La donna più bella del mondo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La donna più bella del mondo
Gina Lollobrigida - La donna più bella del mondo.png
Lina Cavalieri (Gina Lollobrigida)
Lingua originale italiano
Paese di produzione Italia, Francia
Anno 1955
Durata 104 min
Colore colore (Eastmancolor)
Audio sonoro Mono
Rapporto 2,35 : 1
Genere biografico
Regia Robert Z. Leonard
Soggetto Maleno Malenotti
Sceneggiatura Cesare Cavagna, Liana Ferri, Luciano Martino, Mario Monicelli, Piero Pierotti, Franco Solinas, Giovanna Soria
Produttore Maleno Malenotti
Casa di produzione G.E.S.I. Cinematografica, Sédif Productions
Fotografia Mario Bava
Montaggio Eraldo Da Roma
Musiche Renzo Rossellini
Scenografia Veniero Colasanti, Alberto Boccianti, Mario Rappini
Costumi Veniero Colasanti, Vittorio Nino Novarese
Trucco Anacleto Giustini
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali
Premi

David di Donatello 1956 a Gina Lollobrigida come miglior attrice

La donna più bella del mondo è un film del 1955 diretto da Robert Z. Leonard. Rappresenta in forma romanzata la storia di Lina Cavalieri, vedette e poi cantante lirica degli inizi del secolo scorso.

Film che ottenne un grande successo, interpretato da Gina Lollobrigida nel ruolo di Lina Cavalieri (si dice doppiata nelle parti canore, in realtà la Lollobrigida aveva una bellissima voce ed è lei che canta nel film come annunciato nei titoli di testa) e da Vittorio Gassman nella parte del principe russo di cui questa si innamora.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La vita di Lina Cavalieri dalle prime rappresentazioni di stornelli e canzonette in piccoli teatri di provincia, all'affermazione come grande cantante lirica, fino al primo matrimonio con il principe russo. Famosa la scena della Tosca nella quale il maestro Doria (presumibilmente suo maestro di canto nella vita reale) innamorato della cantante, ma respinto, fa uccidere per gelosia il tenore, suo rivale, durante la fucilazione di Mario Cavaradossi.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film fu una coproduzione italo francese tra la G.E.S.I. Cinematografica e la Sédif Productions. Il produttore era Maleno Malenotti, cui si deve anche il soggetto del film.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Vittorio Gassman, che all'epoca del film aveva già interpretato oltre ventiquattro pellicole, non recitò con la sua voce ma fu doppiato da un altro grande attore, Enrico Maria Salerno perché, nonostante la perfetta dizione e le capacità interpretative di Gassman, la sua recitazione venne considerata eccessivamente "teatrale" per quel ruolo.
    Lo stesso personaggio interpretato da Gassman, Sergio Bariantine, è la mutazione italianizzata dell'originale, Aleksandr Bariatinsky.
  • Il film fu campione d'incassi al botteghino per l'anno 1956.
  • Gina Lollobrigida vinse il David di Donatello del 1956 come migliore attrice per la sua interpretazione di Lina Cavalieri.
  • Il film in parte è stato girato nella Reggia di Caserta.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema