Enzo Biliotti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Enzo Biliotti nel 1953

Enzo Biliotti (Lorenzo Biliotti; Livorno, 28 giugno 1887Bologna, 19 novembre 1976) è stato un attore italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Figlio di Francesco e di Ines Frati inizia la carriera teatrale come "attore brillante" nella Compagnia Carini-Gentili (1918-1921) per entrare successivamente in quella di Gemma Bolognesi. Fa parte anche di quella di Virgilio Talli (1922-1924), poi della Piccola Canobbiana di Milano nella stagione 1924-25 e quindi di quella del Teatro d'Arte di Roma nel 1925-26, per essere uno dei compagni di Alda Borelli nel 1926. Dina Galli lo vuole con sé per l'intera stagione 1927-28, quindi passa con la Migliari-Menichelli nel 1928-29 e in una compagnia di riviste diretta da Paolo Reni (1929-30. Guido Salvini lo scrittura per una produzione in grande stile nel 1930 affidandogli il personaggio di Fouché in Campo di maggio di Forzano, personaggio che egli riprende allorché lo stesso Forzano ne fa nel 1935 la versione cinematografica. Nel 1931 fa parte del folto cast della Za Bum n. 3 e nel 1938 è con la Tumiati-Bagni-Scelzo dove si distingue in una bella edizione dell'Adelchi manzoniano. Nel 1946 infine fa compagnia con Lilia Silvi.

Nel cinema viene sempre adoperato in ruoli da caratterista o di secondo piano; vi si accosta dai tempi del muto impersonando Fra Cristoforo ne I promessi sposi di Mario Bonnard (1923), che lo dirige nel 1940 ne La gerla di papà Martin. Il suo primo film sonoro è Villafranca (1933) dove impersona superbamente Napoleone III, che ripropone con arguzia ne La contessa Castiglione di Flavio Calzavara (1942). Biliotti si specializza nel disegnare magistralmente sovrani, imperatori, nobili e padri d'alto lignaggio. Fra le sue più gustose caratterizzazioni quella del Viceré in Un'avventura di Salvator Rosa di Blasetti (1939) e re Filippo IV in Don Cesare di Bazan di Freda (1942), oltre al già citato imperatore francese.

Sposato con Lia Di Lorenzo, alla fine degli anni cinquanta si è ritirato nell'istituto di riposo per attori Lyda Borelli di Bologna.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Gli attori Gremese editore - Roma 2003

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]