Mirjana Lučić-Baroni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Mirjana Lučić)
Mirjana Lučić
Australian Open 2013 - Mirjana Lucic-Baroni.jpg
Mirjana Lučić-Baroni agli Australian Open 2013
Dati biografici
Nazionalità Croazia Croazia
Altezza 181 cm
Peso 65 kg
Tennis Tennis pictogram.svg
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 320 - 253
Titoli vinti 2 WTA, 4 ITF
Miglior ranking 32° (11 maggio 1998)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 2T (1998)
Francia Roland Garros 3T (2001)
Regno Unito Wimbledon SF (1999)
Stati Uniti US Open 4T (2014)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 69 - 66
Titoli vinti 2 WTA, 3 ITF
Miglior ranking 19º (26 ottobre 1998)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open V (1998)
Francia Roland Garros 3T (2013)
Regno Unito Wimbledon QF (2013)
Stati Uniti US Open 3T (2013)
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al 6 agosto 2014

Mirjana Lučić (Dortmund, 9 marzo 1982) è una tennista croata.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Mirjana iniziò a giocare a tennis all'età di 4 anni.

La tennista croata colse già importanti risultati tra le junior, tra cui la vittoria agli US Open del 1996 (a soli 14 anni) e all'Australian Open del 1997 (sia in singolo che in doppio).

Nel 1996 esordisce in Fed Cup con la maglia della Croazia, vincendo tutti e 7 i suoi incontri di singolare[1], e successivamente nel circuito ITF al torneo di Salisburgo[2] dove perde in finale contro Chanda Rubin dopo essere passata attraverso le qualificazioni. Assieme alla giocatrice statunitense di aggiudica il torneo di doppio.

L'anno successivo, al suo esordio nel circuito maggiore, giunge due volte in finale: nel torneo casalingo di Bol sconfigge Corina Morariu per 7-5, 6-7, 7-6, mentre a Strasbrugo viene sconfitta da Steffi Graf per 6-2 7-5. A Bol sconfigge in semifinale la n.10 del mondo Amanda Coetzer. Sempre nel 1997 si aggiudica il torneo ITF di Makarska[3] e giunge in finale in quello di Marsiglia[4] Esordisce nel Grande Slam perdendo al 3º turno degli US Open in 3 set (6-2 6-7 6-3) con la n.3 del mondo Jana Novotná. Chiude il suo primo anno da professionista al n.52 con soli 7 tornei disputati.

Nel 1998 si aggiudica il doppio all'Australian Open in coppia con Martina Hingis con cui vince anche la settimana successiva a Tokyo. Si ripete nel torneo di Bol, ancora in finale contro Corina Morariu (6-4 6-3 il punteggio) e raggiunge la semifinale agli Internazionali d'Italia, fermata da Martina Hingis, dopo aver battuto le francesci Mary Pierce (n.6) e Sandrine Testud. Dopo il torneo romano tocca la 32ª posizione in classifica, a tutt'oggi suo ranking più alto.

A Wimbledon raggiunge la finale del doppio misto in coppia con l'indiano Mahesh Bhupathi, dove la coppia viene sconfitta da Maks Mirny e Serena Williams per 64 64. Pochi giorni dopo Mirjana scappa insieme alla sua famiglia in America, aiutata dal connazionale Goran Ivanišević per sfuggire alle continue violenze del padre Marinko Lucic. Durante il resto dell'anno Mirjana, a cui dopo l'arrivo in America erano stati diagnosticati dei disturbi da stress post-traumatico, gioca pochi tornei giungendo comunque al 3º turno degli US Open.

Nel 1999, dopo un avvio di stagione sottotono, la tennista croata coglie il suo miglior risultato in una prova del Grande Slam, raggiungendo la semifinale a Wimbledon battendo Monica Seles (n.4) al 3º turno e Nathalie Tauziat (n.9) nei quarti. In semifinale viene battuta da Steffi Graf per 67 64 63.

Il 2000 si rivela essere un anno disastroso: la croata vince appena 5 match e precipita oltre la 200ª posizione mondiale e negli anni successivi non riesce a risalire nel tennis di vertice. Nel 2001 raggiunge comunque il 3º turno al Roland Garros passando dalle qualificazioni. Dopo aver perso al 1º turno delle qualificazioni agli US Open del 2003 abbandona il tennis giocato e nel 2004 esce dalla classifica WTA.

In quegli anni Mirjana era anche alle prese con una causa legale intentatale dalla IMG, una potente azienda di managment americana, con la quale Mirjana firmò un contratto di sponsorizzazione quadriennale del dicembre del 1998 e con cui erano successivamente sorti molti problemi riguardanti la corresponsponsione dei compensi. La causa legale, la mancanza di sponsor e il conseguente riflesso negativo che tutto ciò ebbe sul suo tennis, ridussero sul lastrico la tennista croata tanto da costringerla al ritiro. Tra il 2004 e il 2006 disputa appena 2 tornei.

Da più parti si è sospettato che dietro la causa dell'IMG ci sia stato lo zampino del padre.

Nel 2007 giocò 4 tornei grazie a delle generose wild-card offerte dagli organizzatori (tra cui gli Internazionali d'Italia), rientrando così nella classifica WTA attorno alla 400ª posizione.

Nel 2008 ritorna all'agonismo a pieno regime giocando principalmente tornei ITF. Nel maggio di quell'anno raggiunge i quarti al torneo di Firenze dove viene battuta dalla serbo-australiana Jelena Dokić, altra tennista la cui carriera è stata pesantemente condizionata dalle violenze del padre. In quel match Mirjana condusse 63 52 e 40-15, prima di cedere al 3º set.

Mirjana non ottenne altri risultati di rilievo fino all'autunno del 2009, quando giunge in finale al tornei ITF di Bayamon (sconfitta dalla paraguayana De Los Rios per 63 64 - comunque prima finale dal 1998) e in semifinale in altri due tornei, chiudendo l'anno intorno al n.250.

Il trend positivo è continuato nel 2010 con le vittorie nei tornei ITF di Jackson a maggio e ad Albuquerque a settembre ed anche con il ritorno, dopo quasi 8 anni, nelle prove del Grande Slam: a Wimbledon esce al 1º turno contro Viktoryja Azaranka e agli US Open sconfigge al 1º turno Alicia Molik per poi cedere a Jelena Janković (n.5 del mondo) in 3 set. In entrambi i tornei la croata era passata attraverso le qualificazioni. Nel circuito WTA supera le qualificazioni anche a Birmingham e Palermo, tornei in cui giunge agli ottavi del tabellone principale e a Stanford. Nel corso dell'anno coglie altre tre semifinali nel circuito ITF.

Il 25 ottobre 2010, dopo oltre 10 anni, Mirjana Lucic è rientrata tra le prime 100 giocatrici della classifica mondiale (n.98), chiudendo poi l'anno al numero 96.

Dopo un disastroso inizio di 2011 (8 uscite consecutive tra 1º turno e qualificazioni), conquista la prima vittoria in un tabellone principale nel torneo di Barcellona sconfiggendo 76 63 la russa Ekaterina Makarova, testa di serie n.4, prima di uscire contro la slovena Polona Hercog con un netto 61 62. I risultati migliori arrivano tra maggio e luglio, quando raggiunge i quarti sulla terra di Strasburgo, dopo essere passata per le qualificazioni, e sull'erba di Birmingham dove vince al 2º turno una partita tiratissima terminata 67 76 75 contro la nostra Roberta Vinci, n.30 del mondo (finora la miglior vittoria in termini di classifica di Mirjana Lucic dopo il suo ritorno all'attività del 2007). A Wimbledon viene sconfitta per 8-6 al 3° da Dominika Cibulkova, testa di serie n.24, che poi sarà capace di estromettere agli ottavi la numero 1 del mondo Caroline Wozniacki. Durante la seconda settimana del torneo di Wimbledon, raggiunge la semifinale del tornei ITF di Cuneo e la settimana successiva tocca la posizione n.85 della classifica WTA, finora la migliore posizione raggiunta dopo il ritorno all'attività. Nel resto della stagione la croata non riesce a mantenere tale classifica, riuscendo a vincere solo 2 partite del circuito WTA (agli US Open e a Quebec) e senza ottenere grandi risultati nemmeno nel circuito ITF (1 semifinale e 1 quarto), chiudendo la stagione al n.129.

Il 15 novembre 2011 Mirjana Lucic si è sposata a Sarasota con Daniele Baroni, uomo d'affari italoamericano con il quale la croata aveva una relazione da cinque anni.[5]

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Singolare[modifica | modifica sorgente]

Vittorie (2)[modifica | modifica sorgente]

Legenda: Fino al 2008 Legend: Dal 2009
Tornei del Grande Slam (0)
WTA Championships (0)
Tier I (0) Premier Mandatory (0)
Tier II (0) Premier 5 (0)
Tier III (0) Premier (0)
Tier IV (2) International (0)
N. Data Torneo Superficie Avversaria Punteggio
1. 4 maggio 1997 Croazia Croatian Bol Ladies Open, Bol Terra rossa Stati Uniti Corina Morariu 7–5, 64–7, 7–65
2. 3 maggio 1998 Croazia Croatian Bol Ladies Open, Bol (2) Terra rossa Stati Uniti Corina Morariu 6–4, 6–2

Sconfitte (1)[modifica | modifica sorgente]

Legenda: Fino al 2008 Legend: Dal 2009
Tornei del Grande Slam (0)
WTA Championships (0)
Tier I (0) Premier Mandatory (0)
Tier II (0) Premier 5 (0)
Tier III (1) Premier (0)
Tier IV (0) International (0)
N. Data Torneo Superficie Avversaria Punteggio
1. 24 maggio 1997 Francia Internationaux de Strasbourg, Strasburgo Terra rossa Germania Steffi Graf 2-6, 5-7

Doppio[modifica | modifica sorgente]

Vittorie (2)[modifica | modifica sorgente]

Legenda: Fino al 2008 Legenda: Dal 2009
Tornei del Grande Slam (1)
WTA Championships (0)
Tier I (1) Premier Mandatory (0)
Tier II (0) Premier 5 (0)
Tier III (0) Premier (0)
Tier IV (0) International (0)
N. Data Torneo Superficie Partner Avversarie Punteggio
1. 1º febbraio 1998 Australia Australian Open, Melbourne Cemento Svizzera Martina Hingis Stati Uniti Lindsay Davenport
Bielorussia Nataša Zvereva
6-4, 2-6, 6-3
2. 8 febbraio 1998 Giappone Toray Pan Pacific Open, Tokyo Sintetico (i) Svizzera Martina Hingis Stati Uniti Lindsay Davenport
Bielorussia Nataša Zvereva
7-5, 6-4

Sconfitte (1)[modifica | modifica sorgente]

Legenda: Fino al 2008 Legenda: Dal 2009
Tornei del Grande Slam (0)
WTA Championships (0)
Tier I (0) Premier Mandatory (0)
Tier II (0) Premier 5 (0)
Tier III (0) Premier (0)
Tier IV (1) International (0)
N. Data Torneo Superficie Partner Avversarie Punteggio
1. 2 maggio 1998 Croazia Croatian Bol Ladies Open, Bol Terra rossa Sudafrica Joannette Kruger Argentina Laura Montalvo
Argentina Paola Suárez
walkover

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Fedcup
  2. ^ ITF Tennis - Pro Circuit - $25,000 Salzburg - 09 December - 15 December 1996
  3. ^ Info su itftennis.
  4. ^ Su itftennis
  5. ^ WTA | Off-Court News | Off-Court News | A Fairytale Wedding: Mirjana Lucic Marries

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]