Vira Silenti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vira Silenti nel 1959

Vira Silenti, nome d'arte di Elvira Giovene (Napoli, 13 aprile 1930), è un'attrice e doppiatrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Allieva a Roma dell'Accademia di danza diretta da Jia Ruskaja, viene scelta dopo un provino, per il film Una notte dopo l'opera, per la regia di Manzari, dove debutta a 10 anni dimostrando non comuni doti di recitazione.

Dopo questo film, si dedica completamente al cinema accantonando la scuola di danza classica.

L'inizio della sua presenza negli sceneggiati televisivi della RAI, dei primi anni cinquanta, è merito del regista Anton Giulio Majano, che la sceglie per Piccole donne. Successivamente lavorerà con una certa frequenza per il piccolo schermo, sia nelle commedie che negli sceneggiati televisivi (ad esempio Orgoglio e pregiudizio, del 1957).

Lavora, anche se saltuariamente, nell'attività di doppiaggio, presso la CDC di Roma.

La sua carriera, come attrice di cinema, termina alla fine degli anni sessanta, quando decide di lasciare i set cinematografici, anche se continua a recitare per lavori televisivi e radiofonici.

Per la televisione lavora con registi come Daniele D'Anza, Vittorio Cottafavi, Eros Macchi (ad esempio ne La bella addormentata, fiction televisiva del 1963) e Ferrero, sino all'ultimo lavoro dove è stata diretta da Mario Foglietti nella Scuola dei duri, del 1981.

Come doppiatrice, ha doppiato essenzialmente per la televisione. È stata la voce di Barbara Rush che interpretava Eudora Weldon in Flamingo Road; ha poi doppiato Constance Ford in Destini e Valerie Reynolds in Capitol; sempre in ambito di soap opera ha dato voce a personaggi di Quando si ama (Gwyneth Alden).

Negli anni sessanta è stata anche interprete di fotoromanzi sul settimanale Grand Hotel.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiati televisivi RAI[modifica | modifica wikitesto]

Vira Silenti ed Enrico Maria Salerno nello sceneggiato Umiliati e offesi RAI 1958

Prosa televisiva RAI[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Dizionario del cinema italiano. Le attrici, collana: Dizionari Gremese, Gremese editore, 1999, ISBN 88-7742-342-0.
  • Il Radiocorriere, annate varie
  • Lo schermo, annate varie
  • Le teche Rai

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]