Non-directional beacon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La stazione NDB di Vicenza
Posizione di un NDB rilevato dall'ADF di bordo
L'antenna di un NDB in Germania
Ferrite antenna per Non-directional beacon (NDB), frequenze 255 - 580 kHz

Il Non-directional beacons, conosciuto anche con la sigla NDB, è un radiofaro non direzionale molto diffuso, assieme al VOR, e usato per la navigazione aerea strumentale (IFR).

L'NDB lavora in onde medie sulle frequenze comprese tra 300 e 1750 kHz, trasmettendo un'onda continua in polarizzazione verticale, su cui si sovrappone una modulazione di ampiezza di un segnale audio, attraverso la quale lo strumento comunica il suo identificativo in codice Morse e fornisce all'aeroplano riferimenti che consentono al pilota, tramite lo strumento ADF (Automatic Direction Finder), di risalire alla direzione di volo . Vista la banda in cui opera, le onde radio emesse da un NDB seguono la curvatura terrestre (essendo riflesse dalla ionosfera) e pertanto il segnale può essere ricevuto, anche a basse quote, a grande distanza.

D'altra parte l'NDB è soggetto ad alcuni errori:

  • effetto terreno: la presenza di rilievi (montagne, colline) riflette il segnale modificando i rilevamenti sull'ADF;
  • effetto notte: le fluttuazioni notturne della ionosfera possono modificare i rilevamenti, soprattutto per frequenze superiori ai 350 kHz;
  • effetto costa: le linee di costa hanno la proprietà di rifrangere le onde a bassa frequenza. Procedendo parallelamente alla costa l'ADF può presentare valori errati;
  • effetto temporale: dato che i fulmini emettono onde radio su tutte le basse e medie frequenze, l'indicatore dell'ADF può essere temporaneamente deviato verso il temporale;
  • effetto virata: virando si inclina il piano orizzontale dell'antenna, modificando il rilevamento.

La posizione di un NDB sull'ADF è espressa in gradi rispetto alla stazione; il pilota una volta selezionata la frequenza della radioassistenza, riceve in cuffia il nominativo della radioassistenza stessa in codice Morse.

Frequenze e segnali dei principali aeroporti italiani[modifica | modifica wikitesto]

Frequenza (kHz) Identificativo Città
332 PDA PADOVA
285 URB ROMA-URBE
289 ARB ARBATAX-TORTOLI'
292 NOV NOVARA
301,5 TRE TREVISO
306 PAR PARMA
312 TAQ TARQUINIA
315 SPO MARINA DI RAVENNA
316 TEA TEANO
317,5 TRP P TRAPANI-BIRGI
318 GEN GENOVA-SESTRI
321 OST OSTIA-ROMA FIUMICINO
323 CAM CAMERI
325 RCA REGGIO CALABRIA
326 VNA VILLANOVA D'ALBENGA
328 GIO GIOIA DEL COLLE
329 PRS PALERMO PUNTA RAISI
330 SRN SARONNO
331 DEC DECIMOMANNU
331 GRT GROTTAGLIE
333,5 VOG VOGHERA
334 AME FOGGIA AMENDOLA
335 PAN PANTELLERIA
335 RIM RIMINI MIRAMARE
337 AH ALGHERO
337 RMG ROMAGNANO SESIA
339 PRA PRATICA DI MARE
340 FOG FOGGIA-GINO LISA
TREVISO-ISTRANA (non più operativo)
343 FER FERRARA
343 GRA GRAZZANISE
345 CAT CATANIA-FONTANAROSSA
345 FW ROMA-FIUMICINO
350 BLA BIELLA-CERRIONE
354 FE ROMA FIUMICINO
355 VIL VERONA-VILLAFRANCA
355,5 PAL PALERMO
357 CAS TORINO CASELLE
357 SME OLBIA
357,5 FAL Falconara Marittima
362 BZO BOLZANO
363,5 BRD BRINDISI-CASALE
364 MAL MILANO MALPENSA
367,5 PNZ PONZA
371 CAG CAGLIARI
371 FRS FROSINONE
371 LEV CUNEO-LEVALDIGI
371 RIV RIVOLTO
373 LPD LAMPEDUSA
374,5 ANC ANCONA
376,5 ORI BERGAMO-ORIO AL SERIO
379 LAT LATINA
379 PIS PISA
379 VEN VENEZIA -TESSERA
382 ALG ALGHERO
382 GAZ Gazoldo degli Ippoliti
386 LNE MILANO-LINATE (era "LIN" prima di maggio 2014)
387 CEV CERVIA
388 GUI GUIDONIA
389 CMO CAMOGLI
390 AVI AVIANO
396 RON TRIESTE-RONCHI
400,5 COD CODOGNO
401 BPL BARI-PALESE
402 CAR CAPO CARBONARA
405 VIE VIESTE
406 GRO GROSSETO
408 CHI CHIOGGIA
412 CIA ROMA CIAMPINO
412 SIG SIGONELLA
413 BOA BOLOGNA
417 VIC VICENZA
420 ABN ALBENGA
421 FN FIUMICINO ROMA
422,5 ALS ALESSANDRIA
423 FOR FORLI'
426 SOR SORRENTO
440 PIA PIACENZA S. DAMIANO
479 RAV RAVENNA
480 VIB VITERBO

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Aviazione Portale Aviazione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Aviazione