Per favore, non mordermi sul collo!

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Per favore, non mordermi sul collo!
Per favore, non mordermi sul collо!.png
una scena del film
Titolo originale Dance of the Vampires (USA: The Fearless Vampire Killers, or Pardon Me, But Your Teeth Are in My Neck)
Lingua originale inglese
Paese di produzione Regno Unito, Stati Uniti d'America
Anno 1967
Durata 107 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia horror, parodia
Regia Roman Polanski
Soggetto Roman Polanski, Gérard Brach
Sceneggiatura Roman Polanski, Gérard Brach
Produttore Gene Gutowski
Fotografia Douglas Slocombe
Montaggio Alastair McIntyre
Musiche Krzysztof Komeda
Scenografia Wilfred Shingleton, Fred Carter
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Per favore, non mordermi sul collo! è un film di Roman Polanski del 1967.

Il film è un omaggio, ricco di ironia, alla cinematografia vampiresca ed è stato spesso visto come un'esplicita parodia dei film della Hammer.

Nel film, Polanski cerca di riunire in un'unica pellicola tutte le situazioni tipiche del cinema vampiresco, esposte in sequenza volutamente accademica (il cacciatore di vampiri, il villaggio dei montanari, la bella insidiata dal mostro, il vampiro aristocratico e tenebroso, il mostruoso servitore, il castello tra le montagne...), epurate della loro componente più macabra per dare risalto al lato fiabesco e avventuroso, quando non esplicitamente comico, e spesso ribaltate di significato (come l'inutile crocifisso utilizzato contro il vampiro ebreo Shagall o lo specchio finale, che fa scoprire non la diversità del vampiro, ma quella dei mortali). In un'atmosfera fiabesca e fantastica (ben espressa dalle scenografie di Wilfred Shingleton e dalla fotografia di Douglas Slocombe), la storia si muove liberamente tra il gotico e la commedia, mescolando abilmente i generi e sviluppandosi in una serie di trovate esilaranti, assemblate con il gusto infantile per il divertimento puro. [1] [2]

Trama[modifica | modifica sorgente]

Il professore Abronsius, autore di importanti studi sul fenomeno del vampirismo, giunge con il suo assistente Alfred nei pressi di un castello della Transilvania abitato da un gruppo di vampiri.

Spinto dalla sua curiosità Abronsius penetra nel castello insieme ad Alfred, il quale è intenzionato a portare in salvo Sarah, la giovane figlia del locandiere Shagal, rapita dal conte Von Krolock.

I due cadono ben presto prigionieri del conte, il quale decide di trasformarli in vampiri ed associarli al suo gruppo.

Prima che von Krolock riesca a realizzare il suo disegno, Abronsius e Alfred riescono però a fuggire portando con loro Sarah. Infatti, imprigionati in una torre del castello Abronsius e Alfred abbattono la porta blindata con una cannonata, si mescolano fra i vampiri partecipanti ad un ballo, ma sono traditi dal fatto di essere gli unici a riflettersi in uno specchio.

Sono quindi costretti ad una ulteriore rocambolesca fuga, in cui coinvolgono anche Sarah. Imperdonabile errore, poiché la giovane è già stata trasformata da von Kroloc in vampira e non tarderà a contagiare anche lo sventurato Alfred.

Il professor Abronsius, non accortosi di nulla, porterà con sé Alfred e Sarah che ormai diventati vampiri contageranno il mondo intero.

Storia produttiva[modifica | modifica sorgente]

Primo film a budget relativamente alto di Polanski, la pellicola subì diverse traversie produttive. Dopo l'iniziale scelta di girare tra le montagne dell'Austria, il set venne improvvisamente trasferito sulle Dolomiti italiane, presso Ortisei e sull'Alpe di Siusi, mentre il ruolo di Sarah passò da Jill St. John a Sharon Tate, allora moglie del regista. Il regista entrò in più occasioni in conflitto con i produttori per mantenere la propria indipendenza creativa.
Dopo le riprese, il film venne rimontato senza la supervisione di Polanski e reintitolato per il mercato USA (l'originale Dance of the Vampires venne così sostituito con il più leggero The Fearless Vampire Killers, or Pardon Me, But Your Teeth Are in My Neck, cercando di dare più risalto alla componente comica e parodistica).
Benché il personaggio di Alfred sia di fatto uno dei protagonisti, il nome di Polanski come attore non compare nei titoli di testa né nelle locandine.

Nel 1996 è stato tratto dal film il fortunatissimo musical teatrale Tanz der Vampire, scritto da Michael Kunze e Jim Steinman e diretto dallo stesso Polanski.
Notevole l'influenza della pellicola nel cinema successivo. La scena del ballo dei vampiri è apertamente citata nell'analoga sequenza del film Van Helsing, mentre la pellicola italiana Fracchia contro Dracula presenta numerose analogie con il film di Polanski.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il Mereghetti-Dizionario dei film, BCDEditore, Cles (Tn), 2007
  2. ^ Patrick, Filmographie de Roman Polanski, in Cahiers du Cinéma, 1969/208

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema