Wimy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Wimy
comune
Wimy – Veduta
Il Municipio
Localizzazione
StatoFrancia Francia
RegioneAlta Francia
DipartimentoBlason département fr Aisne.svg Aisne
ArrondissementVervins
CantoneHirson
Territorio
Coordinate49°56′N 4°00′E / 49.933333°N 4°E49.933333; 4 (Wimy)
Superficie12,13 km²
Abitanti491[1] (2009)
Densità40,48 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale02500
Fuso orarioUTC+1
Codice INSEE02833
Cartografia
Mappa di localizzazione: Francia
Wimy
Wimy

Wimy è un comune francese di 491 abitanti situato nel dipartimento dell'Aisne della regione dell'Alta Francia.

Società[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa fortificata di San Martino a Vimy

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti

Storia[modifica | modifica wikitesto]

  • 1241: gli abitanti di Wimy furono affrancate da taglie e da corvée nel 1241[2] da Gualtiero, signore d'Avesnes e signore di Guisa, per una rendita annua di 34 lire.
  • 1578 - 1585 : edificazione della rimarchevole chiesa fortificata tra il 1578 e il 1585, come altrove nella regione del Thiérache.
  • Impianto d'una vetreria chiamata "Qui Qu'en Grogne", oggi scomparsa. Questa vetreria, specializzata in bottiglie, esisteva dai tempi delle crociate nel 1290[3].
  • Nel 1965, il 12 aprile, un tornado passò su Wimy (F2).

Signori di Wimy[modifica | modifica wikitesto]

  • 1166 : Raoul de Wimy ;
  • 1339 : Jean de Wimy.

I signori di Guisa, che erano stati da tempo sovrani di Wimy, parvero aver ripreso in seguito la signoria di questo villaggio, ed esso era ancora nelle loro mani ai tempi della Rivoluzione francese.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ INSEE popolazione legale totale 2009
  2. ^ (FR) Dictionnaire historique du département de l'Aisne, Tome II, page 302, par Maximilien Melleville, 1857.
  3. ^ (FR) Louis Figuier, [:http://catalogue.bnf.fr/ark:/12148/cb358059302 Les merveilles de l'industrie ou Description des principales industries modernes : industries chimiques. Le verre et le cristal, les poteries...], Furne, Jouvet (Paris), 1873..

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Francia Portale Francia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Francia