Vicente Guaita

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vicente Guaita
Vicente Guaita.jpg
Guaita ai tempi del Valencia.
Nazionalità Spagna Spagna
Altezza 191 cm
Peso 80 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Portiere
Squadra Crystal Palace
Carriera
Giovanili
2001-2005Valencia
Squadre di club1
2005-2008Valencia Mestalla? (-?)
2008-2009Valencia2 (-5)
2009-2010Recreativo Huelva30 (-24)
2010-2014Valencia73 (-87)
2014-2018Getafe109 (-148)[1]
2018-Crystal Palace0 (-0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 18 giugno 2018

Vicente Guaita Panadero (Torrent, 10 gennaio 1987) è un calciatore spagnolo, portiere del Crystal Palace.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Nato in un piccolo comune della provincia valenciana, Guaita entra nelle giovanili della squadra spagnola del Valencia e li vi resta sino al 2008.

Nella stagione 2008-2009 viene aggregato alla prima squadra a seguito del ritiro della bandiera Cañizares, questo, unito al fatto che l'allenatore dell'epoca, Unai Emery, non nutriva grande fiducia nel tedesco Hildebrand, autore di un pessimo avvio di stagione che gli costerà la permanenza in squadra[2], fa sì che il giovane spagnolo divenga presto il secondo portiere della squadra valenciana.

Guaita fa il suo debutto ufficiale il 2 ottobre 2008 nell'incontro di Coppa UEFA contro il C.S. Marítimo, partita vinta dagli spagnoli 2-1.

Tuttavia dopo l'acquisto dell'esperto César Sánchez dal Tottenham, ed il completo recupero di Renan, il giovane spagnolo viene retrocesso a terza scelta sino al termine della stagione.

L'anno seguente, col rinnovo di Sánchez per un'altra stagione e l'acquisto di Miguel Ángel Moyà dal Mallorca, Guaita è considerato di troppo e viene quindi mandato in prestito in seconda divisione, al Recreativo Huelva[3].

In Andalusia il giovane Guaita si mette in luce tanto da aggiudicarsi il Trofeo Zamora per la seconda divisione[4], forte dei soli 24 gol concessi in 30 gare, che consentono alla squadra di attestarsi in una posizione di metà classifica.

Tra novembre e dicembre del 2010 il Valencia deve fare i conti con gli infortuni sia di César che di Moyà, cosicché Guaita viene richiamato alla casa madre per difendere la porta spagnola sia in campionato che in Europa, in particolare nella Champions League di quell'anno, dove Guaita affronta il Manchester Utd, incontro terminato poi 1-1, dove riesce addirittura ad impressionare il tecnico inglese Ferguson che si informa sulla possibilità di acquisire l'estremo difensore spagnolo, anche se poi Guaita resterà al Valencia.[5]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

2009-2010

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]