Gnefro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Lo gnefro o gnèfru è, nella cultura popolare dell'Umbria e in particolare della zona della città di Terni, della Valnerina, e della città di Rieti, una creatura leggendaria che è solita vivere in gruppi più o meno numerosi nei pressi della cascata delle Marmore e lungo il fiume Nera tra la cascata stessa e la fine della Valnerina.

Secondo la tradizione popolare questa creatura è di fatto assimilabile a una sorta di folletto o gnomo di bassa statura (inferiore a un metro). Secondo alcune teorie appare ai viandanti esclusivamente di notte, a volte con l'aspetto di un bambino grazioso e altre con le fattezze di una specie di piccolo gnomo con pelle ruvida e cresposa.

Le leggende narrano che gli gnefri si divertano a importunare i viandanti solitari con scherzi o piccoli dispetti finalizzati per lo più a spaventarli senza però arrecare mai reali danni gravi. Secondo tali tradizioni, gli gnefri sono dotati di piccoli e deboli poteri magici. Alcuni li considerano veri e propri folletti protettori delle case.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Christian Filagrossi, Il libro delle creature fantastiche, Milano, edizioni Armenia, 2002, pag. 181.
Mitologia Portale Mitologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia