Am-eh

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
a m A2 C11 Z1
Am-heh
in geroglifico

Am-eh (anche Am-heh) è una divinità egizia appartenente alla religione dell'antico Egitto, dio minore della Duat il cui nome significava originariamente sia "divoratore di moltitudini" (i 'milioni') sia "mangiatore dell'eternità"[1].

È stato descritto essere come un uomo con la testa di cane la cui abitazione e residenza abituale era l'interno di un lago infuocato; egli poteva essere in parte controllato solamente - tra tutti gli dei - dalla divinità solare Atum[2]-Ra.

A volte confusa con altre divinità sotterranee tipo Ammit, che divorava i cuori dei morti che superavano il peso dato dalla piuma della verità della dea Maat.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ E.A. Wallis Budge, A Hieroglyphic Vocabulary to the Theban Recension of the Book of the Dead, 1911.
  2. ^ George Hart, The Routledge dictionary of Egyptian gods and goddesses, Psychology Press, 2005, via Google Books

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]