Mac App Store

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mac App Store
L'interfaccia del Mac App Store

L'interfaccia del Mac App Store
Sviluppatore Apple Inc.
Ultima versione 1.2.1 (19 settembre 2012)
Sistema operativo Mac OS X
Genere Distribuzione digitale (non in lista)
Licenza Software proprietario
(Licenza chiusa)
Sito web apple.com/it/mac/app-store

Il Mac App Store è un servizio creato da Apple sviluppato per Mac OS X che permette agli utenti di scaricare e acquistare applicazioni disponibili in iTunes Store. È stato annunciato per la prima volta il 20 ottobre 2010 all'evento Back to the Mac tenuto dal CEO Apple Steve Jobs. Dal 3 dicembre 2010, gli sviluppatori hanno iniziato a inviare le loro applicazioni in vista della futura pubblicazione sul Mac App Store,[1] distribuito il 6 gennaio 2011 come parte dell'aggiornamento a Mac OS X 10.6.6.[2] In un comunicato ufficiale di Apple è stato annunciato che in sole 24 ore dal lancio il Mac App Store ha superato il milione di download,[3] con oltre 1.000 applicazioni immediatamente disponibili.[2] A fine aprile 2012 il negozio ha raggiunto i 10 000 programmi scaricabili.[4]

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Simile all'App Store disponibile per i dispositivi iOS, Apple ha adottato diverse restrizioni anche per il Mac App Store. Prima di poter essere acquistate, le applicazioni devono essere preventivamente approvate da Apple.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Apple invita gli sviluppatori ad inviare le loro applicazioni per il Mac App Store, iSpazio.net. URL consultato il 7-12-2010.
  2. ^ a b Articolo lancio Mac App Store su Macity.
  3. ^ Mac App Store: un milione di download nel primo giorno, Melablog.it, 7-01-2011. URL consultato il 7-01-2011.
  4. ^ Mac App Store a quota 10 000 app, TheAppleLounge.com, 28-04-2012. URL consultato il 30-04-2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Apple Portale Apple: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Apple