Vilayet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Legge dei vilayet (in francese; 1867), nel Volume II della Legislation ottomane.
I Vilayet dell'Impero Ottomano intorno al 1899.

Il Vilayet (pronuncia turca: [vilaːˈjet]) fu una suddivisione amministrativa di primo livello del tardo Impero ottomano, introdotta con la promulgazione della Legge dei Vilayet (in turco Teşkil-i Vilayet Nizamnamesi) del 21 gennaio 1867.[1] La riforma rientrava nell'ambito delle riforme amministrative in corso che venivano emanate in tutto l'impero e sancite nell'editto imperiale del 1856. La riforma fu inizialmente attuata a livello sperimentale nel Vilayet del Danubio, formato appositamente nel 1864 e guidato dal leader riformista Midhat Pasha. La riforma fu attuata gradualmente e solo nel 1884 fu applicata a tutte le province dell'Impero.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il termine vilayet deriva dalla parola araba wilayah o wilaya (ولاية‎‎). Mentre in arabo, la parola wilaya è usata per denotare una provincia o una regione o un distretto senza alcuna connotazione amministrativa specifica, gli Ottomani la usavano per denotare una specifica divisione amministrativa.[2]

Divisione amministrativa[modifica | modifica wikitesto]

L'Impero ottomano aveva già iniziato a modernizzare la sua amministrazione e a regolarizzare le sue province (eyalet) negli anni 1840,[3] ma la legge dei Vilayet la estese all'intero territorio ottomano, con una gerarchia regolarizzata di unità amministrative: il vilayet, guidato dal vali, era suddiviso in sotto-province (sangiaccato o liva) sotto un mutasarrif, ulteriormente in distretti (kaza) sotto un kaimakam e in comuni (nahiye) sotto un müdir.[1]

Il vali era il rappresentante del Sultano nel vilayet e quindi il capo supremo dell'amministrazione. Era assistito dai segretari addetti alle finanze (defterdar), corrispondenza e archivi (mektubci), rapporti con gli stranieri, lavori pubblici, agricoltura e commercio, nominati dai rispettivi ministri. Insieme al capo della giustizia (mufettiş-i hukkam-i Şeri'a), questi funzionari formavano il consiglio esecutivo del vilayet. Inoltre, vi era un consiglio provinciale eletto di quattro membri, due musulmani e due non musulmani. Il governatore del capo sanjak (merkez sanjak), dove si trovava la capitale del vilayet, sostituiva il vali in assenza di quest'ultimo. Una struttura simile veniva replicata nei livelli gerarchici inferiori, con consigli esecutivi e consultivi tratti dagli amministratori locali e, seguendo una prassi consolidata, dai capi delle varie comunità religiose locali.[4]

Mappa[modifica | modifica wikitesto]

Vilayet dell'Impero Ottomano intorno al 1900[modifica | modifica wikitesto]


Elenco[modifica | modifica wikitesto]

Vilayet, sangiaccati e autonomie, nel 1876 circa.[modifica | modifica wikitesto]

Vilayet, sangiaccati e autonomie, nel 1876 circa:[5]

Vilayets e sangiaccati indipendenti nel 1917[modifica | modifica wikitesto]

Vilayets e sangiaccati indipendenti nel 1917:[6]

Vilayet Sangiaccati indipendenti:

Mappe[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (DE) Andreas Birken, Die Provinzen des Osmanischen Reiches, in Beihefte zum Tübinger Atlas des Vorderen Orients, vol. 13, Reichert, 1976, p. 22, ISBN 9783920153568.
  2. ^ Report of a Committee set up to consider certain correspondence between Sir Henry McMahon (his majesty's high commissioner in egypt) and the Sharif of Mecca in 1915 and 1916 Archiviato il 21 giugno 2015 in Internet Archive., ANNEX A, para. 10. British Secretary of State for the Colonies, 1939 (doc.nr. Cmd. 5974). unispal
  3. ^ (DE) Andreas Birken, Die Provinzen des Osmanischen Reiches, in Beihefte zum Tübinger Atlas des Vorderen Orients, vol. 13, Reichert, 1976, pp. 19–20, ISBN 9783920153568.
  4. ^ (DE) Andreas Birken, Die Provinzen des Osmanischen Reiches, in Beihefte zum Tübinger Atlas des Vorderen Orients, vol. 13, Reichert, 1976, pp. 2324, ISBN 9783920153568.
  5. ^ (FR) Abel Pavet de Courteille, État présent de l'empire ottoman, J. Dumaine, 1876, pp. 91–96.
  6. ^ A handbook of Asia Minor Published 1919 by Naval staff, Intelligence dept. in London. Page 226

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Sublime Porte, Sur la nouvelle division de l’Empire en gouvernements généraux formés sous le nom de Vilayets, Constantinople, 1867. - About the Law of the Vilayets

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4604109-6