Unut

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cartiglio di re Unis con la lepre della dea Unut. Lista di Abido, Tempio funerario di Seti I, Abido.

Unut (anche Uenut e Uenet) è una divinità egizia appartenente alla religione dell'antico Egitto, una dea-lepre d'epoca preistorica[1].

Fu adorata con Thot come patrona di Ermopoli (in egizio Uenu), capitale del 15° nomo dell'Alto Egitto. Nota come "la Rapida", l'animale a lei sacro era la lepre del deserto, venendo ella stessa raffigurata come una lepre, come una donna dal capo sormontato da uno stendardo recante, a sua volta, una lepre accovacciata sulla cima oppure come una donna dalla testa di lepre[1][2]. Gli Egizi consideravano la lepre un esempio di rapidità, prontezza e acume sensoriale, benché pure terribili creature sovrannaturali del mondo dei morti si manifestassero come lepri[1]. Unut poteva anche essere raffigurata come un serpente e assumere così caratteristiche ctonie[1]. Mediante la sua controparte maschile, il dio Ununu, talvolta identificato come aspetto di Osiride o Ra, la stessa Unut era collegata al culto di queste due dei fondamentali[1].

Ben cinque differenti geroglifici possono simboleggiarla, eppure è molto rara nelle iscrizioni e nella letteratura in generale. Una scultura che la rappresenta, di eccezionale rarità e unica nel suo genere, è stata scoperta da archeologi statunitensi. Il suo nome ebbe l'onore di essere portato da un solo faraone, nel corso della plurimillenaria storia egizia: si tratta del nome teoforo di re Unis (2350 a.C. circa) della V dinastia egizia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Wilkinson 2003, p. 199.
  2. ^ Hornung 1996, p. 87.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]