Matti Nykänen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Matti Ensio Nykänen

Matti Ensio Nykänen (Jyväskylä, 17 luglio 1963) è un cantante ed ex saltatore con gli sci finlandese.

Fu il dominatore assoluto del salto con gli sci durante gli anni ottanta e uno dei più grandi campioni di tutti i tempi della specialità[1].

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Carriera sciistica[modifica | modifica sorgente]

Matti Nykänen
Dati biografici
Nome Matti Ensio Nykänen
Nazionalità Finlandia Finlandia
Altezza 177 cm
Peso 54 kg
Salto con gli sci Ski jumping pictogram.svg
Dati agonistici
Squadra Jyväskylän Hiihtoseura
Ritirato 1991
Palmarès
Olimpiadi 4 1 0
Mondiali 6 2 3
Mondiali di volo 1 1 3
Mondiali juniores 1 0 0
Coppa del Mondo 4 trofei
Torneo dei quattro trampolini 2 trofei
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Stagioni 1981-1982[modifica | modifica sorgente]

Nykänen debuttò a livello internazionale l’11 febbraio 1981 vincendo i Mondiali juniores a Schonach; esordì in Coppa del Mondo ancora diciassettenne il 6 marzo dello stesso anno cogliendo il 6º posto nella tappa di casa di Lahti dal trampolino normale. Il giorno successivo, sempre a Lahti ma dal trampolino lungo, salì per la prima volta sul podio, arrivando secondo alle spalle del connazionale Jari Puikkonen. Tuttavia, dopo questo brillante risultato, non prese parte ad altre tappe di Coppa per quella stagione.

Il primo successo in Coppa del Mondo arrivò durante la stagione seguente, nella seconda tappa di Coppa ad Oberstdorf, in quella che per lui era appena la terza presenza in una gara del massimo circuito mondiale; la definitiva consacrazione si ebbe ai Mondiali di Oslo, nei quali, oltre a ottenere il quarto posto nel trampolino normale, conquistò il bronzo nella gara a squadre dal trampolino lungo e vinse il titolo iridato nella gara individuale sempre dal trampolino lungo.

Stagioni 1983-1985[modifica | modifica sorgente]

Nel 1983 fece suoi i due trofei più importanti: il Torneo dei quattro trampolini e la Coppa del Mondo; inoltre si mise al collo la medaglia di bronzo ai Mondiali di volo svoltisi a Harrachov.

L'anno dopo vinse la medaglia d'oro dal trampolino lungo e l'argento su quello normale ai XIV Giochi olimpici invernali di Sarajevo 1984, valide anche ai fini iridati, e conquistò anche la medaglia d’oro nell’unica gara dei Mondiali svoltasi a Engelberg, quella a squadre, poiché questa specialità non rientrava tra quelle previste ai Giochi olimpici. Oltre a ciò stabilì il record del mondo di volo con gli sci con 185 metri dal trampolino Heini Klopfer di Oberstdorf[senza fonte].

Nel stagione seguente si aggiudicò i Mondiali di volo a Planica. Con questo successo Nykänen completò il suo straordinario palmarès con l'unico titolo ancora mancante e prima di compiere ventidue anni aveva già vinto almeno una volta tutte le principali competizioni internazionali del salto con gli sci. Sempre nel 1985 si svolserò anche i Mondiali di a Seefeld, dove vinse nuovamente l’oro nella gara a squadre e si aggiudicò il bronzo nella gara individuale dal trampolino lungo. A fine stagione trionfò per la seconda volta in Coppa del Mondo.

Stagioni 1986-1988[modifica | modifica sorgente]

Nel 1986 stabilì nuovamente il primato del mondo con un volo di 191 metri[senza fonte], vinse la sua terza sfera di cristallo e si mise al collo la medaglia di bronzo ai Mondiali di volo svoltosi a Tauplitz. Nel 1987 vinse un’altra medaglia d’oro nella gara a squadre e un argento nell’individuale dal trampolino normale ai Mondiali di Oberstdorf.

Matti Nykänen raffigurato su un francobollo emesso per onorare le tre medaglie d’oro conquistate ai XV Giochi olimpici invernali di Calgary 1988

Il 1988 fu la sua migliore stagione. A gennaio vinse per la seconda volta il Torneo dei quattro trampolini. In febbraio, ai XV Giochi olimpici invernali di Calgary 1988, vinse tutte e tre le medaglie d'oro in palio, i due titoli individuali dal trampolino normale e dal trampolino lungo e la gara a squadre con la nazionale finlandese. In marzo vinse la sua quarta Coppa del Mondo, con dieci vittorie di gara al suo attivo.

Stagioni 1989-1991[modifica | modifica sorgente]

Nel 1989 conquistò le sue due ultime vittorie in Coppa del Mondo, ma in classifica generale si piazzò nono, nella rassegna iridata di Lahti centrò ancora l’oro nella gara a squadre e il bronzo in quella individuale dal trampolino lungo. Nella stagione seguente salì per l’ultima volta sul podio in una gara di Coppa del Mondo, il 9 dicembre 1989 durante la terza prova di stagione, e conseguì la medaglia d’argento ai Mondiali di volo di Vikersund.

La sua carriera agonistica si chiuse il 10 febbraio 1991 ai Mondiali della Val di Fiemme con un 50º posto nella gara dal trampolino lungo, undici anni dopo il suo esordio sulla scena internazionale e a ventisette anni, lasciando un palmarès tra i più ricchi della storia di questa disciplina, con il record di 46 vittorie in Coppa del Mondo e quattro coppe di cristallo vinte, quattordici medaglie mondiali e cinque medaglie olimpiche.

Carriera musicale[modifica | modifica sorgente]

Matti Nykänen
Fotografia di Matti Nykänen
Nazionalità Finlandia Finlandia
Genere Pop
Periodo di attività 1991 – in attività
Album pubblicati 3

Dopo il ritiro tentò con alterno successo la carriera di cantante pop. Pubblicò tre album; il primo nel 1992, intitolato Yllätysten yö ("La notte delle sorprese"), vendette oltre 25.000 copie e gli valse anche un disco d'oro in Finlandia. Il secondo del 1993, intitolato Samurai, e il terzo del 2006, Ehkä otin, ehkä en ("A volte ho preso, a volte no"), non ripeterono il successo del primo Lp[1].

Altre attività[modifica | modifica sorgente]

Nykänen si dedicò per un breve periodo alla carriera politica, venendo eletto consigliere nel comune di Uurainen nel 1996, incarico che ricoprì fino al 1998[1]. A causa di alcuni problemi finanziari alla fine degli anni novanta dovette anche lavorare come spogliarellista in un casinò per un breve periodo[1].

Nelle ultime stagioni agonistiche emerse il suo problema con l'alcolismo[senza fonte], ma con il passare degli anni la questione divenne decisamente più seria tanto da portarlo ad avere più volte guai giudiziari. Il 24 agosto 2004 Matti Nykänen è stato arrestato con l'accusa di tentato omicidio dopo aver pugnalato un amico durante una rissa mentre era ubriaco; il 27 ottobre 2004 è stato giudicato colpevole e condannato a due anni e due mesi di reclusione, pena che gli è stata dimezzata in quanto incensurato[1].

Nel settembre del 2005, Quattro giorni dopo essere uscito di prigione, è stato nuovamente arrestato con l’accusa di violenza nei confronti della moglie e il 16 marzo 2006 ha subito una nuova condanna a quattro mesi di reclusione[1]. Poco dopo il suo rilascio ha aggredito un uomo in un ristorante a Korpilahti; nonostante una prima sentenza lo avesse condannato a due anni di prigione, la pena gli è stata poi commutata in due mesi di detenzione e una sessantina di ore di servizi sociali[1]. Nel 2009 debuttò come conduttore televisivo, presentando un programma di cucina[1].

Il 24 agosto 2010 gli è stata comminata una pena di un anno e quattro mesi di detenzione per aver ferito con un coltello la moglie il giorno di Natale del 2009[1][2]. Nel 2003 venne pubblicata la sua autobiografia in tedesco intitolata Grüße aus der Hölle ("Saluti dall'Inferno"), mentre nel 2006 uscì nelle sale cinematografiche finlandesi un film biografico intitolato Matti e fu un vero successo: ben un finlandese su dieci infatti comprò il biglietto per vedere la trasposizione su pellicola delle gesta sportive e non del saltatore finlandese[senza fonte]

Nell'autunno del 2007 Nykänen ricominciò la pratica del salto con gli sci a livello amatoriale in competizioni seniores. Il 28 febbraio 2008 a Taivalkoski vinse l'International Masters Championship, competizione che è considerata come titolo mondiale dei veterani[senza fonte], dal trampolino normale[3]; ha preso parte alla competizione anche nel 2010 a Žiri/Kranj, conquistando il bronzo dal trampolino normale[4], e nel 2011 a Harrachov, dove ha vinto nuovamente la medaglia d’oro sempre dal trampolino normale[5].

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Olimpiadi[modifica | modifica sorgente]

Mondiali[modifica | modifica sorgente]

Mondiali di volo[modifica | modifica sorgente]

Mondiali juniores[modifica | modifica sorgente]

Coppa del Mondo[modifica | modifica sorgente]

  • Vincitore della Coppa del Mondo nel 1983, nel 1985, nel 1986 e nel 1988
  • 73 podi (tutti individuali), oltre a quelli conquistati in sede olimpica e iridata e validi anche ai fini della Coppa del Mondo:
    • 44 vittorie
    • 21 secondi posti
    • 8 terzi posti

Coppa del Mondo - vittorie[modifica | modifica sorgente]

Data Località Nazione Trampolino
30 dicembre 1981 Oberstdorf bandiera Germania Ovest Schattenberg K115[8]
12 marzo 1982 Tauplitz Austria Austria Kulm K165
18 dicembre 1982 Cortina d'Ampezzo Italia Italia Italia K92
4 gennaio 1983 Innsbruck Austria Austria Bergisel K106[8]
15 gennaio 1983 Lake Placid Stati Uniti Stati Uniti MacKenzie Intervale K114
16 gennaio 1983 Lake Placid Stati Uniti Stati Uniti MacKenzie Intervale K114
23 gennaio 1983 Thunder Bay Canada Canada Big Thunder K120
18 febbraio 1983 Vikersund Norvegia Norvegia Vikersundbakken K155
19 febbraio 1983 Vikersund Norvegia Norvegia Vikersundbakken K155
20 febbraio 1983 Vikersund Norvegia Norvegia Vikersundbakken K155
27 febbraio 1983 Falun Svezia Svezia Lugnet K112
26 marzo 1983 Planica bandiera Jugoslavia Letalnica K92
2 marzo 1984 Lahti Finlandia Finlandia Salpausselkä K88
4 marzo 1984 Lahti Finlandia Finlandia Salpausselkä K113
17 marzo 1984 Oberstdorf bandiera Germania Ovest Heini Klopfer K182
18 marzo 1984 Oberstdorf bandiera Germania Ovest Heini Klopfer K182
4 gennaio 1985 Innsbruck Austria Austria Bergisel K106[8]
9 febbraio 1985 Sapporo Giappone Giappone Miyanomori K90
1º marzo 1985 Lahti Finlandia Finlandia Salpausselkä K88
10 marzo 1985 Holmenkollen Norvegia Norvegia Holmenkollen K105
23 marzo 1985 Štrbské Pleso Cecoslovacchia Cecoslovacchia MS 1970 K88
24 marzo 1985 Štrbské Pleso Cecoslovacchia Cecoslovacchia MS 1970 K114
11 gennaio 1986 Harrachov Cecoslovacchia Cecoslovacchia Čerťák K120
17 gennaio 1986 Klingenthal Germania Est Germania Est Aschberg K102
25 gennaio 1986 Sapporo Giappone Giappone Miyanomori K90
26 gennaio 1986 Sapporo Giappone Giappone Ōkurayama K112
1º marzo 1986 Lahti Finlandia Finlandia Salpausselkä K88
2 marzo 1986 Lahti Finlandia Finlandia Salpausselkä K113
22 marzo 1986 Planica Jugoslavia Jugoslavia Srednija K90
7 dicembre 1986 Thunder Bay Canada Canada Big Thunder K120
1º marzo 1987 Lahti Finlandia Finlandia Salpausselkä K88
8 marzo 1987 Falun Svezia Svezia Lugnet K112
5 dicembre 1987 Thunder Bay Canada Canada Big Thunder K89
6 dicembre 1987 Thunder Bay Canada Canada Big Thunder K120
19 dicembre 1987 Sapporo Giappone Giappone Miyanomori K90
19 dicembre 1987 Sapporo Giappone Giappone Ōkurayama K115
1º gennaio 1988 Garmisch-Partenkirchen bandiera Germania Ovest Große Olympiaschanze K107[8]
3 gennaio 1988 Innsbruck Austria Austria Bergisel K106[8]
6 gennaio 1988 Bischofshofen Austria Austria Paul Ausserleitner K111[8]
20 gennaio 1988 Sankt Moritz Svizzera Svizzera Olympiaschanze K84
4 marzo 1988 Lahti Finlandia Finlandia Salpausselkä K90
6 marzo 1988 Lahti Finlandia Finlandia Salpausselkä K114
17 dicembre 1988 Sapporo Giappone Giappone Miyanomori K90
1º gennaio 1989 Garmisch-Partenkirchen bandiera Germania Ovest Große Olympiaschanze K107[8]

Torneo dei quattro trampolini[modifica | modifica sorgente]

Campionati finlandesi[modifica | modifica sorgente]

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Album[modifica | modifica sorgente]

Singoli[modifica | modifica sorgente]

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g h i j k Profilo su sports-reference.com. URL consultato il 30 gennaio 2012.
  2. ^ L'ultima follia di Nykänen. Accoltella la moglie a Natale in La Gazzetta dello Sport, 27 dicembre 2009. URL consultato il 25 marzo 2011.
    Matti Nykänen torna in galera in Wintersport-news.it, 25 giugno 2011. URL consultato il 30 dicembre 2012.
  3. ^ Referto della gara. URL consultato il 25 marzo 2011.
  4. ^ Referto della gara. URL consultato il 25 marzo 2011.
  5. ^ Referto della gara. URL consultato il 25 marzo 2011.
  6. ^ a b Gara valida anche ai fini iridati.
  7. ^ a b c d Gara valida anche ai fini della Coppa del Mondo.
  8. ^ a b c d e f g Gara valida anche ai fini del Torneo dei quattro trampolini.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 28134902