Flavio Bucci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Flavio Bucci (Torino, 25 maggio 1947) è un attore, doppiatore e produttore cinematografico italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato da una famiglia originaria di Casacalenda in provincia di Campobasso, e di Orta Nova in provincia di Foggia, si è formato professionalmente presso la Scuola del teatro Stabile di Torino, dopodiché è stato chiamato al cinema da Elio Petri, che lo volle come protagonista del suo film La proprietà non è più un furto (1973).

Nel 1977 si fece conoscere dal grande pubblico interpretando lo sceneggiato televisivo RAI Ligabue, diretto da Salvatore Nocita, con il quale tornerà a lavorare in televisione nei Promessi Sposi (1989): sempre per il piccolo schermo ha recitato nella Piovra (1984) di Damiano Damiani e in L'avvocato Guerrieri - Ad occhi chiusi (2008) di Alberto Sironi.

Al cinema, dopo aver lavorato con Giuliano Montaldo in L'Agnese va a morire (1976), Circuito chiuso (1978) e Il giorno prima (1987), è stato chiamato per interpretare ruoli di caratterista in Il marchese del Grillo di Mario Monicelli (1981), Tex e il signore degli abissi (1985), Secondo Ponzio Pilato (1987), Teste rasate (1993), Il silenzio dell'allodola (2005) e Il Divo di Paolo Sorrentino (2008).

Ha sposato Micaela Pignatelli dalla quale ha avuto due figli Alessandro e Lorenzo. Ha avuto un terzo figlio, Ruben, da una relazione con la produttrice olandese Loes Kamsteeg.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Flavio Bucci, secondo da sinistra, in una scena de Il Divo (2008)
Flavio Bucci in Ligabue (1977)

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Doppiaggio[modifica | modifica sorgente]

Film cinema[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 95080779 LCCN: nr2001039973