Eyalet di Tripoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Eyalet di Tripoli
Eyalet di Tripoli – Bandiera
Tripoli Eyalet, Ottoman Empire (1609).png
Dati amministrativi
Nome completoEyalet-i Trablusşam
Nome ufficialeطرابلس الشام
Lingue ufficialiturco ottomano
Lingue parlateturco ottomano, arabo
CapitaleTripoli[1]
Dipendente daImpero ottomano
Politica
Forma di StatoEyalet
Forma di governoEyalet elettivo dell'Impero ottomano
Capo di StatoSultani ottomani
Nascita1579
Fine1864
Territorio e popolazione
Bacino geograficoLibano, Siria
Massima estensione4.220 km2 nel XIX secolo
Economia
Commerci conImpero ottomano
Religione e società
Religioni preminentiIslam
Religione di StatoIslam
Religioni minoritarieCristianesimo, Ebraismo
Evoluzione storica
Preceduto daFictitious Ottoman flag 2.svg Eyalet di Damasco
Fictitious Ottoman flag 2.svg Eyalet di Aleppo
Succeduto daImpero Ottomano Vilayet di Siria

L'eyalet di Tripoli (in turco: Eyalet-i Trablusşam), fu un eyalet dell'Impero ottomano nell'area corrispondente agli attuali Libano e Siria.

Il governo ottomano nella regione inizio nel 1516 ma l'eyalet non venne formato sino al 1579, quando venne derivato dai distretti nord occidentali degli the eyalet di Damasco ed Aleppo, persistendo sino alle riforme amministrative ottomane di metà Ottocento che inclusero l'eyalet di Tripoli nel Vilayet di Siria.

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Suddivisioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

I sanjak dell'eyalet di Tripoli nel XVIII secolo erano:[2]

  1. sanjak di Trabalus (Trablus-Şam : Paşa Sancağı , Tripoli)
  2. sanjak di Hama (Hama Sancağı, Hama)
  3. sanjak di Homs (Hums Sansağı, Homs)
  4. sanjak di Salamieh (Selemiyye Sancağı, Salamiyah)
  5. sanjak di Jebella o Jebellieh (Cebeliyye Sancağı, Jableh)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Da non confondere con l'omonima città della Libia
  2. ^ (EN) Evliya Çelebi e Joseph von Hammer-Purgstall, Narrative of Travels in Europe, Asia, and Africa in the Seventeenth Century, Oriental Translation Fund, 1834, p. 90.