Eyalet di Anatolia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Eyalet di Anatolia
Eyalet di Anatolia – Bandiera
Anatolia Eyalet, Ottoman Empire (1609) Kopie.png
Dati amministrativi
Nome completoEyalet-i Anadolu
Lingue ufficialiturco ottomano
Lingue parlateturco ottomano, arabo
CapitaleBursa
Ankara
Kütahya
Dipendente daImpero ottomano
Politica
Forma di StatoEyalet
Forma di governoEyalet elettivo dell'Impero ottomano
Capo di StatoSultani ottomani
Nascita1393
Fine1827
Territorio e popolazione
Bacino geograficoPenisola anatolica
Territorio originaleTurchia
Massima estensione170.430 km2 nel XIX secolo
Economia
Commerci conImpero ottomano
Religione e società
Religioni preminentiIslam
Religione di StatoIslam
Religioni minoritarieCristianesimo, Ebraismo
Evoluzione storica
Preceduto daByzantine imperial flag, 14th century, square.svg Impero bizantino
Succeduto daFictitious Ottoman flag 2.svg Eyalet di Aidin
Fictitious Ottoman flag 2.svg Eyalet di Ankara
Fictitious Ottoman flag 2.svg Eyalet di Hüdavendigâr
Fictitious Ottoman flag 2.svg Eyalet di Kastamonu

L'eyalet di Anatolia (in turco:Eyalet-i Anadolu) era un eyalet dell'Impero ottomano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'eyalet di Anatolia fu uno dei primi, nel cuore dell'Impero ottomano, ad essersi formati nel 1393 dopo il crollo dell'Impero bizantino e l'annessione dei suoi territori al neo costituito impero turco. Dopo l'abolizione del corpo dei giannizzeri nel 1826, l'eyalet di Anatolia venne suddiviso in quattro: gli eyalet di Aidin, Hüdevandigar, Ankara e Kastamonu che proseguirono nella loro esistenza sino al definitivo crollo del potere turco all'inizio del Novecento.

La sua organizzazione interna venne ampiamente descritta nel XVIII secolo dall'autore Evliya Çelebi: "Vi è un Kehiya, un Emin (ispettore) ed un Muhasibji (controllore delle pergamene) un Emin ed un Kehiya dei Chavush, rispettivamente come colonnello e capitano della milizia feudale, quattro Begs chiamati Musellim e undici Yaya-Begs".[1]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Suddivisioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

L'eyalet consisteva nel 1609 di quattordici sanjak:[2]
  1. Sanjak di Kutahya (Liva-i Kütahya, Paşa Sancağı , Kütahya)
  2. Sanjak di Saruhan (Liva-i Saruhan Hass-ı Mîr Liva, (Manisa)
  3. Sanjak di Aydin (Liva-i Aydın, Aydın)
  4. Sanjak di Hüdavendigâr (Liva-i Hüdavendigâr, Bursa)
  5. Sanjak di Kastamonu (Liva-i Kastamonu, Kastamonu)
  6. Sanjak di Menteşe (Liva-i Menteşe, Muğla)
  7. Sanjak di Bolu (Liva-i Bolu, Bolu)
  8. Sanjak di Ankara (Liva-i Bankara, Ankara)
  9. Sanjak di Karahisar-i Sahib (Liva-i Karahisar-ı Sahib, Afyonkarahisar)
  10. Sanjak di Teke (Liva-i Teke, Antalya)
  11. Sanjak di Kangırı (Liva-i Kangırı, Çankırı)
  12. Sanjak di Hamidili (Liva-i Hamidili, Isparta)
  13. Sanjak di Sultanönü (Liva-i Sutanönü, Eskişehir)
  14. Sanjak di Karesi (Liva-i Karesi, Balıkesir)
L'eyalet era composto di quindici sanjak tra il 1700 ed il 1740:[3]
  1. Sanjak di Kutahya (Paşa Sancağı , Kütahya)
  2. Sanjak di Hüdavendigâr (Bursa)
  3. Sanjak di Bolu (Bolu)
  4. Sanjak di Kastamonu (Kastamonu)
  5. Sanjak di Karasi (Balıkesir)
  6. Sanjak di Sultanönü (Eskişehir)
  7. Sanjak di Saruhan (Manisa)
  8. Sanjak di Karahisar-i Sahib (Afyonkarahisar)
  9. Sanjak di Hamid (Isparta)
  10. Sanjak di Ankara (Ankara)
  11. Sanjak di Kânkırı (Çankırı)
  12. Sanjak di Aydin (Aydın)
  13. Sanjak di Teke (Antalya)
  14. Sanjak di Menteşe (Muğla)
  15. Sanjak di Beybazarı (Beypazarı)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Evliya Çelebi e Joseph Freiherr von Hammer-Purgstall, Narrative of Travels in Europe, Asia, and Africa in the Seventeenth Century, Oriental Translation Fund, 1834, p. 90.
  2. ^ Çetin Varlık, Anadolu Eyaleti Kuruluşu ve Gelişmesi, Osmanlı, Cilt 6: Teşkilât, Yeni Türkiye Yayınları, Ankara, 1999, ISBN 975-6782-09-9, p. 125. (TR)
  3. ^ Orhan Kılıç, XVII. Yüzyılın İlk Yarısında Osmanlı Devleti'nin Eyalet ve Sancak Teşkilatlanması, Osmanlı, Cilt 6: Teşkilât, Yeni Türkiye Yayınları, Ankara, 1999, ISBN 975-6782-09-9, p. 93. (TR)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]