Dragoljub Ojdanić

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Dragoljub Ojdanić
NascitaRavni, 1º giugno 1941
Mortevivente
Dati militari
Paese servitoFlag of Yugoslavia (1946-1992).svg Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia
Flag of Yugoslavia (1992–2003); Flag of Serbia and Montenegro (2003–2006).svg Repubblica Federale di Jugoslavia
Forza armataLogo of the JNA.svg Armata Popolare Jugoslava
VSCG.jpg Forze armate di Serbia e Montenegro
ArmaKopnena Vojska JNA
Forze di terra serbo-montenegrine
Anni di servizio1964-2000
GradoGenerale d'armata
GuerreGuerra in Bosnia ed Erzegovina
Guerra del Kosovo
BattaglieOperazione Allied Force
Comandante diCapo dello stato maggiore generale delle Forze armate di Serbia e Montenegro
DecorazioniOrdine della Libertà
"fonti nel corpo del testo"
voci di militari presenti su Wikipedia

Dragoljub Ojdanić (in serbo: Драгољуб Ојданић?; Ravni, 1º giugno 1941) è un ex generale serbo, è stato capo dello stato maggiore generale delle forze armate serbo-montenegrine e ministro della difesa della Repubblica Federale di Jugoslavia, è stato accusato di crimini di guerra in merito di deportazioni e trasferimenti forzati avvenuti durante la Guerra del Kosovo ed è passibile di processo da parte del Tribunale penale internazionale per l'ex-Jugoslavia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1958, Ojdanić studiò all'accademia militare jugoslava e vi si laureò nel 1964. Fu vice-comandante del 37º corpo dell'Armata popolare jugoslava, con il comando a Užice. Fu promosso a Maggior generale il 20 aprile del 1992 e divenne comandante del korpus di Užice. Sotto il suo comando, il corpo di Užice fu impegnato in operazioni militari nell'est della Bosnia durante la Guerra in Bosnia ed Erzegovina.

Ha servito come capo dello stato maggiore generale della 1ª armata dell'Esercito della Repubblica Federale di Jugoslavia dal 1993 al 1994. Dal 1994 al 1996 è stato comandante della 1ª armata. Nel 1998 il presidente Slobodan Milošević lo ha nominato capo dello stato maggiore generale dell'Esercito jugoslavo. È stato anche capo dello stato maggiore generale durante l'Operazione Allied Force della NATO. Nel febbraio del 2000 dopo la morte del ministro della difesa Pavle Bulatović, è stato nominato ministro della difesa e promosso al grado di Generale d'armata.

Il 25 aprile del 2002, Ojdanić è stato trasferito dal governo jugoslavo al Tribunale penale internazionale per l'ex-Jugoslavia a L'Aia. Ojdanić è stato autorizzato a partecipare al funerale di Slobodan Milošević dopo la sua morte avvenuta l'11 marzo del 2006. Il 26 febbraio del 2009, il tribunale ha condannato Ojdanić a 15 anni di carcere, dopo l'accusa di deportazione e trasferimenti forzati.[1]

il 27 maggio del 2009, suo caso è stato portato in appello.[2] Il co-difensore di Ojdanić è lo statunitense Peter Robinson. Nel gennaio del 2013, Ojdanić ha ammesso di aver partecipato attivamente ai crimini di guerra in Kosovo, dopo queste affermazioni anche l'Albania ha ritirato l'appoggio al suo appello[3] nell'agosto del 2013, il tribunale gli ha concesso la libertà provvisoria, da allora vive in Serbia.[4]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Ordine della Libertà - nastrino per uniforme ordinaria Ordine della Libertà

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Kosovo trial clears Serbia leader". BBC News. 26 February 2009. Retrieved 26 February 2009...
  2. ^ Profile: Dragoljub Ojdanić, haguejusticeportal.net; accessed 25 December 2015....
  3. ^ Ristic, Marija. "Yugoslav Army General Dragoljub Ojdanić Admits Kosovo War Crimes". Balkan Insight. BIRN. Retrieved 29 January 2013.....
  4. ^ Dragoljub Ojdanić granted early release, icty.org; accessed 25 December 2015...
Controllo di autoritàVIAF (EN5281148705713537080007 · LCCN (ENn2018035858 · GND (DE1125061502 · WorldCat Identities (ENn2018-035858