Museo nazionale romano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Museo nazionale romano
Roma09 flickr.jpg
Tipo Archeologia
Indirizzo via Enrico de Nicola 79 Roma (terme di Diocleziano)
largo di Villa Peretti 1 (palazzo Massimo)
via Sant’Apollinare 46 (palazzo Altemps)
via delle Botteghe Oscure 31 (Crypta Balbi)
Sito Sito istituzionale

Il Museo nazionale romano è un museo archeologico di Roma che ospita collezioni riguardanti la storia e la cultura della città in epoca antica. È stato interamente riorganizzato sotto l'egida della Soprintendenza dei Beni Archeologici della città di Roma.

Storia e collezioni[modifica | modifica wikitesto]

Il museo venne istituito nel 1889 (e inaugurato l'anno successivo), per raccogliere le antichità della città datate tra il V secolo a.C. e il III secolo d.C. Vi confluirono le collezioni archeologiche romane del Museo Kircheriano e i numerosi reperti che si andavano scoprendo nella città in seguito alle trasformazioni urbanistiche determinate dal nuovo ruolo di capitale del Regno di Italia, in un primo momento destinati ad essere esposti in un "Museo Tiberino", mai realizzato. Nel 1901 venne acquistata dallo Stato la villa Ludovisi e l'importante collezione di sculture antiche fu trasferita al museo.

La sede fu stabilita negli ambienti del convento costruito a partire dal Cinquecento nelle terme di Diocleziano. Il risanamento degli antichi ambienti termali fu avviato in occasione dell'Esposizione internazionale del 1911 e l'allestimento fu completato negli anni 1930.

Negli anni 1990 fu avviata una radicale trasformazione, che ha suddiviso le opere tra quattro diverse sedi espositive

Sedi[modifica | modifica wikitesto]

Palazzo Massimo alle Terme[modifica | modifica wikitesto]

Museo nazionale romano: ingresso della sede di Palazzo Massimo
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Museo nazionale romano di Palazzo Massimo e Palazzo Massimo alle Terme.

Il palazzo fu ricostruito tra il 1883 e il 1886 dall'architetto Camillo Castrucci sulla villa Montalto-Peretti come sede per il collegio per i Gesuiti. Dopo varie vicende fu infine acquistato dallo Stato nel 1981 e restaurato. La sede museale è stata inaugurata nel 1995 e completata nel 1998. Ospita la "sezione di arte antica" (opere di epoca tardo-repubblicana, imperiale e tardo-antica) e la "sezione di numismatica e oreficeria".

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

Galleria immagini[modifica | modifica wikitesto]

Presso la sede di Palazzo Massimo alle Terme, al terzo piano è conservato un pavimento a mosaico di epoca romana la cui datazione è collocabile fra il I secolo a.C. ed il I secolo d.C.. Al centro è presente un motivo geometrico con un cesto di frutta, tra cui spicca chiaramente un ananas, con il tipico colore, la caratteristica infiorescenza a spiga e le scaglie. Ad incuriosire è proprio la presenza di questo frutto originario dell’America tropicale, giunto in Europa solo dopo i viaggi di Cristoforo Colombo.[senza fonte]

Palazzo Altemps[modifica | modifica wikitesto]

Museo Nazionale Romano: ingresso della sede di Palazzo Altemps
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Museo nazionale romano di Palazzo Altemps e Palazzo Altemps.

Il palazzo, costruito nel XV secolo dalla famiglia Riario e rinnovato dal cardinale Marco Sittico Altemps nel XVI secolo ad opera di Martino Longhi, fu acquistato dallo Stato nel 1982 ed inaugurato nel 1997. Ospita la sezione di "storia del collezionismo" (sculture della collezione Boncompagni-Ludovisi, della collezione Mattei e di altre collezioni antiche) e la "raccolta egizia" del museo (opere provenienti dai santuari delle divinità orientali). Il palazzo comprende anche l'antico teatro privato, attualmente spazio adibito ad esposizioni temporanee, e la chiesa di Sant'Aniceto. Negli spazi aperti al pubblico sono evidenziate anche le tracce dell'evoluzione architettonica e decorativa del palazzo.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

Galleria immagini[modifica | modifica wikitesto]

Crypta Balbi[modifica | modifica wikitesto]

Museo Nazionale Romano: ingresso della sede alla Crypta Balbi
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Crypta Balbi.

La sede museale fa parte di un vasto complesso di edifici (le chiese di Santa Caterina dei Funari e San Stanislao dei Polacchi, circa 7.000 m2 con un patrimonio edilizio di circa 40.000 metri cubi) acquisito dallo Stato nel 1981 e che sorge, a sua volta, sul cortile porticato annesso al teatro di Balbo, fatto costruire da Lucio Cornelio Balbo nel 13 a.C., la Crypta Balbi, appunto.

Fu inaugurato nel 2001, ed ospita in alcune sale restaurate dell'isolato urbano costruito sopra l'antico edificio romano, un quadriportico alle spalle del teatro di Lucio Cornelio Balbo. Nella prima sezione ("Archeologia e storia di un paesaggio urbano") vengono presentati i risultati degli scavi archeologici condotti a partire dal 1981 nel complesso edilizio, compresi i resti antichi messi in luce. Una seconda sezione ("La città di Roma dall'antichità al medioevo. Archeologia e storia") illustra la vita e le trasformazioni della città tra il V e il X secolo.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

Galleria immagini[modifica | modifica wikitesto]

Terme di Diocleziano[modifica | modifica wikitesto]

Museo nazionale romano: ingresso della sede delle Terme di Diocleziano (il "Giardino dei Cinquecento")
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Museo nazionale romano delle Terme di Diocleziano e Terme di Diocleziano.

La sede storica, attualmente comprende sculture e materiali funerari o di arredo (giardini esterni, il "Giardino dei Cinquecento" e l'"androne", il "Chiostro di Michelangelo), la "sezione epigrafica", nelle sale precedentemente destinate ai capolavori, e la "sezione protostorica", al primo piano del chiostro. Le antiche sale termali tuttora conservate, sono utilizzate prevalentemente per esposizioni temporanee, in attesa di un definitivo allestimento per i reperti di alcuni importanti scavi urbani. Fanno parte della sede museale anche l'"Aula ottagona", riallestita nel 1991 (sculture provenienti dalle terme romane) e la contigua aula di Sant'Isidoro, ex-chiesa.

Opere esposte[modifica | modifica wikitesto]

Tra i reperti e le opere esposte si possono ammirare:

Museo del Palatino[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Antiquarium del Palatino.

Il Museo del Palatino è un museo situato sul colle Palatino a Roma.Fondato nella seconda metà del XIX secolo, esso ospita sculture, frammenti di affreschi e del materiale archeologico scoperto sul colle. Il museo è stato interamente riorganizzato sotto l'egida della Soprintendenza dei Beni Archeologici per presentare un panorama dei gusti artistici imperiali, da Augusto fino alla Tarda Antichità.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

Le raccolte furono spostate durante la Seconda Guerra Mondiale per ragioni di sicurezza, divenendo poi l'oggetto di un nuovo conflitto d'attribuzione tra l'Antiquarium del Palatino e il Museo Nazionale Romano. Quest'ultimo voleva mantenere al suo interno le opere più belle. Il Ministero dell'Istruzione, proprietario di entrambe le istituzioni, diede ragione al Museo Nazionale Romano, motivando la scelta con il fatto che i visitatori del Palatino si interessano innanzi tutto ai luoghi e, solamente in maniera molto secondaria, al museo che vi è ospitato. L’Antiquarium pertanto ora espone esclusivamente materiali legati in maniera diretta alla storia del Palatino.

Galleria immagini[modifica | modifica wikitesto]

Visitatori/introiti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2013 è risultato il ventunesimo sito statale italiano più visitato, con 247.795 visitatori e un introito lordo totale di 909.016,50 Euro.[1] Qui di seguito trovate una tabella riassuntiva dell'andamento complessivo degli ultimi quindici anni del Circuito del Museo Nazionale Romano, secondo i dati dell'ufficio statistico dei beni culturali italiani:[2]

ANNO

VISITATORI TOTALI

INTROITI LORDI

PREZZO MEDIO ENTRATA

2013[3]

247.796

€ 909.016,50

€ 3,668

2008[4]

251.535

€ 924.136,50

€ 3,673

2003[5]

262.380

€ 664.373,00

€ 2,532

1998[6]

342.548

€ 1.033.835,00

€ 3,018

Collegamenti[modifica | modifica wikitesto]

Logo Metropolitane Italia.svg
 È raggiungibile dalle stazioni: Termini e Repubblica.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, Visitatori e introiti dei musei
  2. ^ Visitatori e introiti di Musei, Monumenti e Aree Archeologiche Statali per anno.
  3. ^ Visitatori ed Introiti Musei, Monumenti e Aree Archeologiche Statali - ANNO 2013.
  4. ^ Visitatori ed Introiti Musei, Monumenti e Aree Archeologiche Statali - ANNO 2008.
  5. ^ Visitatori ed Introiti Musei, Monumenti e Aree Archeologiche Statali - ANNO 2003.
  6. ^ Visitatori ed Introiti Musei, Monumenti e Aree Archeologiche Statali - ANNO 1998.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]