Technical Ecstasy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Technical Ecstasy
Artista Black Sabbath
Tipo album Studio
Pubblicazione 25 settembre 1976Stati Uniti
8 ottobre 1976 Regno Unito
Durata 40 min : 35 s
Dischi 1
Tracce 8
Genere Heavy metal
Etichetta VertigoRegno Unito
Warner Bros.Stati Uniti
Produttore Black Sabbath
Mike Butcher
Registrazione giugno 1976 nei Criteria Studios di Miami e nei Sounds Interchange di Toronto
Certificazioni
Dischi d'oro 1 Stati Uniti
Dischi di platino 1 Regno Unito
Black Sabbath - cronologia
Album successivo
(1978)

Technical Ecstasy è il titolo del settimo album dei Black Sabbath, pubblicato nel 1976.
L'album ha venduto quasi 1 200 000 copie in tutto il mondo.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Technical Ecstasy determina un chiaro distacco da parte della band dalle sonorità massicce dei primi album (soprattutto di Paranoid e Master of Reality), per avvicinarsi ad un sound più duttile arricchito da tastiere, sintetizzatori e musica d'orchestra. A causa di ciò l'album, pur venendo premiato con un disco di platino in patria e uno d'oro negli Stati Uniti, è stato oggetto di discussioni da parte dei fans della band (tanto da essere considerato da più critici come uno degli album meno riusciti dell'era Ozzy) che, già perplessi delle sperimentazioni iniziate negli album precedenti (in Sabbath Bloody Sabbath e Sabotage), continuarono a disilludersi dello stile iniziale dei Black Sabbath. Il brano stile Beatles It's Alright è cantato dal batterista Bill Ward. Agli inizi degli anni '90 il brano venne reinterpretato dai Guns N' Roses durante l'Use Your Illusion Tour come introduzione a November Rain e successivamente pubblicato nell'album Live Era 87-93.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Tutte le tracce sono state composte da Ozzy Osbourne, Tony Iommi, Geezer Butler e Bill Ward.

  1. Back Street Kids – 3:46
  2. You Won't Change Me – 6:34
  3. It's Alright – 3:58
  4. Gypsy – 5:10
  5. All Moving Parts (Stand Still) – 4:59
  6. Rock 'n' Roll Doctor – 3:25
  7. She's Gone – 4:51
  8. Dirty Women – 7:13

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Collaboratori[modifica | modifica wikitesto]

Metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Metal