August Hlond

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
August Hlond, S.D.B.
cardinale di Santa Romana Chiesa
August Hlond portr.jpg
Ritratto del cardinale August Hlond (opera di Józef Męcina - Krzesz - 1934)
Coat of arms of August Hlond.svg
Da mihi animas caetera tolle
Incarichi ricoperti Vescovo di Katowice
Arcivescovo di Gniezno e Poznań
Primate di Polonia
Arcidiocesi di Varsavia
Cardinale presbitero di Santa Maria della Pace
Nato 5 luglio 1881, Mysłowice
Ordinato presbitero 23 settembre 1905 da Anatol Nowak
Consacrato vescovo 3 gennaio 1926 da Aleksander Kakowski
Elevato arcivescovo 24 giugno 1926
Creato cardinale 20 giugno 1927 da papa Pio XI
Deceduto 22 ottobre 1948, Varsavia

August Hlond (Mysłowice, 5 luglio 1881Varsavia, 22 ottobre 1948) è stato un cardinale e arcivescovo cattolico polacco.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Infanzia[modifica | modifica sorgente]

August Hlond nacque il 5 luglio 1881, Brzęczkowice, ora Mysłowice, in Polonia. Era figlio di Jan Hlond e Maria Imilów. Ebbe cinque fratelli e sei sorelle: Ignacy (che diventerà missionario in Argentina), Antoni Wiktor (che divenne sacerdote salesiano e musicista), Jan Paweł, Stanisław e Klemens, Anna, Paulina, Maria, Marta , e due figlie che morirono poco dopo la nascita. Venne battezzato cinque giorni dopo la nascita, il 10 luglio, nella chiesa della Natività della Beata Vergine Maria, a Myslowice con il nome di August Józef. Nel 1893, attratto dalla fama di Don Giovanni Bosco, seguì il fratello maggiore in Italia per unirsi alla congregazione salesiana. Anche altri due fratelli entrarono nella congregazione.

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Dopo aver conseguito gli studi primari, si unì alla Società salesiana di San Giovanni Bosco a Foglizzo, in Italia, nel 1896, dove conobbe Michele Rua, futuro beato. Dopo aver studiato nelle case salesiane di Torino, Cracovia, Leopoli, e Roma, conseguì un dottorato in filosofia il 10 luglio 1900 alla Pontificia Università Gregoriana. Tornò in Polonia per completare il suo tirocinio presso Oswiecim. Ricevette il suddiaconato il 18 marzo 1905 e il diaconato il 9 luglio dello stesso anno.

Ordinazione sacerdotale[modifica | modifica sorgente]

Venne ordinato presbitero il 23 settembre 1905 a Cracovia, da Anatol Nowak, vescovo titolare di Irenopoli e vescovo ausiliare di Cracovia. Compiuti ulteriori studi tra il 1905 e il 1907 divenne rettore della nuova casa salesiana di Pizemyśl dal 1907 al 1909, e successivamente di quello di Vienna dal 1909 al 1919. Nel 1919 quando l'Austria e l'Ungheria si divisero, fondò, fino al 1922, nuove case salesiane. Venne nominato amministratore apostolico di Slesia il 7 novembre 1922 e divenne protonotario apostolico il 15 novembre dello stesso anno.

Vescovo ed arcivescovo[modifica | modifica sorgente]

Venne eletto vescovo di Katowice il 14 dicembre 1925, e la sua consacrazione episcopale ebbe luogo il 3 gennaio 1926 dal cardinale Aleksander Kakowski, arcivescovo di Varsavia, assistito da Anatol Nowak, vescovo titolare di Irenopoli ed ausiliare di Cracovia, e da Stanisław Kostka Łukomski, vescovo titolare di Sicca Veneria ed ausiliare di Gniezno e Poznań. Venne promosso alla sede metropolitana di Gniezno e Poznań il 24 giugno 1926, e nominato primate di Polonia il 24 giugno 1926.

Cardinale e morte[modifica | modifica sorgente]

Venne creato cardinale nel concistoro del 20 giugno 1927, da Papa Pio XI, ricevendo la berretta rossa e il titolo di Santa Maria della Pace il 22 dicembre 1927. Il 22 agosto 1932 fondò la Società di Cristo per gli emigrati della Polonia. Venne nominato legato pontificio al Congresso Eucaristico Nazionale di Ljubljana, in Yugoslavia, tenutosi il 9 giugno 1935, e al primo Congresso Nazionale di Cristo Re, a Poznań, il 16 maggio 1937. Partecipò al conclave del 1939, che elesse Papa Pio XII. Divenne legato pontificio al sesto Congresso Nazionale di Cristo Re di Ljubljana, tenutosi l'8 luglio 1939. Durante la Seconda Guerra Mondiale, il cardinale fu costretto all'esilio fino alla fine del conflitto bellico, quando in un primo momento si recò a Roma e condusse una forte difesa della patria, per poi recarsi a Lourdes. La polizia nazista lo deportò a Parigi e cercarono di convincerlo ad organizzare un governo polacco favorevole al nazismo, ma egli rifiutò, e per questo venne arrestato dalla Gestapo il 3 febbraio 1944 venendo imprigionato prima a Lorene e poi in Vestfalia. Le forze alleate lo liberarono il 1º aprile 1945, e successivamente tornò a Poznań il 20 luglio 1945. Il 13 giugno 1946 venne trasferito alla sede metropolitana di Varsavia, mantenendo ad personam l'arcidiocesi di Gniezno.

Morì il 22 ottobre 1948 di polmonite, a Varsavia, all'età di 67 anni. La sua salma venne esposta e sepolta nella cattedrale metropolitana di Varsavia.

Il 9 gennaio 1992 venne avviato il processo per la sua beatificazione, ricevendo il titolo di Servo di Dio il 21 ottobre 1996.

Genealogia episcopale[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Genealogia episcopale.

Successione apostolica[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Successione apostolica.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Bianca - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Bianca
— 9 novembre 1932

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Vescovo di Katowice Successore BishopCoA PioM.svg
- 14 dicembre 1925 - 24 giugno 1926 Arkadiusz Lisiecki
Predecessore Arcivescovo di Gniezno e Poznań Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Edmund Dalbor 24 giugno 1926 - 22 ottobre 1948 Stefan Wyszyński
Predecessore Primate di Polonia Successore PrimateNonCardinal PioM.svg
Edmund Dalbor 24 giugno 1926 - 22 ottobre 1948 Stefan Wyszyński
Predecessore Presidente della Conferenza episcopale polacca Successore Mitra heráldica.svg
Edmund Dalbor 1926 - 1948 Stefan Wyszyński
Predecessore Arcivescovo di Varsavia Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Aleksander Kakowski 13 giugno 1946 - 22 ottobre 1948 Stefan Wyszyński
Predecessore Cardinale presbitero di Santa Maria della Pace Successore CardinalPallium PioM.svg
Patrick Joseph O'Donnell 22 dicembre 1927 - 22 ottobre 1948 Maurice Feltin

Controllo di autorità VIAF: 49261730 LCCN: n/86/91235