Barbara Rush

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando info sull'omonima tennista argentina, vedi Barbara Rush (tennista).
Barbara Rush nella soap opera Peyton Place (1969)

Barbara Rush (Denver, 4 gennaio 1927) è un'attrice statunitense originaria del Colorado e attiva dal 1950 in cinema, teatro e televisione.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Attrice dal fisico da pin-up, nel 1954 vinse il Golden Globe per la migliore attrice debuttante per l'interpretazione nel film di fantascienza Destinazione... Terra, diretto da Jack Arnold. Nello stesso anno prese parte al melodramma Magnifica ossessione, a fianco di Rock Hudson e Jane Wyman.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Studentessa all'Università della California di Santa Barbara (California), iniziò giovanissima a recitare per la Pasadena Playhouse[1]. Scritturata dalla Paramount Pictures, debuttò sul grande schermo nel 1950 con il film The Goldbergs, tratto da una fortunata trasmissione radiofonica.

Contestualmente continuò a calcare il palcoscenico per diversi spettacoli andati in scena a Broadway, iniziando a recitare anche in numerose serie televisive (come protagonista o semplicemente come guest star in alcune puntate) di produzione statunitense ma di diffusione internazionale.

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Dal 1950 al 1955 fu sposata con l'attore Jeffrey Hunter, da cui ebbe un figlio, Christopher, nato nel 1952. Nel 1959 si risposò con il pubblicista Warren Cowan, da cui ebbe una figlia, Claudia Cowan, oggi giornalista di Fox News Channel, e dal quale divorziò nel 1970. Dal 1971 al 1975 fu infine sposata con Jim Gruzalski.

Nel 1970 le venne conferito a Chicago il premio teatrale Sarah Siddons Award.

Filmografia parziale[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dave Kaufman, TV 69: Who's Who, What's What in the New TV Season (mass market paperback), New York, Signet, 1968, p. 137. ISBN.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 22343589