lista dei 100 migliori album metal di tutti i tempi, su DigitalDreamDoor.com[2]

Altri musicisti (edizione 2001)[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Art Music Cinema: Ozzy Osbourne Blizzard of Ozz 30th Anniversary
  2. ^ 100 Greatest Metal Albums at DigitalDreamDoor
Metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Metal