Daniel Radcliffe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Daniel Radcliffe nel 2012

Daniel Jacob Radcliffe (Londra, 23 luglio 1989) è un attore britannico divenuto noto per aver interpretato Harry Potter nella serie di film omonima distribuiti dalla Warner Bros. tratti dai romanzi di J. K. Rowling.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Infanzia[modifica | modifica sorgente]

Daniel è figlio di Alan George Radcliffe, un agente letterario (con un passato da attore, nel film The Lonely Passion of Judith Hearne)[1] originario dell'Irlanda del Nord[2] e di religione protestante, e di Marcia Jeannine Gresham, un'agente di casting che vanta numerose collaborazioni in film della BBC, originaria di Westcliff-on-Sea e di religione ebraica.[3][4]

Inizialmente i genitori di Daniel erano alquanto restii a far intraprendere al proprio figlio una carriera da attore, ma i problemi di espressione verbale e socializzazione che afflissero Daniel durante la sua infanzia portarono ad un cambio di decisione.[5] E così, all'età di 10 anni, nel dicembre del 1999, interpretò il giovane David Copperfield nell'omonimo film, distribuito dalla BBC, e ispirato al romanzo di Charles Dickens.[6] In seguito, nel 2001, interpretò Mark Pendel ne Il sarto di Panama.[7][8]

Harry Potter[modifica | modifica sorgente]

Two young males and a young female are smiling for a camera.
Daniel Radcliffe, Emma Watson e Rupert Grint a Londra per la prima di Harry Potter e i Doni della Morte - Parte 2 (2011)

Nel 2000 partecipò ai provini per la trasposizione cinematografica della saga di Harry Potter e alla fine fu scelto per il ruolo del protagonista nella serie di film tratti dai libri di J. K. Rowling: Harry Potter e la pietra filosofale (2001), Harry Potter e la camera dei segreti (2002), Harry Potter e il prigioniero di Azkaban (2004), Harry Potter e il calice di fuoco (2005), Harry Potter e l'Ordine della Fenice (2007), Harry Potter e il principe mezzosangue (2009), Harry Potter e i Doni della Morte - Parte 1 (2010) e Harry Potter e i Doni della Morte - Parte 2 (2011).

Il 9 luglio 2007, Daniel ha partecipato con Emma Watson e Rupert Grint alla cerimonia chiamata Hands, Feet and Wands Ceremony avvenuta davanti a Grauman's Chinese Theatre in Hollywood.[9] Nel 2010 Daniel, sempre insieme a Watson e Grint, partecipa alla campagna dell'Associazione Librari Americani, denominata READ.[10]

Oltre a Harry Potter[modifica | modifica sorgente]

All'età di 16 anni, Radcliffe è diventato il più giovane non-reale che sia mai stato in un ritratto nella celebre pinacoteca National Portrait Gallery di Londra. Il 13 aprile 2006 il suo ritratto, disegnato da Stuart Pearson Wright, è stato presentato come parte di una nuova mostra presso il Royal National Theatre; fu poi spostato nella NPG dove risiede tuttora.[11]

Nel 2006 partecipa a Extras interpretando una parodia di se stesso.[12] Nel 2007 prende parte al film I ragazzi di dicembre[13][14] di Rod Hardy, e anche nel film per la televisione My Boy Jack.[15][16][17]

Da gennaio 2007 l'attore recita a teatro, nel dramma psicologico di Peter Shaffer Equus per la regia di Thea Sharrock.[18] Questa rappresentazione ha destato scalpore, in quanto Radcliffe interpreta scene di nudo integrale e particolarmente passionali.[19][20]

Da febbraio 2010 a gennaio 2012 Daniel recita nuovamente a teatro per un musical, chiamato How to Succeed in Business Without Really Trying.[21][22] Il 3 gennaio 2012 è stato sostituito nel ruolo di J. Pierrepont Finch da Darren Criss.[23][24]

Nel febbraio 2012 è uscito il film horror di cui è protagonista: The Woman in Black.[25][26] Lo stesso anno è apparso nel video musicale del singolo Beginners, del duo inglese folk rock Slow Club.[27] A marzo del 2012 ha iniziato le riprese del film Kill Your Darlings[28][29], presentato in anteprima al Sundance Film Festival 2013.[30][31]

Nel 2013 è tornato a teatro, interpretando il ruolo del protagonista Billy Claven in The Cripple of Inishmaan, in scena al Noël Coward Theatre di Londra.[32][33] I prossimi ruoli interpretati da Radcliffe comprendono Igor in Frankenstein[34] e il reporter americano Jake Adelstein in Tokyo Vice.[35][36][37]

Impegno sociale[modifica | modifica sorgente]

Radcliffe nel 2011

L'attore si è schierato contro l'omofobia[38][39], ha preso parte a degli annunci di servizio pubblico nel 2009 per il progetto Trevor, promozione della consapevolezza dei gay e prevenzione del suicidio adolescenziale, a cui ha anche contribuito finanziariamente. Per il suo lavoro a favore dell'organizzazione, gli è stato conferito il premio "Hero" nel 2011[40].

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Grande appassionato di poesia[41], ne ha pubblicate diverse con lo pseudonimo di Jacob Gershon - una combinazione del suo secondo nome e la versione ebraica del nome da nubile di sua madre, Gresham.[42]

È alto 165 cm.[43] In un'intervista concessa nel 2009 al Telegraph si è dichiarato ateo e ammiratore di Richard Dawkins.[44] Daniel, inoltre, ama suonare il basso ed è un fan dei Beatles e degli Arctic Monkeys.[5] Ama guardare le gare di Formula 1 in televisione e gioca anche a tennis da tavolo. Inoltre è un fan del Fulham Football Club.[5]

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Attore[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Videoclip[modifica | modifica sorgente]

Doppiatore[modifica | modifica sorgente]

Teatro[modifica | modifica sorgente]

  • The Play What I Wrote (2002)
  • Equus (2007-2009)
  • How to Succeed in Business Without Really Trying (2011)
  • The Cripple of Inishmaan (2013)

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

  • Audience Choice Awards
    • 2011 - Vinto - Attore preferito in un musical per How to Succeed in Business Without Really Trying (2011)
    • 2011 - Vinto - Duo preferito (con John Larroquette) per How to Succeed in Business Without Really Trying (2011)
  • Drama League Awards
    • 2009 - Nomination - Migliore performance per Equus (2007-2008)
    • 2009 - Nomination - Outstanding Actor in a Play per Equus (2007-2008)
    • 2011 - Nomination - Distinguished Performance Award per How to Succeed in Business Without Really Trying (2011)
  • Glamour Awards
    • 2013 - Vinto - Man of the Year
  • Golden Apple Awards
    • 2001 - Vinto - Youth Male Discovery of the Year
  • Hero Award
    • 2011 - Vinto - Per il progetto Trevor
  • Jameson Empire Awards
    • 2013 - Vinto - Empire Hero Award
  • Shanghai International TV Festival
  • WhatsOnStage Awards
    • 2014 - Vinto - Best Actor in a Play per The Cripple of Inishmaan (2013)[45]

Doppiatori italiani[modifica | modifica sorgente]

  • Alessio Puccio ne Il sarto di Panama, Harry Potter e la pietra filosofale, Harry Potter e la camera dei segreti, Harry Potter e il prigioniero di Azkaban, Extras, Harry Potter e il calice di fuoco, Harry Potter e l'Ordine della Fenice, I ragazzi di dicembre, My Boy Jack, Harry Potter e il principe mezzosangue, Harry Potter e i Doni della Morte - Parte 1, Harry Potter e i Doni della Morte - Parte 2, Appunti di un giovane medico, Giovani ribelli - Kill Your Darlings
  • Davide Perino in The Woman in Black

Da doppiatore è sostituito da:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ IMDb Pro : Alan Radcliffe Business Details
  2. ^ Alan Radcliffe (I) - Biography
  3. ^ Marcia Gresham - Biography
  4. ^ IMDb Pro : Marcia Gresham Business Details
  5. ^ a b c Laura Frigierio, Daniel Radcliffe: dieci cose che non sapete di lui, Grazia, 15 ottobre 2013. URL consultato il 20 ottobre 2013.
  6. ^ Daniel Radcliffe nel cast di David Copperfield, movieplayer.it. URL consultato il 5 giugno 2011.
  7. ^ Il sarto di Panama, corriere.it. URL consultato il 5 giugno 2011.
  8. ^ Il sarto di Panama - Cast, mymovies.it. URL consultato il 5 giugno 2011.
  9. ^ Hands, Foot and Wand Print Ceremony Honoring "Harry Potter", hollywood.com. URL consultato il 10 settembre 2013.
  10. ^ Daniel Radcliffe impegnato nella campagna READ, mondoteen.com. URL consultato il 5 giugno 2011.
  11. ^ Potter star's portrait revealed, BBC News, 11 aprile 2006. URL consultato il 27 novembre 2012.
  12. ^ Daniel Radcliffe ospite a Extras, serialtv.it. URL consultato il 5 giugno 2011.
  13. ^ Daniel Radcliffe ne "I ragazzi di dicembre", movieplayer.it. URL consultato il 5 giugno 2011.
  14. ^ I ragazzi di dicembre, warnerhomevideo.it. URL consultato il 5 giugno 2011.
  15. ^ Rebecca Louie, 'Harry Potter' star Daniel Radcliffe is 'My Boy Jack', NYDailyNews.com, 18 aprile 2008. URL consultato il 30 settembre 2013.
  16. ^ Carla Cigognini, Daniel Radcliffe in My Boy Jack, cineblog.it, 3 agosto 2007. URL consultato il 30 settembre 2013.
  17. ^ Harry Potter è il figlio di Kipling, TGcom, 6 novembre 2007. URL consultato il 20 ottobre 2013.
  18. ^ Daniel Radcliffe tra Equus e il quinto capitolo di Harry Potter, cineblog.it. URL consultato il 5 giugno 2011.
  19. ^ Radcliffe nudo e sfrontato a teatro, TGcom, 21 febbraio 2007. URL consultato il 20 ottobre 2013.
  20. ^ Nudo integrale per Daniel Radcliffe nel dramma teatrale Equus, gossipblog.it. URL consultato il 5 giugno 2011.
  21. ^ Daniel Radcliffe trionfa a teatro, cinezapping.com. URL consultato il 5 giugno 2011.
  22. ^ Daniel Radcliffe torna a Broadway con un musical, diredonna.it. URL consultato il 5 giugno 2011.
  23. ^ Sophie Schillaci, 'Glee's' Darren Criss to Replace Daniel Radcliffe On Broadway, Hollywood Reporter, 8 gennaio 2011. URL consultato il 10 settembre 2013.
  24. ^ Corinne Heller, Darren Criss to replace Daniel Radcliffe in Broadway musical, ontheredcarpet.com, 8 gennaio 2011. URL consultato il 10 settembre 2013.
  25. ^ Carla Cigognini, The Woman in Black: intervista a Daniel Radcliffe (sottotitolata in italiano), cineblog.it, 27 febbraio 2012. URL consultato il 10 settembre 2013.
  26. ^ Manohla Dargis, A Haunted Lawyer? What Could Be Scarier? ‘Woman in Black,’ Starring Daniel Radcliffe, NYtimes.com, 2 febbraio 2012. URL consultato il 10 settembre 2013.
  27. ^ Kyle Anderson, Daniel Radcliffe emotes all over Slow Club's 'Beginners' video: Watch it here!, Entertainment Weekly, 19 giugno 2012. URL consultato il 30 settembre 2013.
  28. ^ Valentina Torlaschi, Daniel Radcliffe diventa poeta della Beat Generation!, screenweek.it, 20 marzo 2012. URL consultato il 20 ottobre 2013.
  29. ^ Kill Your Darlings: Michael C. Hall e Jennifer Jason Leigh accanto a Daniel Radcliffe, cineblog.it, 16 febbraio 2012. URL consultato il 30 settembre 2013.
  30. ^ Kill Your Darlings - Festival Program, sundance.org. URL consultato il 10 settembre 2013.
  31. ^ Damon Wise, Sundance film festival 2013: Kill Your Darlings - first look review, The Guardian, 20 gennaio 2013. URL consultato il 10 settembre 2013.
  32. ^ Noel Coward Theatre London - The Cripple of Inishmaan - tickets, information, reviews, london-theatreland.co.uk. URL consultato il 30 settembre 2013.
  33. ^ Noel Coward Theatre London - The Cripple of Inishmaan - Cast and creative, london-theatreland.co.uk. URL consultato il 30 settembre 2013.
  34. ^ Kevin Jagernauth, Daniel Radcliffe Is Putting It Together For Fox's 'Frankenstein', indiewire.com, 28 febbraio 2013. URL consultato il 1 marzo 2013.
  35. ^ Katey Rich, Daniel Radcliffe Will Fight The Yakuza In Thriller Tokyo Vice, cinemablend.com, 1 maggio 2013. URL consultato il 2 maggio 2013.
  36. ^ Daniel Radcliffe per Tokyo Vice, cineblog.it, 2 maggio 2013. URL consultato il 30 settembre 2013.
  37. ^ Daniel Radcliffe Takes Tokio Vice, comingsoon.net, 1 maggio 2013. URL consultato il 30 settembre 2013.
  38. ^ Daniel Radcliffe: «Harry Potter, a noi due!». URL consultato il 22 ottobre 2012.
  39. ^ Daniel Radcliffe to Receive Trevor Project's Hero Award, The Hollywood Reporter, 21 marzo 2011. URL consultato il 26 maggio 2011.
  40. ^ Daniel Radcliffe to be honored with Ernst & Young LLP during Trevor live at Capitale presented by ING. URL consultato il 22 ottobre 2012.
  41. ^ Raffaella Serini, Daniel Radcliffe, «sobrio e felice», Vanity Fair, 16 ottobre 2013. URL consultato il 20 ottobre 2013.
  42. ^ From Potter to poet: Daniel Radcliffe unmasked as a budding creative writer. URL consultato il 22 ottobre 2012.
  43. ^ Daniel Radcliffe Height - How tall, celebheights.com. URL consultato il 20 ottobre 2013.
  44. ^ Photos: Famous atheists and their beliefs, CNN, 25 maggio 2013. URL consultato il 20 ottobre 2013.
  45. ^ (EN) Full List: Winners of the 2014 WhatsOnStage Awards, whatsonstage.com, 23 febbraio 2014. URL consultato il 9 marzo 2014.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 69135529 LCCN: no2002045825