Morte di un commesso viaggiatore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Morte di un commesso viaggiatore (disambigua).
Morte di un commesso viaggiatore
Dramma in due atti ed un requiem
Autore Arthur Miller
Titolo originale Death of a Salesman
Lingua originale Inglese
Ambientazione A New York e a Boston
Composto nel 1949
Prima assoluta 10 febbraio 1949
Morosco Theatre a New York
Premi * Pulitzer Prize for Drama 1949
  • Tony Award per miglior dramma 1949
  • New York Drama Critics' Circle Award per miglior dramma 1949
Personaggi
  • Willy Loman
  • Linda
  • Biff
  • Happy
  • Bernard
  • La donna
  • Charley
  • Zio Ben
  • Howard Wagner
  • Jenny
  • Stanley
  • Signorina Forsythe
  • Letta
Riduzioni cinematografiche * Morte di un commesso viaggiatore , di László Benedek (1952)
 

Morte di un commesso viaggiatore (Death of a Salesman, 1949) è il testo più conosciuto dell'opera drammaturgica di Arthur Miller.

Il dramma, considerato uno dei più importanti del teatro contemporaneo statunitense, affronta i temi del conflitto familiare, della critica al sogno americano, e della responsabilità morale dell'individuo.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Willy Loman è un commesso viaggiatore di 63 anni, ossessionato dall'idea del successo e dal perseguimento ad ogni costo della felicità materiale indotti dalla società americana. Nel corso di uno dei suoi viaggi di lavoro, si accorge di non essere più in grado di guidare la sua vettura e rientra a casa disperato, accolto dalla moglie Linda. Biff e Happy, i loro due figli ormai adulti, si trovano a casa quella sera, per incontrarsi dopo anni di lontananza. Mentre Linda e Willy discutono dei loro figli e del fatto che nessuno dei due sia una persona di successo, i due ragazzi intanto parlano del padre e Happy racconta a Biff come negli ultimi tempi il loro genitore sia sempre più strano, tanto da parlare da solo di eventi passati. Si apprende anche come Happy abbia un lavoro di basso livello; inoltre, in molte occasioni ha avuto delle relazioni con le future mogli dei suoi datori di lavoro. Nel frattempo il padre esce di casa ed inizia a vagabondare per la città parlando da solo: riporta alla memoria eventi passati e felici della famiglia Loman; Biff, quando era giovane, stava per ottenere il diploma alla scuola superiore: numerose università gli avevano anche offerto borse di studio per le sue doti di giocatore di football. Nel presente intanto, la madre e i figli discutono delle condizioni del padre e li informa del fatto che Willy ha già tentato il suicidio. Biff e Happy si mostrano volenterosi nell'aiutarlo e quando il capofamiglia rientra in casa, gli comunicano che il giorno dopo Biff andrà a cercare un lavoro da un suo vecchio conoscente.

L'apertura del secondo atto vede Willy tentare di ottenere un lavoro fisso che non sia più quello del commesso viaggiatore, a New York: si reca dal suo datore di lavoro, che addirittura lo licenzia sgarbatamente. Willy è quindi costretto ad elemosinare soldi da un suo caro amico, Charley. I figli ed il padre si incontrano al termine della giornata in un ristorante; Biff non riesce ad ammettere di aver fallito l'ennesimo tentativo di trovare un lavoro stabile e remunerativo. I due giovani invece di cenare con il padre si accostano a due donne, presumibilmente prostitute, ed escono dal ristorante con loro mentre a Willy affiorano dalla memoria altri ricordi: in passato ha avuto un'amante ("la donna") e Biff, trovandoli insieme, ha perso la sua fiducia nel padre, rinunciando a seguire i corsi che gli avrebbero permesso di guadagnare l'accesso all'università. Willy rientra a casa e quando anche Biff e Happy rientrano hanno un acceso diverbio; grazie all'aiuto di Linda sembra che anche questo litigio sia risolto, ma Willy lascia la casa e corre via in auto a folle velocità.

Il requiem finale narra del funerale che avviene pochi giorni dopo, nella totale indifferenza dei conoscenti di Willy, tanto che solo Charley e suo figlio Bernard presenziano oltre alla famiglia. Willy si è suicidato, forse per permettere alla famiglia di riscuotere il premio assicurativo sulla sua vita. Linda, chinata sulla tomba, porge l'ultimo saluto al marito, spiegando di non comprendere quel suo gesto estremo proprio nel giorno in cui avevano finito di pagare il mutuo della loro abitazione.

Adattamenti cinematografici[modifica | modifica sorgente]

Il dramma è stato trasposto sul grande schermo nel 1951 con Morte di un commesso viaggiatore diretto da László Benedek e interpretato da Fredric March, e nel 1985, con Morte di un commesso viaggiatore diretto da Volker Schlöndorff ed interpretato da Dustin Hoffman.

Interpreti teatrali[modifica | modifica sorgente]

Il dramma di Miller ha avuto una prima celebre edizione diretta da Elia Kazan con la straordinaria interpretazione di Lee J. Cobb. In Italia hanno recitato nel ruolo di Willy Loman grandi attori come Paolo Stoppa, Tino Buazzelli, Enrico Maria Salerno e Umberto Orsini.

Riferimenti nella cultura di massa[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

teatro Portale Teatro: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di teatro