Lingua casciuba

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Casciubo (Kaszëbsczi jãzëk)
Parlato in Polonia
Persone 106.000[1]
Scrittura Alfabeto casciubo
Filogenesi Lingue indoeuropee
 Lingue slave
  Lingue slave occidentali
   Lingue lechitiche
Codici di classificazione
ISO 639-2 csb
ISO 639-3 csb  (EN)
SIL csb  (EN)
Estratto in lingua
Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo, art. 1
=Wszëtczi lëdze rodzą sã wòlny ë równy w swòji czëstnoce ë swòjich prawach. Mają òni dostóne rozëm ë sëmienié ë nôlégô jima pòstãpòwac wobec drëdzich w dëchù bracënotë.
Segnale stradale bilingue: Polacco e Casciubo
Percentuale di persone che parlano Casciubo a casa (2002)
Area dei dialetti casciubi all'inizio del XX secolo

La lingua casciuba (kaszëbsczi jãzëk) è una lingua indoeuropea parlata in Polonia, nel Voivodato della Pomerania sul Mar Baltico.

Distribuzione geografica[modifica | modifica sorgente]

Secondo il censimento del 2011, i locutori di casciubo in Polonia sono 106.000.[1]

Secondo Ethnologue,[2] la lingua è attestata anche in Canada.

Dialetti e lingue derivate[modifica | modifica sorgente]

Secondo Ethnologue,[2] il dialetto slovinzo è un dialetto ormai estinto della lingua casciuba.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Possiamo parlare del casciubo come lingua a sé stante a partire dal XIV secolo. I più antichi documenti conservati in questo idioma sono:

  • 1586 Duchowne piesnie Dra Marcina Luthera i inszich naboznich męzow (Canti religiosi di Martin Lutero e altri uomini pii), traduzione dal tedesco del pastore Szymon Krofej
  • 1643 Mały Catechism Niemiecko-Wándalski abo Slowięski (Piccolo catechismo tedesco-venedo o slavo), traduzione dal tedesco del pastore Michał Pontanus

La forma scritta del casciubo attualmente utilizzata è una evoluzione di quella proposta da Florian Ceynowa nel Zarés do grammatikj kasebsko-slovjnskjé mòvé (Compendio di grammatica della lingua casciubo-slava), pubblicato a Poznań nel 1879.

Classificazione[modifica | modifica sorgente]

Il casciubo appartiene al gruppo delle lingue slave, sottogruppo delle lingue slave occidentali, ramo lechitico.[2] Fino a poco tempo fa tra i linguisti era diffusa la convinzione che si trattasse semplicemente di un dialetto polacco. Nel 2003 gli è stato assegnato il codice internazionale a tre lettere CSB, secondo la normativa ISO 639-2. Con la legge del 6 gennaio 2005 sulle minoranze nazionali, etniche e linguistiche, che riprende le direttive UE, il casciubo è stato riconosciuto dallo stato polacco come lingua ufficiale che può essere utilizzata dagli organi amministrativi accanto al polacco. In Polonia esistono attualmente alcune decine di scuole in cui i bambini studiano il casciubo. Dal 2005 esiste la possibilità di dare l'esame di maturità in questa lingua. In casciubo vengono pubblicati giornali e libri e vengono trasmessi programmi televisivi e radiofonici.

Grammatica[modifica | modifica sorgente]

Parziale conservazione della forma tart dello slavo antico tort:

  • gard (città, cfr. polacco gród)
  • parmiń (raggio, cfr. polacco promień)

Palatalizzazione delle consonanti per ar:

  • cwiardi (duro, cfr. polacco twardy)
  • czwiôrtk (giovedì, cfr. polacco czwartek)

Assenza della cosiddetta e mobile:

  • pòrénk (mattino, cfr. polacco poranek)
  • kùńc (fine, cfr. polacco koniec)

Assenza della palatalizzazione delle consonanti s, z, c, dz:

  • swiat (mondo, cfr. polacco świat)
  • zëma, zemia (inverno, terra, cfr. polacco zima, ziemia)

Sistema di scrittura[modifica | modifica sorgente]

Il casciubo è composto in alfabeto casciubo una variante dell'alfabeto latino comprendente le seguenti lettere:

aA ąĄ ãà bB cC dD eE éÉ ëË fF gG hH iI jJ kK lL łŁ
mM nN ńŃ oO òÒ óÓ ôÔ pP rR sS tT uU ùÙ wW yY zZ żŻ

Esempi[modifica | modifica sorgente]

Testo del Padre Nostro in casciubo:

Òjcze nasz, jaczi jes w niebie,
niech sã swiãcy Twòje miono,
niech przińdze Twòje królestwò,
niech mdze Twòja wòlô
jakno w niebie tak téż na zemi.
Chleba najégò pòwszednégò dôj nóm dzysô
i òdpùscë nóm naje winë,
jak i më òdpùszcziwómë naszim winowajcóm.
A nie dopùscë na nas pòkùszeniô,
ale nas zbawi òde złégò. Amen

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Narodowy Spis Powszechny Ludności i Mieszkań 2011. Raport z wyników, Główny Urząd Statystyczny.
  2. ^ a b c (EN) Lewis, M. Paul, Gary F. Simons, and Charles D. Fennig (eds), Kashubian in Ethnologue: Languages of the World, Seventeenth edition, Dallas, Texas, SIL International, 2013.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • A. Labuda, Słownik polsko-kaszubski/Słowôrz kaszëbskò-pòlsczi, Danzica 1981
  • F. Lorentz, Gramatyka pomorska, Wrocław 1958-1962
  • B. Sychta, Słownik gwar kaszubskich na tle kultury ludowej, Wrocław - Varsavia - Cracovia 1967 - 1976
  • G. Pobłocki, Słownik kaszubski z dodatkiem idyotyzmów chełmińskich i kociewskich, Chełmno 1887
  • H. Popowska-Taborska, W. Boryś, Słownik etymologiczny kaszubszczyzny, Varsavia 1994 - 2002
  • S. Ramułt, Słownik języka pomorskiego czyli kaszubskiego, Cracovia 1893
  • J. Treder: Język kaszubski. Poradnik encyklopedyczny, Danzica 2002
  • J. Trepczyk: Słownik polsko-kaszubski, Danzica 1994
  • C.F. Voegelin & F.M. Voegelin: Classification and index of the World's languages, Elsevier, New York 1977

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]