Wiège-Faty

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Wiège-Faty
comune
Wiège-Faty – Veduta
Il Municipio
Localizzazione
StatoFrancia Francia
RegioneAlta Francia
DipartimentoBlason département fr Aisne.svg Aisne
ArrondissementVervins
CantoneMarle
Territorio
Coordinate49°53′N 3°44′E / 49.883333°N 3.733333°E49.883333; 3.733333 (Wiège-Faty)
Superficie7,5 km²
Abitanti230[1] (2009)
Densità30,67 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale02120
Fuso orarioUTC+1
Codice INSEE02832
Cartografia
Mappa di localizzazione: Francia
Wiège-Faty
Wiège-Faty

Wiège-Faty è un comune francese di 230 abitanti situato nel dipartimento dell'Aisne della regione dell'Alta Francia. Fino al 1795 Wiège e Faty erano due comuni fra loro indipendenti, che in quell'anno furono "fusi" in un unico comune.

Società[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa di San Martino a Faty
La chiesa di San Martino a Wiège

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Wiège possedeva un forte che venne distrutto nel maggio 1424 dal Capitano de Rouen, maresciallo degli Inglesi[2]. Alla metà del XVIII secolo, Faty e Wiège erano due parrocchie indipendenti che furono raggruppate in una nel 1795.

Un mulino ad acqua, rappresentato da una ruota dentata, funzionava sul Rieux, torrente che si getta nella Oise e le vestigia di tale mulino esistono ancora ai nostri giorni nella frazione detta "Le moulin de Wiège". Sul piano catastale del 1825, quattro mulini sono presenti sul corso d'acqua [3].
Il castello di Wiège è ugualmente rappresentato su questa carta.

Le cartiere[modifica | modifica wikitesto]

I numerosi corsi d'acqua serpeggianti nel Thiérache hanno consentito l'istallazione di numerosi mulini ad acqua: molti hanno consentito di macinare il grano per ottenere farina e altro, in particolare a Faty, Rougeries, Saint-Gobert, Romery, Voulpaix, Franqueville, Vervins, Thenailles, Harcigny sono diventati cartiere[4]. La ruota a pale del mulino agiva su un asse sul quale erano fissati dei contatti con dei magli che rompevano la materia prima composta per un quarto di scarti di canapa e di stracci e il resto di carta riciclata. La "pasta" ottenuta era poi lavorata in funzione di un piano di lavorazione molto preciso[5] per ottenere diversi tipi di carta che servivano in particolare all'imballaggio dei prodotti alimentari nelle drogherie.
Jean-Louis Lamborion creò nel 1777 una cartiera a Faty sulla struttura di un mulino. Nel 1794, essa occupava quattro operai. Questa cartiera fu distrutta nel 1884 e rimpiazzata da un mulino per cereali[6].

L'antica linea ferroviaria da Guisa a Hirson[modifica | modifica wikitesto]

Wiège-Faty aveva in comune con Romery una stazione sulla linea ferroviaria da Guisa a Hirson, che fu in funzione dal 1910 al 1978, così come sulla linea da Romery a Liart, dal 1912 al 1951. Quattro treni si fermavano ogni giorno in questa stazione, in entrambi i sensi di circolazione[7]

Prima guerra mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Il 28 agosto 1914, meno d'un mese dopo la dichiarazione di guerra, il villaggio fu occupato dalle truppe tedesche dopo la disfatta dell'esercito francese nella battaglia di Guisa[8]. Durante tutta la guerra, il villaggio restò lontano dal fronte che si era stabilizzato a circa 150 km a ovest nei dintorni di Péronne. Gli abitanti vissero sotto il giogo tedesco: requisizioni di appartamenti, di materiali, di cibo, lavori forzati. Non fu che il 29 ottobre 1918 che i tedeschi furono cacciati dal villaggio dalle truppe francesei.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Francia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Francia