Chi ha paura di Virginia Woolf?

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chi ha paura di Virginia Woolf?
Opera teatrale in tre atti
Autore Edward Albee
Titolo originale Who’s afraid of Virginia Woolf?
Lingua originale Inglese
Composto nel 1962
Prima assoluta 13 ottobre 1962
Billy Rose Theatre, Broadway
Personaggi
  • George
  • Martha
  • Nick
  • Honey
Riduzioni cinematografiche Chi ha paura di Virginia Woolf?, film di Mike Nichols del 1966
 

Chi ha paura di Virginia Woolf? (Who's afraid of Virginia Woolf?) è un dramma teatrale che ha debuttato a Broadway nel 1962 ed è tuttora plurirappresentato in tutto il mondo.

Nonostante il successo riscosso da questa sua opera, essa è rimasta praticamente l'unica conosciuta al grande pubblico tra quelle scritte dal suo autore, il drammaturgo statunitense Edward Albee.

Nel 1966 ne è stato tratto un film, interpretato da Richard Burton ed Elizabeth Taylor nei ruoli dei protagonisti, per la regia di Mike Nichols.

La trama[modifica | modifica sorgente]

Martha e George sono una coppia di mezza età che ha invitato a casa un giovane collega di lui e sua moglie. Tra un bicchiere e l'altro, complici l'ora tarda e i fumi dell'alcool, i quattro si addentrano in una specie di "gioco della verità" che porta le due coppie a mettere a nudo tutto di sé, soprattutto i padroni di casa. Martha sostanzialmente accusa George di essere un fallito portato in alto professionalmente dal padre di lei, George accusa Martha di essere una bambina viziata buona a nulla, entrambi approfittano dell'ingenuità dei loro due giovani ospiti per prendersi gioco di loro e dei loro problemi di coppia, quasi "invidiati" nella loro leggerezza di fronte ai cocci di un matrimonio ormai in pezzi come quello di Martha e George. In un crescendo di cupezza, Martha e George, lasciati soli dalla fuga dei loro ospiti, si ritrovano a piangere sul cadavere di un figlio immaginario, che George ha approfittato per far "morire". Ma, chissà, forse è l'inizio di un nuovo equilibrio...

Il ruolo di Virginia Woolf[modifica | modifica sorgente]

La figura di Virginia Woolf non ha alcuna attinenza con il dramma: il titolo è un gioco di parole con la canzoncina Chi ha paura del grande lupo cattivo? (Who's Afraid of the Big Bad Wolf?), che George e Martha canticchiano di quando in quando, evocando con essa il "lupo cattivo" presente nella loro esistenza, e al contempo la "Virginia Woolf" che c'è in loro, squilibrata e suicida come il loro matrimonio, anche se talora la coppia più giovane pare essere una rappresentazione onirica, una versione di Martha e George, partorita solo ed esclusivamente dalla mente dei due.

Rappresentazioni[modifica | modifica sorgente]

Un allestimento del dramma in Italia portò la firma di Gabriele Lavia, impegnato anche nella parte di George, accompagnato da Mariangela Melato nelle vesti di Martha. Con loro Agnese Nano (Honey) ed Emiliano Iovine (Nick). Lo spettacolo debuttò al Teatro Verdi di Pisa il 3 febbraio 2005.

Da ricordare la messa in scena di Ileana Ghione del 2003 e quella in cui Alberto Lupo cadde vittima della sua malattia.

teatro Portale Teatro: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di teatro