Laura Roslin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Laura Roslin
Laura Roslin.png
Universo Battlestar Galactica
Autori
1ª app. in Prima parte (miniserie)
Ultima app. in L'ultimo salto (serie)
Interpretata da Mary McDonnell
Voce italiana Roberta Greganti
Specie umana
Sesso Femmina
Luogo di nascita Caprica
Professione Presidente delle Dodici Colonie di Kobol
Affiliazione Flotta Coloniale

Laura Roslin è un personaggio dell'universo immaginario di Battlestar Galactica, interpretato da Mary McDonnell nella miniserie e nella serie televisiva omonima. Riveste il ruolo di Presidente delle Dodici Colonie.

Storia legata al personaggio[modifica | modifica sorgente]

Fuga dalle Colonie[modifica | modifica sorgente]

Laura Roslin iniziò la sua carriera politica come Segretaria all'Istruzione sotto il governo del Presidente Richard Adar; i due hanno un rapporto amichevole, poiché la Roslin lavorava con lui sin da quando era sindaco di Caprica. Quando Adar decise di impiegare le forze armate contro gli insegnanti che protestavano, la Roslin si oppose e riuscì a far cessare la protesta, promettendo che il governo avrebbe ascoltato le critiche. Decisamente contrariato, il Presidente le impose le dimissioni, ma lei, che sarebbe dovuta partire per il Galactica, gli promise che al suo ritorno avrebbe combattuto per la carica.

Poco prima di partire, la Roslin fu informata di essere malata di cancro al seno. Nonostante gli avvertimenti del suo medico, ella partì per partecipare alla cerimonia di "pensionamento" del Galactica. Dopo la festa, durante il ritorno su Caprica, le giunsero le notizie dell'attacco cylone e della Caduta delle Dodici Colonie. Essendo morti il Presidente, il Vicepresidente delle Dodici Colonie e tutti i membri del governo, la Roslin fu nominata Presidente delle Dodici Colonie dalla sacerdotessa Elosha. A bordo del Colonial One, ella si mise alla ricerca di altri profughi.

La presidenza[modifica | modifica sorgente]

Ricongiuntasi con il Galactica con un gran numero di sopravvissuti, la Roslin riuscì a convincere il Comandante Adamo a desistere dal voler combattere a tutti i costi i Cyloni, superiori di numero, e a partire invece alla ricerca di salvezza e di un'altra galassia dove poter sopravvivere. Durante il viaggio, nonostante i rapporti spesso freddi con il comandante del Galactica, la Roslin gestì magistralmente il lato civile e politico della Flotta Coloniale.

Volendo ridare vita al governo delle Dodici Colonie, la Roslin istituì un nuovo Consiglio dei Dodici, ovvero l'assemblea dei rappresentanti delle Colonie, cui prese parte anche il terrorista Tom Zarek in rappresentanza di Sagittarion. Il primo emendamento fu l'elezione del Vicepresidente delle Dodici Colonie, carica cui Zarek aspirava, ma che fu ottenuta invece dal dottor Gaius Baltar, sostenitore della Roslin.

Il carisma e la lungimiranza della Roslin in politica furono però accompagnate da una estrema crudeltà verso i Cyloni, di cui ideò l'uccisione mediante espulsione dal portello di scarico delle navi su cui venivano trovati.

Condottiera dell'umanità[modifica | modifica sorgente]

Adamo aveva promesso ai sopravvissuti delle Dodici Colonie di condurli sul pianeta Terra, dove tutto aveva avuto inizio. Fu però la Roslin che, a seguito di una serie di visioni, si rivelò essere la guida dell'umanità, confermata da Elosha. Perciò, quando Kara Thrace rubò un caccia Cylone, la Roslin la convinse a tornare a Caprica e recuperare la Freccia di Apollo, che avrebbe indicato agli uomini la strada da Kobol alla Terra.

Il piano del Presidente andava però contro quello del Comandante Adamo, che voleva inviare il caccia a distruggere un incrociatore nemico in orbita intorno a Kobol. Quando Scorpion partì per Caprica, Adamo fece arrestare la Roslin per aver sobillato l'ammutinamento a bordo del Galactica e la depose dall'incarico.

Quando Adamo venne ferito da Numero Otto, Lee Adamo e parte dell'equipaggio del Galactica la aiutarono a fuggire e a ricongiungersi con il Consiglio dei Dodici, proprio mentre il Colonnello Taigh proclamava la legge marziale. La Roslin si recò su Kobol assieme a Lee Adamo, Tom Zarek, Kara Thrace con la Freccia di Apollo e al nuovo Numero Otto.

Raggiunta da Adamo, finalmente guarito e pentito delle sue azioni, ella riuscì a trovare la Tomba di Atena e a tracciare una labile e insicura strada per la Terra. Finalmente riunita la Flotta Coloniale, Adamo sciolse la legge marziale e reintegrò il legittimo governo.

In fin di vita[modifica | modifica sorgente]

Proprio mentre il Galactica veniva raggiunto dalla Pegasus, le condizioni della Roslin degenerarono. Ella rimase cosciente abbastanza per assistere alla morte dell'Ammiraglio Cain e a proclamare Adamo nuovo ammiraglio.

Ormai in fin di vita e in serio pericolo di morte, la Roslin venne portata a bordo del Galactica, dove però le sue condizioni rivelarono che aveva pochi giorni di vita. Venne salvata solamente dal dottor Gaius Baltar, che scoprì che il feto di Sharon, incinta del figlio di Karl Agathon, aveva delle proprietà curative per il cancro. Tutto questo durerà fino alla fine delle stagioni televisive quando poi, come aveva predetto la profezia di Pythia, scoprirà che il cancro si è riformato nuovamente e lei, leader morente, giungerà sul pianeta che tutti hanno sognato e rincorso ma che solo grazie a "Hera", la figlia di Athena e Helo, e a Scorpion, ritornata alla vita dopo la morte sotto forma di messaggero divino, verrà trovato dalla flotta coloniale. Ella verrà sepolta dal suo amato William Adamo, vicino al luogo da Lui scelto per costruire la casa che avrebbe tanto desiderato.

Predecessore Presidente delle Dodici Colonie Successore
Richard Adar Legge marziale (Saul Tigh de facto)
Predecessore Presidente delle Dodici Colonie Successore
Legge marziale (Saul Tigh de facto) Gaius Baltar
Predecessore Vice-Presidente delle Dodici Colonie Successore
Tom Zarek Tom Zarek
Predecessore Presidente delle Dodici Colonie Successore
Tom Zarek Tom Zarek ad interim
Predecessore Presidente delle Dodici Colonie Successore
Lee Adamo ad interim
fantascienza Portale Fantascienza: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fantascienza