Eyalet di Adana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Eyalet di Adana
Eyalet di Adana – Bandiera
Adana Eyalet, Ottoman Empire (1609) Kopie.png
Dati amministrativi
Nome completoEyalet-i Adana
Lingue ufficialiturco ottomano
Lingue parlateturco ottomano, arabo
CapitaleAdana
Dipendente daImpero ottomano
Politica
Forma di StatoEyalet
Forma di governoEyalet elettivo dell'Impero ottomano
Capo di StatoSultani ottomani
Nascita1608
Fine1865
Territorio e popolazione
Bacino geograficoPenisola anatolica
Territorio originaleTurchia
Massima estensione29.550 km2 nel XIX secolo
Economia
Commerci conImpero ottomano
Religione e società
Religioni preminentiIslam
Religione di StatoIslam
Religioni minoritarieCristianesimo, Ebraismo
Evoluzione storica
Preceduto daFictitious Ottoman flag 2.svg Eyalet di Aleppo
Succeduto daFictitious Ottoman flag 2.svg Vilayet di Aleppo

L'eyalet di Adana (in turco:Eyalet-i Adana) era un eyalet dell'Impero ottomano fondato nel 1608,[1] quando venne separato dall'eyalet di Aleppo.[2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I ramadanidi giocarono un ruolo chiave nel XV secolo nelle relazioni tra ottomani e sultani mamelucchi del Cairo, svolgendo il ruolo di stato cuscinetto collocato presso la zona di frontiera di al-'Awasim. Nel 1517, Selim I incorporò il baliaggio nell'Impero ottomano dopo la conquista dello stato mamelucco. I bey dei ramadanidi mantennero l'amministrazione del sanjak ottomano di Adana come ereditario sino al 1608.

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Suddivisioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Sanjak tra il 1700 ed il 1740:[3]
  1. sanjak di Adana (Paşa Sancağı , Adana)
  2. sanjak di Tarso (Tarso)
  3. sanjak di Sis (Sis Sansağı, Kozan)
  4. sanjak di Ichil (İçil Sancağı o İçel Sancağı, Anamur-Silifke)
  5. sanjak di Alaya (Alâ'iyye Sancağı, Alanya)
Sanjak alla metà del XIX secolo:[4]
  1. sanjak di Adana
  2. sanjak di Tarso
  3. sanjak di Alayeh
  4. sanjak di Sis
  5. sanjak di Piyas (Payas?)
  6. sanjak di Anemur
  7. sanjak di Selefkeh

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Donald Edgar Pitcher, An Historical Geography of the Ottoman Empire: From Earliest Times to the End of the Sixteenth Century, Brill Archive, 1972, p. 125.
  2. ^ (EN) Evliya Çelebi e Joseph Freiherr von Hammer-Purgstall, Narrative of Travels in Europe, Asia, and Africa in the Seventeenth Century, Oriental Translation Fund, 1834, p. 93.
  3. ^ Orhan Kılıç, XVII. Yüzyılın İlk Yarısında Osmanlı Devleti'nin Eyalet ve Sancak Teşkilatlanması, Osmanlı, Cilt 6: Teşkilât, Yeni Türkiye Yayınları, Ankara, 1999, ISBN 975-6782-09-9, p. 95. (in turco)
  4. ^ (EN) The Penny Cyclopædia of the Society for the Diffusion of Useful Knowledge, C. Knight, 1843, p. 393.