Black Sabbath, Vol. 4

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Black Sabbath, Vol. 4

Artista Black Sabbath
Tipo album Studio
Pubblicazione 25 settembre 1972
Durata 42 min : 38 s
Dischi 1
Tracce 10
Genere[2] Heavy metal
Hard rock[1]
Proto doom
AOR
Etichetta VertigoRegno Unito
Warner Bros.Stati Uniti
Produttore Patrick Meehan
Black Sabbath
Registrazione giugno 1972
Note Registrato nei Record Plant Studios di Los Angeles
Certificazioni
Dischi d'oro Regno Unito
Regno Unito (1)
(Vendite: +100 000)

Stati Uniti
Stati Uniti (1)[4]
(Vendite: +500 000)

Canada
Canada (1)
(Vendite: +40 000)
Dischi di platino Regno Unito
Regno Unito (2)
(Vendite: +600 000)

Stati Uniti
Stati Uniti (1)[3]
(Vendite: +1 000 000)

Canada
Canada (1)
(Vendite: +80 000)
Black Sabbath - cronologia
Album precedente
(1971)
Album successivo
(1973)

Black Sabbath, Vol. 4, è il quarto album in studio dei Black Sabbath, pubblicato il 25 settembre 1972. Si stima che l'album abbia venduto quasi 2 000 000 di copie in tutto il mondo.

Il disco[modifica | modifica sorgente]

Inizialmente, il lavoro doveva intitolarsi Snowblind (come il brano presente nel disco) ma il gruppo fu costretto dalla loro casa discografica a cambiarlo per il suo riferimento alla cocaina ("snow" significa neve, una parola metaforica per indicare questa droga). Si optò quindi per il titolo Vol.4, inteso come il loro quarto disco registrato in studio. A partire da questo album, il sound dei Black Sabbath subisce varie trasformazioni, incorporando elementi progressive rock, genere ammirato dal chitarrista Tony Iommi (egli militò anche per un certo periodo nei Jethro Tull, noto gruppo di questo genere).

Tuttavia il sound dei Black Sabbath rimane pressoché lo stesso (ad esempio nei brani Tomorrow's Dream, e Supernaut) e il sound doom era ancora avvertibile in brani come Cornucopia e Under the Sun.

Tra le hit dell'album vi è Changes, una ballad in cui Osbourne canta accompagnato solo da pianoforte e mellotron, che presenta un testo insolito per lo stile del gruppo, dato che parla di una finita relazione amorosa (si pensa quella di Ozzy con la prima moglie). Altro brano piuttosto noto è anche il già citato Snowblind, uno dei più discussi della loro carriera. La versione precedente di quella contenuta nel disco venne cancellata perché il testo ripeteva parecchie volte la parola "cocaine", anche se in quella postuma, se ascoltata attentamente, Ozzy la pronuncia in modo sussurrato almeno una volta dopo la prima strofa. Secondo altri, invece, la canzone si rifà ad un famoso fumetto degli anni sessanta (in Italia è chiamato "L'Eternauta") nel quale la "neve cieca" è quella composta da radiazioni nucleari, che cadendo colpisce qualsiasi cosa si trovi sulla sua traiettoria. Tuttavia, risulta più accreditata la prima tesi, a ulteriore supporto della quale vi è la stessa copertina dell'album, nell'edizione originale su LP 33 giri, l'ultima voce dei crediti riporta le parole "We wish to thank the great COKE-Cola company of Los Angeles", un ovvio riferimento alla tematica già citata.

Il disco vendette molto bene e fu giudicato un altro importante tassello della discografia dei Black Sabbath.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

Tutte le tracce sono state composte da Ozzy Osbourne, Tony Iommi, Geezer Butler e Bill Ward.

  1. Wheels of Confusion/The Straightener - 8:00
  2. Tomorrow's Dream - 3:08
  3. Changes - 4:43
  4. FX - 1:40
  5. Supernaut - 4:43
  6. Snowblind - 5:28
  7. Cornucopia - 3:55
  8. Laguna Sunrise - 2:52
  9. St. Vitus' Dance - 2:27
  10. Under the Sun/Every Day Comes & Goes - 5:51

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Personale tecnico[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Recensione su Rockline.it
  2. ^ Allmusic.com. URL consultato il 26 luglio 2010.
  3. ^ Vol. 4, Platinum (Stati Uniti)
  4. ^ Vol. 4, "Gold Disc" (Stati Uniti)
Metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Metal