Upuaut

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Statuetta di Upuaut, Museo del Louvre

Nella mitologia egizia Upuaut ("colui che apre la via"), figlio di Iside, è il dio lupo della morte e della guerra, venerato in particolar modo ad Abydos.

wp
N31
N31
N31

variante

wp
N31
E18

wp w3wt

Upuaut è originario dell’Alto Egitto, come dio patrono del XIII nomos (Lycopolis), ma simboleggia l’unità dell’Alto e del Basso Egitto, presenziando i rituali di unificazione reale.
Come Anubi, con il quale viene spesso identificato, è una divinità funeraria e uno dei più antichi dèi venerati. Il suo culto aumentò d'importanza a partire dalla I dinastia fino alla XII dinastia, per lasciare il posto ad Osiride, e scomparve del tutto dopo la XVIII dinastia.
Fu identificato con Khentamenti, l'equivalente dell'Ade greco.
Viene raffigurato come un uomo vestito da soldato con la testa di lupo o sciacallo, con pelliccia grigia, bianca o marrone, solitamente con mazza ed arco nelle mani. In qualità di dio guerriero, alcuni studiosi hanno ipotizzato che uno stendardo che lo raffigurava fosse portato alla testa degli eserciti in guerra e si trova raffigurato nella Tavoletta di Narmer.


Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Tosi, Mario, Dizionario enciclopedico delle Divinità dell'Antico Egitto, Torino 2004 ISBN 88-7325-064-5

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]