Thyago Alves

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Thyago Alves
Thyago Alves 2011.jpg
Thyago Alves nel 2011.
Altezza185 [1] cm
Misure99-80-99
Scarpe47[1] (UE) - 13 1\2[1] (US)
OcchiVerdi[1]
Capellicastani[1]

Thyago Alves (Goiânia, 6 settembre 1984) è un modello e attore brasiliano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce in Goiânia, in Brasile e da adolescente si rivela una promessa calcistica nel São Paulo Juniores. Decide però di abbandonare la carriera di calciatore per intraprendere quella di modello. A 18 anni si trasferisce a Milano dove sfila per Armani e Versace.[2] Nel febbraio del 2009 è stato il valletto di Paolo Bonolis e Luca Laurenti nella terza serata del Festival di Sanremo 2009.

Successivamente ha interpretato a teatro il ruolo di 'o brasileiro' in Dignità Autonome di Prostituzione di Luciano Melchionna, recitando a Milano, Roma e Vicenza anche nella primavera del 2010, ed a Napoli nel 2011. Nello stesso anno ha debuttato sul grande schermo con il film Il compleanno, seconda opera di Marco Filiberti, con Massimo Poggio e Alessandro Gassmann. Il film è stato presentato al Festival del Cinema di Venezia. Ultimamente è stato anche testimonial pubblicitario del Martini rosato.[2]

Thyago Alves nel 2011 ha partecipato all'ottava edizione del reality show L'isola dei famosi, arrivando secondo dietro Giorgia Palmas con il 24% dei voti.[3][4] Dopo il reality, insieme a Leonardo Pieraccioni, Rocco Papaleo e Ariadna Romero, è protagonista della commedia Finalmente la felicità, con la regia di Leonardo Pieraccioni. Nel 2015 Alves torna sulle scene televisive prendendo parte alla fiction di successo L'onore e il rispetto, vestendo i panni di Michele Giordano, figlio di Maria Pia e Dante (interpretati rispettivamente da Lina Sastri e Massimo Venturiello).

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN1698149416747289730009 · ISNI (EN0000 0004 6021 5994 · BNF (FRcb171216269 (data)