Cucina polacca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow.pngVoce principale: Polonia.

La cucina polacca (in polacco kuchnia polska) è molto varia, ma risulta difficile definirne l'origine e la tipicità. La cucina attuale infatti, è frutto dei cambiamenti storici, e delle numerose invasioni, che hanno profondamente influenzato la moda culinaria ed è il risultato della reinterpretazione delle influenze della cucina tedesca, francese, italiana ed ebraica.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Le cronache medioevali descrivono la cucina polacca come molto piccante e basata su carni e grani. Rispetto ad altre cucine europee dell'epoca erano molto usate le spezie, soprattutto il pepe, la noce moscata e il ginepro anche perché era fiorente l'importazione dai paesi orientali a prezzi bassi.

L'uso del miele e della rapa era molto comune. Tra gli alcolici più famosi la birra e l'idromele con il vino proveniente soprattutto da Slesia e Ungheria.

Nel 1518 la regina Bona Sforza rivoluzionò la cucina polacca portando nel paese i cuochi italiani.

Il primo ricettario polacco, il Compendium Ferculorum albo zebranie potraw, è stato pubblicato nel 1682 da Stanisław Czerniecki. Nel 1786 Wojciecha Wieldek dà alle stampe Kucharz doskonały (Il cuoco perfetto).

Stanisława Augusta porterà ulteriori modifiche alla tradizione con la moda della cucina francese, molto leggera. Saranno successivamente pubblicati una serie di libri di Jan Szyttler, allievo di un celebre cuoco di re Paula Tremona. I piatti che si possono dire tradizionali provengono ancora oggi da ricette di autori del XIV secolo come Lucyna Ćwierczakiewiczowa.

Ingredienti[modifica | modifica sorgente]

L'ingrediente principale è la patata, ma sono molto celebri le carni di maiale affumicate e le zuppe.

Il pranzo è il pasto principale della giornata, ed è consumato nelle prime ore del pomeriggio. Le portate sono una zuppa o minestra, seguita da un piatto generico e verdura ed infine il dolce accompagnato da , o succo di prugne o rabarbaro.

Tra le minestre tradizionali la barszcz, una zuppa di barbabietole, la żurek, una minestra di farina di segale acida, la ogórkowa, una minestra di cetrioli, e la kapuśniak, a base di cavoli.

Il più celebre e tradizionale piatto polacco è il bigos, uno stufato di carne, cavoli e crauti, con aggiunta di prugne secche ed altre spezie. Tra i piatti celebri i pierogi, ravioli ripieni, a scelta, di formaggio, funghi, frutta, cavoli o carne, i Gołąbki, involtini di cavolo ripieni di carne e di riso, i pyzy, gnocchi di patate con o senza ripieno di carne, e la karp, carpa in gelatina o fritta.

Tra i dolci tipici si possono annoverare: makowiec, il cui ingrediente principale sono i semi di papavero, sernik a base di formaggio fresco e piernik a base di miele e spezie.

piatti tipici polacchi

Piatti tipici[modifica | modifica sorgente]

Dolci[modifica | modifica sorgente]

Formaggio[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Maria Librowska, Kuchnia polska, Varsavia, Państwowe Wydawnictwo Ekonomiczne, 1982, ISBN 83-208-0275-X.
  • Jan S. Bystroń, Dzieje obyczajów w dawnej Polsce, Varsavia, Nakładem księgarni Trzaski, Everta i Michalskiego: Wiek XVI-XVIII, 1932.
  • Ireneusz Ihnatowicz, Antoni Mączak, Benedykt Zientara, Janusz Żarnowski, Społeczeństwo polskie od X do XX wieku: Targi i podgrodzia, Varsavia, Książka i Wiedza, 1999, ISBN 83-05-13080-0.
  • Gerard Labuda, Słowiańszczyzna starożytna i wszesnośredniowieczna, Poznańskie Towarzystow Przyjaciół Nauk, 2003, ISBN 978-83-7063-381-3.
  • Władysław Łoziński, Życie polskie w dawnych wiekach, Cracovia, Wydawnictwo Literackie, 1974.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]