Vilayet di Bosnia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vilayet di Bosnia
Vilayet di Bosnia – Bandiera
Vilayet di Bosnia - Localizzazione
Dati amministrativi
Nome completo Vilâyet-i Bosna
Lingue ufficiali turco ottomano
Lingue parlate turco, serbo-croato
Capitale Sarajevo
Dipendente da Impero ottomano
Politica
Forma di Stato Vilayet
Forma di governo Vilayet elettivo dell'Impero ottomano
Capo di Stato Sultani ottomani
Nascita 1864
Fine 1908
Territorio e popolazione
Bacino geografico Bosnia
Massima estensione 46.000 km2 nel XX secolo
Popolazione 1.232.000 nel 1871
Economia
Commerci con Impero ottomano
Religione e società
Religioni preminenti cristianesimo
Religione di Stato islam
Religioni minoritarie islam
Evoluzione storica
Preceduto da Fictitious Ottoman flag 2.svg Eyalet di Bosnia
Succeduto da Flag of Bosnia (1908–1918).svg Provincia imperiale di Bosnia ed Erzegovina

Il vilayet di Bosnia (in turco: Vilâyet-i Bosna), fu un vilayet dell'Impero ottomano, nell'area dell'attuale Bosnia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il vilayet di Bosnia confinava a sud col vilayet del Kosovo e prima delle riforme amministrative del 1864, era chiamato eyalet di Bosnia. La provincia ottomana cessò di fatto di esistere quando l'Impero austro-ungarico occupò l'area della Bosnia e dell'Erzegovina nel 1878. Ad ogni modo, pur sotto sovranità straniera, l'area del vilayet cessò di esistere formalmente solo nel 1908 quando l'Austria-Ungheria decise di annettere direttamente il territorio ai propri domini.

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Suddivisioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

I sangiaccati del vilayet di Bosnia nel XIX secolo erano:[1]

  1. sangiaccato di Bosnia
  2. sangiaccato di Izvornik
  3. sangiaccato di Hersek
  4. sangiaccato di Travnik
  5. sangiaccato di Bihke

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]