Snowdonia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Snowdonia (disambigua).
Parco nazionale Snowdonia
Eryri
Llyn Llydaw from Crib Goch 2.jpg
Tipo di area parco nazionale
Stati Regno Unito Regno Unito
Regioni Galles
Superficie a terra 2.700 km²
Provvedimenti istitutivi 1951

Snowdonia (in lingua gallese: Eryri) è una regione del nord del Galles, istituita in parco nazionale dal 1951. L'ampiezza dell'area è di circa 2.700 km quadrati.

Nome e confini attuali dell'area protetta[modifica | modifica wikitesto]

Il nome deriva da quello del monte Snowdon (1.085 m s.l.m.), il più elevato del Galles. Secondo alcuni il termine deriverebbe a sua volta da eryr ("aquila"), ma altri ritengono che semplicemente esso fosse utilizzato per inidcare le alture locali come provato dallo studioso gallese sir Ifor Williams.[1] Nel medioevo il titolo di Principe di Galles e Signore di Snowdonia (Tywysog Cymru ac Arglwydd Eryri) venne usato da Llywelyn ap Gruffudd; suo nonno Llywelyn Fawr utilizzò a suo tempo il titolo di Principe del Galles del nord e Signore di Snowdonia.

Prima della designazione dei confini del parco nazionale, col termine "Snowdonia" si indicava generalmente un'area più ristretta, a nord di Gwynedd centrata sul massiccio di Snowdon, mentre l'attuale parco copre un'area di due volte più grande e si estende a sud sino a Meirionnydd.

Il Parco Nazionale di Snowdonia[modifica | modifica wikitesto]

lo Snowdonia National Park (Template:Lang-cy) venne fondato nel 1951 come il terzo parco nazionale in Gran Bretagna dopo Peak District e Lake District. Esso copre una superficie di 827 miglia quadrate, oltre a 37 miglia (59,545728 km) di costa.[2][3]

Il parco è governato dalla Snowdonia National Park Authority, che è composta da membri del governo locale e rappresentanti gallesi, con sede a Penrhyndeudraeth. A differenza di altri parchi nazionali in altri paesi, Snowdonia (e altri parchi in Gran Bretagna) sono costituiti da possedimenti pubblici e privati sottoposti comunque ad un'unica autorità centrale. La suddivisione dei terreni di Snowdonia è la seguente:

Panorama di buona parte del massiccio di Snowdon tra cui il monte stesso (al centro a destra) ripreso da Mynydd Mawr. Il Glyderau è visibile sullo sfondo.
Proprietario Percentuale (%)
Privati 69.9
Forestry Commission 15.8
National Trust 8.9
CCW 1.7
National Park Authority 1.2
Compagnia delle acque 0.9
Altri 1.6
Cave in disuso presso Llanberis nelle colline del Glyderau

Più di 26.000 persone vivono nell'area del parco, dei quali circa il 62% parla gallese.[4][5] Il parco attrae ogni anno circa sei milioni di visitatori, da dividere tra quelli in giornata e quelli che vi soggiornano, rendendo così l'area la terza più visitata in Inghilterra e Galles.[6]

Sebbene gran parte del territorio sia montuoso, vi è uno spazio significativo riservato all'attività agricolturale all'interno del parco.

Dopo la riorganizzazione del governo locale del 1998, il parco comprende gran parte di Gwynedd, e parte della contea di Conwy. Esso è retto da 18 membri dello Snowdonia National Park Authority; 9 membri nominati da Gwynedd, 3 da Conwy, ed i restanti 6 dalla National Assembly for Wales a rappresentare gli interessi nazionali.[7]

Stranamente, lo Snowdonia National Park ha al proprio interno un'enclave, attorno al villaggio di Blaenau Ffestiniog, una cava di estrazione di ardesia. Quest'area è stata deliberatamente esclusa dal parco per permettere la ripresa dell'ormai decimata industria dell'estrazione nel Galles.

Nel 1967 è stata inoltre costituita la Snowdonia Society, un'associazione caritatevole che si occupa di promuovere l'interesse nell'area e nella sua protezione ed è grazie all'azione di Amory Lovins che in particolare negli anni '70 gran parte delle aree minerarie della Rio Tinto è stata strappata allo sfruttamento industriale.[8]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ifor Williams, Enwau Lleoedd (Liverpool, 1945), p. 18. L'articolo è nel Bulletin of the Board of Celtic Studies, vol. IV, pp. 137–41. Il plurale gallese di eryr (aquila) è eryrod o eryron, e quindi non eryri. Una seconda parola eryr, plurale eryri, significa "ciotoli" in moderno gallese; la traduzione più accreditata sembrerebbe dunque essere quella che si riferisce all'idea di "alture" o "terre alte"
  2. ^ Alison Culliford, National Parks – The complete guide to Britain's national parks, The Independent, 24 luglio 1999.
  3. ^ Our national parks, MSN.
  4. ^ Helen Thomas, Make the most of Snowdonia, The Independent, 28 ottobre 2001.
  5. ^ The Welsh Language, Snowdonia National Park Authority.
  6. ^ Park Profile 2007. Snowdonia National Park Authority.
  7. ^ Mike Walkey, Swingland, Ian Richard e Russell, Shaun, Integrated protected area management, Springer, 1999, pp. 91, ISBN 978-0-412-80360-4.
  8. ^ John Vidal, Amory Lovins: energy visionary sees renewables revolution in full swing in The Guardian, 18 febbraio 2014.