Macbeth (film 1971)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Macbeth
Francesca-annis-trailer.jpg
Francesca Annis in una scena del film
Titolo originale The Tragedy of Macbeth
Lingua originale inglese
Paese di produzione Regno Unito, Stati Uniti
Anno 1971
Durata 140 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere epico, drammatico
Regia Roman Polanski
Soggetto William Shakespeare
Sceneggiatura Roman Polanski, Kenneth Tynan
Produttore Andrew Braunsberg, Hugh Hefner, Victor Lownes
Fotografia Gilbert Taylor
Montaggio Alastair McIntyre
Musiche The Third Ear Band
Scenografia Wilfred Shingleton, Fred Carter e Bryan Graves
Interpreti e personaggi
Premi

Macbeth è un film del 1971 diretto da Roman Polanski, tratto dall'omonima opera shakespeariana.

Caratteristica preponderante è il gran numero di scene macabre e/o dai toni molto cupi. Questo è il primo film del regista Roman Polanski dopo il brutale assassinio da parte della setta satanica di Charles Manson della moglie incinta Sharon Tate. Qualcuno sostiene che la ragione della crudezza di alcune scene vada ricercata nello choc subito.

È stato presentato fuori concorso al 25º Festival di Cannes.[1]

Trama[modifica | modifica sorgente]

Incitato dal responso di una profezia di tre streghe che lo vede incoronato re e dall'ambiziosa moglie, Macbeth uccide brutalmente il re Duncan di Scozia. Per assicurarsi il trono fa assassinare poi il suo fedele compagno e amico Banquo, al quale le streghe avevano promesso di diventare padre di una stirpe di re. La scia di violenza prosegue e Lady Macbeth presa forse dal rimorso si ammala gravemente per poi morire. Anche Macbeth, ormai schiavo delle predizioni delle streghe, viene infine ucciso dai rivoltosi che riportano sul trono il legittimo erede Malcolm.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Official Selection 1972, festival-cannes.fr. URL consultato il 17 giugno 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema