Uomo nero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Uomo nero (disambigua).
Que viene el Coco (Arriva l'Uomo Nero), acquatinta di Goya (1797).

L’uomo nero è una creatura leggendaria, un essere amorfo, cattivo e oscuro presente nella tradizione di vari paesi. Negli Stati Uniti d'America è conosciuto come boogeyman (scritto anche bogeyman, boogyman o bogyman). Presso Portogallo e paesi ispanofoni tale figura è conosciuta col nome di El Coco. In Italia viene identificato anche con la figura del Babau.

Origine e etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Folclore italiano[modifica | modifica wikitesto]

L'uomo nero è un demone o uno spirito, ha l'aspetto di un uomo o di un fantasma ma nero, non ha gambe e dalla vita in giù sfuma in una punta. Tuttavia esso si manifesta anche in altre forme in base a come vuole catturare la propria vittima. Fino al XX secolo la sua figura veniva accennata ai bambini che alla sera non volevano dormire; li si minacciava, infatti, di chiamare l'uomo nero nel caso non avessero chiuso gli occhi e non si fossero addormentati come i parenti volevano. Come la maggior parte delle creature oscure, legate alle tenebre, l'uomo nero teme la luce a cui è vulnerabile e non può accedere ai luoghi dove essa regna, i bambini hanno spesso l'abitudine di tenere una luce accesa in camera quando dormono proprio per tenerlo lontano fino a quando non arriva la luce del giorno.

È spesso sostituito dal babau; nel sud Italia ed in particolare in Puglia è spesso usato invece "vecchio col sacco", un fantasma con i compiti simili al tradizionale uomo nero, anche se a volte anche gli spiriti dispettosi della casa (l'Aùre o Avùrie, o lo Scazzamurrhieddru o Scazzamurrill), mentre in Sardegna è noto come mommottu, mommotti o anche bobotti.

Filastrocche[modifica | modifica wikitesto]

Ninna nanna, ninna oh, questo bimbo a chi lo do? Lo darò alla Befana che lo tiene una settimana Lo darò all'Uomo Nero che lo tiene un anno intero Lo darò all'Uomo Bianco che lo tiene finché è stanco Lo darò al Saggio Folletto che lo renda Uomo perfetto![1]

Ninna nanna, ninna oh, questo bimbo a chi lo do? Se lo do alla Befana, se lo tiene una settimana. Se lo do all'uomo nero, se lo tiene un anno intero. Se lo do al Bambin Gesù, se lo tiene e non ce lo dà più.

Ninna nanna, ninna oh, questo bimbo a chi lo do? Se lo do alla Befana, se lo tiene una settimana. Se lo do all'uomo nero, se lo tiene un anno intero. Se lo do al gatto mammone me lo mangia in un boccone. Ninna nanna, ninna oh, questo bimbo a chi lo do? Ninna nanna, ninna oh, questo bimbo lo terrò.

Ninna nanna, ninna oh, questo bimbo a chi lo do? Lo do all'uomo nero che lo tiene un anno intero. Lo do al diavoletto che lo tiene un mesetto. Lo do al nonno che gli fa fare un bel sonno. Lo do al principino che gli fa fare un sonnellino. Lo do a paperino che gli regala un cappellino.

Ninna nanna ninna oh questo bel bimbo a chi lo do lo darò all'uomo nero che lo tiene un mese intero. Ninna nanna ninna oh questo bel bimbo a chi lo do lo darò alla befana che lo tiene una settimana. Ninna nanna ninna oh questo bel bimbo a chi lo do lo darò alla regina che lo tiene una mattina.

Folclore americano[modifica | modifica wikitesto]

Sarebbe stato creato dalle madri americane per spaventare i bambini e impedire loro di fare azioni avventate e non alzarsi per girovagare durante la notte. Numerose sono le canzoncine presenti negli Stati Uniti in merito a questo personaggio degli incubi.

Il nome Boogeyman deriva, probabilmente, dalla parola inglese Bogman usata per indicare uomini che, banditi dalle loro comunità erano costretti a rifugiarsi nelle torbiere, territori paludosi non reclamati da nessuno, in inglese Bogs. Tali terreni, molto diffusi in Inghilterra, sono invece alquanto rari negli Stati Uniti, soprattutto nelle colonie originali, pertanto l'espressione cessò di essere comprensibile e si deformò in Boogeyman.

Un'altra interpretazione la fa derivare dai bogie, spiriti meschini che vivrebbero nell'ombra. Tali creature possono trovarsi nei granai, nelle cantine e in tutti quei luoghi polverosi dove la gente tiene le cose che non vuole buttare via.

Folclore ispanico[modifica | modifica wikitesto]

Diffuso nel New Mexico, Colorado, America Latina, Portogallo e Galizia; l'uomo nero (o meglio ancora El Coco) è raffigurato come uno spirito antropomorfo con una testa di zucca ed interessato a rapire i bambini disubbidienti.

Il nome Coco (o Coca) è derivabile dalla parola portoghese/spagnola coco (testa).

La parola coco però indica anche il cocco: si dice che tale ominimia sia attribuile ai marinai di Vasco de Gama, ai quali tale frutto esotico ricordava la fantomatica creatura leggendaria[2].

Influenza culturale[modifica | modifica wikitesto]

Come personaggio appare in diversi romanzi, racconti e film.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Altro[modifica | modifica wikitesto]

  • Un wrestler (Marty Wright) ha lottato col nome di Boogeyman, rifacendosi al personaggio.
  • Uomo nero era anche uno dei soprannomi del serial killer americano Albert Fish.
  • L'antagonista della serie di film Halloween, l'assassino Michael Myers viene spesso definito come l'Uomo Nero, l'Ombra della Strega, l'Ombra, l'Anticristo o il Demonio.
  • L'assassino Freddy Krueger della saga di Nightmare è ispirato all'Uomo Nero.
  • I Boogeyman appaiono nel videogioco Silent Hill: Homecoming, nel quale rivestono il ruolo di Pyramid Head.
  • Il Boogeyman appare inoltre nel videogioco Silent Hill: Downpour, il capitolo successivo ad Homecoming, nel quale ha un aspetto differente da quello di Pyramid Head e dove rappresenta quello che in psicologia si chiama errore fondamentale di attribuzione.
  • L'Uomo Nero è stato d'ispirazione per la creazione della creepypasta dello Slenderman
  • L'Uomo Nero ha ispirato il Pokémon Darkrai, abitando infatti nei sogni delle persone.
  • Il racconto Il Baubau, scritto da Stephen King e contenuto nella raccolta A volte ritornano, narra di un uomo che racconta al suo psicologo di come i suoi tre figli siano stati uccisi dall'Uomo Nero.
  • L'Uomo Nero è anche l'antagonista principale del videogioco indie horror giapponese The Boogie Man, sviluppato da Uri con WOLF RPG Editor.
  • Il gruppo Hard Rock australiano AC/DC ha scritto una canzone chiamata "Boogie Man" contenuta nell'album Ballbreaker (1995)
  • Il boogyman appare anche nei video della virtual band musicale Gorillaz.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ AA. VV., Mortal sospiro, in Buio - raccolta di racconti tema Horror-Thriller-Noir. URL consultato il 26 marzo 2017.
  2. ^ (EN) El Cuco or El Coco - Hispanic Culture | Latino Culture | Latin American Culture [collegamento interrotto], su hispanic-culture-online.com, 14 luglio 2013. URL consultato il 28 agosto 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Mitologia Portale Mitologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia