Gaius Baltar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gaius Baltar
Messenger Six e Gaius Baltar
Messenger Six e Gaius Baltar
Universo Battlestar Galactica
Autori
1ª app. in Prima parte (miniserie)
Ultima app. in L'ultimo salto (serie)
Interpretato da James Callis
Voce italiana Fabio Boccanera
Specie umana
Sesso Maschio
Luogo di nascita Aerelon
Professione scienziato

Gaius Baltar è un personaggio dell'universo immaginario di Battlestar Galactica interpretato da James Callis nella miniserie del 2003 e nella serie televisiva del 2004. È l'inconsapevole corresponsabile del genocidio della razza umana, perpetrato dai Cyloni.

Personalità[modifica | modifica wikitesto]

Narcisista, egocentrico, egoista, incline al tradimento e con un debole per le donne. Sono queste le caratteristiche iniziali del personaggio di Gaius Baltar. Fra i più importanti scienziati dell'universo, le sue opinioni saranno inizialmente molto rispettate e prese in considerazione sul Galactica, spesso anche per il modo teatrale con cui Gaius riesce a vendere le proprie parole. Padronanza di linguaggio che in più di un'occasione sarà la sua arma di salvezza. Inizialmente ateo, con il passare del tempo comincerà a credere in Dio, fino a fondare un movimento monoteista.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Inizi[modifica | modifica wikitesto]

Gaius Baltar nasce nella colonia di Aerelon, un grande pianeta agricolo conosciuto come "il cestino di cibo delle 12 colonie". Nacque e visse in un caseificio al di fuori del comune di Cuffle's Breath Wash. All'età di 10 anni, capì che il dialetto di Aerelon poteva essere dannoso per i suoi sogni di carriera, e si allenò per acquisire il dialetto di Caprica nella speranza che un giorno potesse essere considerato un cittadino di una delle colonie più rispettate e ricche. Al compimento di 18 anni lasciò Aerelon. Baltar diventò un importante scienziato informatico, un esperto di genetica e un ricercatore della difesa di Caprica, e fu un personale amico del Presidente Richard Adar. Divenne noto anche per le sue controverse idee sull'intelligenza artificiale, il cui divieto veniva considerato come un passo indietro per l'umanità stessa.

La distruzione delle Dodici Colonie[modifica | modifica wikitesto]

Numero 6

All'inizio dello show (nella miniserie), Gaius è coinvolto in una relazione con una donna bionda. Credendo lavorasse in una compagnia impegnata nel settore della difesa, e desiderando una relazione stabile con lei, le diede i codici di accesso al mainframe della difesa di Caprica in modo di trarne vantaggio in caso di un futuro contratto. In cambio la donna lo aiuta a progettare un programma di navigazione utilizzabile dalle navi da guerra coloniali. Grazie ai codici ottenuti, la donna, che si rivela esser un Cylone, il Numero Sei, permette agli altri Cyloni di accedere ai sistemi di difesa coloniali e disattivarli, riuscendo così a mettere in pratica un massiccio attacco nucleare nelle Dodici Colonie e sterminando la maggior parte della razza umana. Baltar è così inconsapevole responsabile del genocidio, e riesce a salvarsi dalle esplosioni protetto dal corpo del Numero Sei.

Scienziato nella Flotta[modifica | modifica wikitesto]

Poco dopo l'attacco Cylone, Baltar riesce a raggiungere, anche grazie alla sua fama, il Galactica. Qui comincia ad avere visioni del Numero Sei, che inizialmente le rivela che i Cyloni gli hanno impiantato un chip nel cervello per continuare a comunicare con lui, influenzandone, per non dire imponendogli, la maggior parte delle scelte che in futuro farà. Ad esempio, lo convince a farsi dare una testata nucleare, per realizzare un rivelatore di Cyloni. Successivamente il Virtual Six, rivelerà la sua vera natura, ovvero di essere un messaggero di Dio, il cui compito è guidare Gaius al suo destino: dare alla luce con il Numero Sei ad un figlio; bambino che in realtà scoprirà successivamente essere l'ibrido figlio di Helo e Athena (Numero Otto).

Carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

Le abilità oratorie e la grande fama avvicinarono ben presto Gaius al Presidente Laura Roslin, che prima lo nomina rappresentante di Caprica al Consiglio delle Dodici Colonie, poi suo vicepresidente. Scoperto che in realtà la Roslin non si fida di lui e lo teneva vicino solo per controllarlo, Baltar si allea con l'ex terrorista Tom Zarek e si candida come Presidente delle Dodici Colonie. Vince le elezioni, nonostante i tentativi di brogli da parte dell'esercito, grazie alla promessa di stabilire i superstiti su New Caprica, un pianeta abitabile scoperto durante la corsa alla presidenza. Il governo Baltar dura un anno, e termina bruscamente con l'occupazione da parte dei Cyloni e la resa incondizionata degli umani. Da quel momento il governo cade nelle mani dei Cyloni pur restando formalmente guidato da Baltar e i suoi ministri. L'occupazione dura quattro mesi, finché la flotta comandata da Adamo riesce a mettere in salvo i sopravvissuti e ad abbandonare New Caprica. Per Gaius, considerato come un traditore, l'unica alternativa è unirsi ai Cyloni.

Insieme ai Cyloni[modifica | modifica wikitesto]

Giunto sulle basi stellari Cyloni, Gaius riprende la sua relazione con Numero Sei, a cui ben presto si aggiunge Numero Tre, conosciuta anche come D'Anna. Con quest'ultima si forma un sodalizio al fine di scoprire l'identità degli Ultimi Cinque Cyloni dall'aspetto umano. D'Anna riuscirà a vedere l'aspetto degli Ultimi Cinque; tuttavia, in breve muore, e Gaius non riuscirà a sapere niente, anche perché catturato dai membri della Flotta Coloniale.

Il ritorno nella Flotta[modifica | modifica wikitesto]

Accusato di tradimento viene imprigionato sul Galactica, qui inizialmente tenta il suicidio per scoprire se è uno degli Ultimi Cinque, tentativo che comunque è infruttuoso per l'intervento del Ten. Gaeta. Viene quindi drogato da Adamo, allo scopo di ottenere una piena ammissione di colpevolezza per quanto successo a New Caprica. Viene alla fine deciso il suo processo, che soprattutto grazie alle parole di Lee Adamo, il quale fa leva su i vari tradimenti perdonati nel corso del viaggio per la ricerca della Terra, vedono Gaius Baltar prosciolto da ogni accusa di tradimento e il ripristino della piena libertà. Abbandonato anche dai suoi avvocati, una volta tornato in libertà viene accolto da una setta di donne, che hanno iniziato un culto in onore di Baltar e dell'unico vero Dio. Dopo aver dato finalmente prova di coraggio, partecipando alla missione di salvataggio della piccola Hera, finirà per stabilirsi con Caprica Sei sulla Terra, dove ormai cambiato intenderà coltivare del terreno agricolo come suo padre.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Il modo di fare a tratti sopra le righe e teatrale di Baltar non era originariamente previsto fra le caratteristiche del personaggio, è stata uno scelta apportata di propria iniziativa dall'attore James Callis, accolta poi favorevolmente dagli autori.
  • Il nome Gaius, è un omaggio a Gaio Giulio Cesare.
  • Gaius Baltar detiene il record di relazioni con Cyloni, ben 6, 4 con differenti modelli di Numero Sei, più le relazioni con D'Anna (Numero Tre) e Tory (Una degli Ultimi Cinque)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vice-Presidente delle Dodici Colonie Successore
Tom Zarek
Predecessore Presidente delle Dodici Colonie Successore
Laura Roslin Laura Roslin
televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione