Repubblica di Bosnia ed Erzegovina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Repubblica di Bosnia ed Erzegovina
Repubblica di Bosnia ed Erzegovina – Bandiera Repubblica di Bosnia ed Erzegovina - Stemma
(dettagli) (dettagli)
Dati amministrativi
Nome ufficiale Republika Bosna i Hercegovina
Lingue ufficiali Bosniaca
Lingue parlate Serbo-croato
Inno Jedna si jedina
(Sei una ed unica)
Capitale Sarajevo
Politica
Forma di Stato Repubblica parlamentare
Forma di governo
Presidente Alija Izetbegović
Primo Ministro Jure Pelivan (1992-1993)
Haris Silajdžić (1993-1996)
Hasan Muratović (1996-1997)
Nascita 1992
Causa Indipendenza dalla Jugoslavia
Fine 1997
Causa Attuazione degli accordi di Dayton
Territorio e popolazione
Economia
Valuta Dinaro della Bosnia ed Erzegovina
Varie
Prefisso tel. +387
Religione e società
Religioni preminenti Islam sunnita
Religioni minoritarie Cristianesimo ortodosso, Cattolicesimo
Evoluzione storica
Preceduto da Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina
Succeduto da Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina

La Repubblica di Bosnia ed Erzegovina (bosniaco, serbo-croato: Republika Bosna i Hercegovina, RBiH) è il diretto predecessore dello stato odierno della Bosnia ed Erzegovina.

Essa è esistita dalla sua dichiarazione di indipendenza dalla Jugoslavia nel 1992 fino alla piena attuazione degli accordi di pace di Dayton nel 1997.

In questo periodo con la guerra in Bosnia, ciascuna delle due altre etnie principali della Bosnia ed Erzegovina (serbi e croati) istituirono una propria entità (la Repubblica Serba di Bosnia ed Erzegovina e la Repubblica Croata dell'Erzeg-Bosnia) lasciando la RBiH che rimase solo come rappresentante dei Bosniaci musulmani.

Con gli Accordi di Washington del 1994 tuttavia, bosniaci e croati crearono un'entità comune: la Federazione di Bosnia ed Erzegovina.

Nel 1995 con gli accordi di Pace di Dayton la Federazione di Bosnia ed Erzegovina si unì con l'entità serba nello stato della Bosnia ed Erzegovina.