Plastic Beach

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Plastic Beach
ArtistaGorillaz
Tipo albumStudio
Pubblicazione3 marzo 2010
Durata56:46
Dischi1
Tracce16
GenereAlternative hip hop
Synth pop
Trip hop
EtichettaParlophone, Virgin
ProduttoreGorillaz
Registrazione2009
FormatiCD, 2 LP, download digitale
Gorillaz - cronologia
Album precedente
(2005)
Album successivo
(2011)
Singoli
  1. Stylo
    Pubblicato: 22 gennaio 2010
  2. White Flag
    Pubblicato: 17 aprile 2010
  3. Superfast Jellyfish
    Pubblicato: maggio 2010
  4. On Melancholy Hill
    Pubblicato: 21 luglio 2010

Plastic Beach è il terzo album in studio del gruppo musicale britannico Gorillaz, pubblicato il 3 marzo 2010 dalla Parlophone e dalla Virgin Records.[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Anticipato a gennaio dal singolo Stylo, l'album presenta sedici brani che hanno visto la partecipazione di svariati artisti quali Snoop Dogg, Gruff Rhys, Bobby Womack, Mos Def, Lou Reed, Mick Jones e i De La Soul. Le canzoni parlano di temi come il consumismo e l'ecologia.

Secondo Pitchfork è il trentacinquesimo miglior album del 2010.[2]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Orchestral Intro – 1:09 (musica: Gorillaz)
  2. Welcome to the World of the Plastic Beach – 3:35 (Gorillaz, Snoop Dogg)
  3. White Flag – 3:43 (Gorillaz, Bashy, Kano)
  4. Rhinestone Eyes – 3:20 (Gorillaz)
  5. Stylo – 4:30 (Gorillaz, Mos Def)
  6. Superfast Jellyfish – 2:54 (Gorillaz, De La Soul, Gruff Rhys)
  7. Empire Ants – 4:43 (Gorillaz, Yuki Nagano)
  8. Glitter Freeze – 4:03 (Gorillaz, Mark E. Smith)
  9. Some Kind of Nature – 2:59 (Gorillaz, Lou Reed)
  10. On Melancholy Hill – 3:53 (Gorillaz)
  11. Broken – 3:17 (Gorillaz)
  12. Sweepstakes – 5:20 (Gorillaz, Mos Def)
  13. Plastic Beach – 3:47 (Gorillaz)
  14. To Binge – 3:55 (Gorillaz, Yuki Nagano)
  15. Cloud of Unknowing – 3:06 (Gorillaz)
  16. Pirate Jet – 2:32 (Gorillaz)
Traccia bonus nell'edizione giapponese
  1. Pirate's Progress – 4:02 (Gorillaz)
Traccia bonus nell'edizione deluxe di iTunes
  1. Three Hearts, Seven Seas, Twelve Moons – 2:14
  2. Stylo (Video) – 5:01
DVD bonus nella Experience Edition
  1. The Making of Plastic Beach Documentary – 34:54

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Musicisti
  • Gorillazvoce, strumentazione
  • Sinfonia ViVA – orchestra (tracce 1, 15 e 17)
  • André de Ridder – conduzione e arrangiamenti orchestrali (tracce 1, 15 e 17)
  • James Redwood – arrangiamenti orchestrali (tracce 1, 15 e 17)
  • Snoop Dogg – voce (traccia 2)
  • Gabriel Manuals Wallace – batteria aggiuntiva (tracce 2, 4, 6, 9, 12, 16 e 17)
  • Hypnotic Brass Ensemble – ottoni aggiuntivi (tracce 2 e 12)
  • Bashy – voce (traccia 3)
  • Kano – voce (traccia 3)
  • National Orchestra for Arabic Music – orchestra (traccia 3)
  • Essam Rafea – conduzione e arrangiamenti orchestrali (traccia 3)
  • Mos Def – voce (tracce 5 e 12)
  • Bobby Womack – voce ospite (tracce 5 e 15)
  • De La Soul – voce (traccia 6)
  • Gruff Rhys – voce e chitarra aggiuntiva (traccia 6)
  • Little Dragon
    • Yukumi Nagano – voce (tracce 7 e 14)
    • Håkan Wirenstrand – chitarra aggiuntiva (tracce 7 e 14)
    • Fredrik Wallin – chitarra aggiuntiva (tracce 7 e 14)
  • Simon Tong – chitarra aggiuntiva (tracce 7, 8 e 15)
  • Mark E. Smith – voce (traccia 8)
  • Lou Reed – voce e chitarra aggiuntiva (traccia 9)
  • The Purple, The People, The Plastic Eating People – coro (tracce 9 e 16)
  • Mick Jones – chitarra aggiuntiva (traccia 13)
  • Paul Simononbasso aggiuntivo (traccia 13)
  • David Coulter – arpa ebrea (traccia 16)
Produzione
  • Gorillaz – produzione
  • Jason Cox – registrazione, missaggio
  • Stephen Sedgwick – registrazione, programmazione
  • Josh Shultz – registrazione (traccia 2)
  • Chris Jackson – registrazione (traccia 2)
  • Ted Chung – registrazione (traccia 2)
  • Michael Makowski – assistenza alla registrazione
  • Howie Weinberg – mastering

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Mark Sutherland, Gorillaz "Plastic Beach" Album Preview, Billboard, 12 gennaio 2010. URL consultato il 19 ottobre 2019.
  2. ^ (EN) Staff Lists: The Top 50 Albums of 2011, Pitchfork, 16 dicembre 2010. URL consultato il 23 settembre 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]