Salvanèl

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la variante della leggenda diffusa in Primiero, vedi Mazaròl.

Il Salvanèl è una creatura del folclore trentino.

Secondo la leggenda, è un piccolo folletto vestito interamente di rosso molto dispettoso, che si diverte a far perdere la strada ai viandanti e si vendica di chi rovina la foresta in maniera brutale, tuttavia è gentile con i bisognosi.[1][2][3][4] Alcune varianti della storia lo ritraggono come un possente uomo crudele ricoperto di peli.[5][6]

Leggenda[modifica | modifica wikitesto]

La leggenda vuole che, un giorno, una ragazza bionda dai capelli molto lunghi della Val di Non scoprì di essere incinta, senza conoscerne però il motivo. Ben presto gli abitanti del paese nel quale viveva se ne accorsero, iniziando a guardarla con sospetto e iniziando a chiedersi se fosse una strega.

Spaventata dall'idea che i suoi compaesani si stavano facendo di lei, la ragazza decise di scappare su un monte chiamato Ozol, dove si rifugiò in una fessura tra le rocce.

Tempo dopo, il bambino che portava in grembo nacque e la madre decise di chiamarlo "Salvanèl".

Con il tempo, il Salvanèl crebbe. Indossava sempre abiti rossi e aveva una folta barba nera.[1]

Il folletto si muoveva solo di notte, perciò i paesani lo incontravano solo raramente; le persone erano spaventate da lui, tuttavia aiutava sempre le persone in difficoltà, aiutava viandanti in pericolo nel bosco come assisteva agli anziani.

Si dice che fosse molto dispettoso, ma andasse su tutte le furie se scorgesse qualcuno a maltrattare la natura, iniziando a vendicarsi mettendo la vita delle sue vittime in pericolo.[3][4][2]

Secondo una variante meno diffusa della leggenda, il Salvanèl, noto in questo caso anche come Òm Pelòs o Òm selvàdeg,[7] non è un simpatico folletto, tuttavia selvaggio alpino ricoperto di peli da testa a piedi, che si muove sempre con una sacca sulle spalle contenente selvaggina; il folletto non si farebbe problemi a catturare dei bambini, per poi portarli nella sua tana, una caverna chiamata Bus del Salvanèl, dove li arrostirebbe per poi nutrirsene.[5][6]

Nella cultura moderna[modifica | modifica wikitesto]

  • Il Salvanèl è il protagonista di Le avventure del Salvanèl, una serie di storie illustrate moderne sul folletto.[8]
  • Il Salvanèl è stato scelto come mascotte del "Parco dei Mestieri", laboratorio didattico del Trento Film Festival.[9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Le misteriose creature dei boschi, su visittrentino.info.
  2. ^ a b Le stagioni della fantasia (PDF), su vivoscuola.it.
  3. ^ a b Il Salvanèl, su portalebambini.it.
  4. ^ a b Salvanèl, una leggenda della Val di Non, Regione Autonoma Trentino-Alto Adige, 2012.
  5. ^ a b El Salvanel, su visitterzolas.it.
  6. ^ a b El Salvanel (PDF), su globalproject.info.
  7. ^ Leggende dell'uomo selvatico, su astilibri.com. URL consultato l'8 giugno 2022.
  8. ^ LE AVVENTURE DEL SALVANEL, su foches.it.
  9. ^ Parco dei Mestieri, su cultura.trentino.it.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Salvanèl, una leggenda della Val di Non, Regione Autonoma Trentino-Alto Adige, 2012, OCLC 898566515.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Trentino-Alto Adige: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Trentino-Alto Adige