Condor Flugdienst

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Condor Flugdienst GmbH
Condor Airlines.png
Condor B753 D-ABOF MUC.jpg
Compagnia aerea standard
Codice IATA DE
Codice ICAO CFG
Identificativo di chiamata CONDOR
Descrizione
Hub Francoforte sul Meno
Hub secondari Monaco di Baviera
Flotta 36
Destinazioni 73
Azienda
Tipo azienda GmbH
Fondazione 1955
Stato Germania Germania
Sede Francoforte sul Meno
Gruppo Thomas Cook Group
Persone chiave Heiner Wilkens (CEO)
Slogan
(DE)  Wir lieben Fliegen.
(EN)  Born to fly.
(IT)  Amiamo il volo.
Sito web www.condor.com
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia

Condor Flugdienst GmbH, di solito abbreviata in Condor, è una compagnia aerea tedesca con sede a Francoforte sul Meno in Assia.[1] Condor gestisce servizi nel Mediterraneo, in Asia, in Africa, nel Nord America e nei Caraibi. La sua base principale è l'Aeroporto di Francoforte sul Meno, con base secondaria presso l'Aeroporto internazionale di Monaco di Baviera.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La compagnia è stata fondata il 21 dicembre 1955 con il nome di Deutsche Flugdienst GmbH, e ha iniziato l'attività il 28 marzo 1956. Un crollo del mercato dei voli charter nei primi mesi del 1960 ha portato alla sua acquisizione da parte di Lufthansa e al cambio di nome in Condor Flugdienst il 25 ottobre 1961, in questi anni la compagnia operava con quattro Vickers Viscount e due Fokker F27. Dal 1965 al 1969 Condor ha registrato una crescita enorme e ha rinnovato la sua flotta con soli aerei jet. Il suo primo jet fu un Boeing 727, seguito nel 1967 da un Boeing 707, nel 1969 si sono aggiunti alla sua flotta anche un Douglas DC-8, diversi 727 e tre Boeing 737. Questi sono stati seguiti da un Boeing 747 nel 1971, poco tempo dopo l'inizio di una linea in Nord America. Duramente colpita dalla crisi del carburante negli anni settanta, la compagnia aerea ha ceduto i suoi 747 e li ha sostituiti con tre McDonnell Douglas DC-10 per le rotte a lungo raggio. Nel 1981 Condor ha acquisito degli Airbus A300. Durante i primi anni novanta ha potenziato la sua flotta con dei Boeing 757 e 767. Nel mese di agosto del 1992 si è fusa con Südflug. C & N Touristic, la società madre di Condor, è stata ribattezzata Thomas Cook AG a seguito dell'acquisizione da parte di C&N del gruppo inglese. Nel marzo 2003 la compagnia aerea è stata rinominata Thomas Cook - Powered by Condor. Condor Berlin è stata assorbita in Thomas Cook AG nel marzo 2003. Tuttavia, nel maggio 2004, il nuovo amministratore delegato ha deciso di utilizzare il vecchio e tradizionale nome di Condor. Il 20 settembre 2007, Air Berlin ha annunciato l'intenzione di acquisire Condor in un accordo che darebbe a Thomas Cook una partecipazione del 30% in Air Berlin.[2] Tuttavia il 24 giugno 2008 è stato annunciato che, il rallentamento dell'economia, in combinazione con l'annuncio di Air Berlin della messa a terra di 14 aeromobili e della riduzione del 30% circa delle capacità a lungo raggio, costringe le due parti a rivedere ulteriormente l'acquisto.[3] Il 10 febbraio 2008, Thomas Cook ha confermato di aver l'intenzione di comprare la quota della Condor del 24,9% di proprietà di Lufthansa, esercitando un'opzione concordata nel 2007. L'acquisizione, ad un prezzo in contanti di 77.19 milioni di euro, fa diventare Thomas Cook Group proprietario esclusivo di Condor, facendo terminare 48 anni di coinvolgimento della Lufthansa in Condor.[4]

Flotta[modifica | modifica sorgente]

Boeing 767 della Condor

La flotta di Condor è così composta:[5]

Flotta Condor Flugdienst
Aereo Totale Ordini Passeggeri Note
Airbus A319-100 1 - 150
Airbus A320-200 12 - 174
Boeing 757-300 13 - 252
Boeing 767-300ER 10 - 269
Totale 36 0

L'età media della flotta è di 13,4 anni.[5]

Livrea[modifica | modifica sorgente]

La livrea Condor consiste nella parola "Condor", scritta in blu lungo tutta la fusoliera che è completamente bianca. La coda è dipinta con il logo della Thomas Cook su sfondo blu. Nel 1990 la livrea Condor era derivata da quella della Lufthansa, con la fusoliera bianca con le lettere "Condor", scritte in nero e la coda gialla con il logo di Condor, un uccello blu all'interno di un cerchio blu, molto simile al logo Lufthansa degli anni settanta.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Condor Flugdienst, Imprint. URL consultato il 07 settembre 2011.
  2. ^ Air Berlin seeks to buy Condor, give T. Cook stake, Reuters, 20/09/2007.
  3. ^ (EN) Air Berlin, Thomas Cook Review Condor Transaction, Bloomberg, 24/06/2008. URL consultato il 7 settembre 2011.
  4. ^ (EN) Thomas Cook to buy Lufthansa stake in charter airline, travelweekly. URL consultato il 7 settembre 2011.
  5. ^ a b (EN) planespotters.net, Condor Flugdienst fleet. URL consultato il 7 settembre 2011.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]