The Fool on the Hill

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
The Fool on the Hill
ArtistaThe Beatles
Autore/iLennon-McCartney
GenereFolk rock
Pop psichedelico
Pubblicazione
IncisioneMagical Mystery Tour
Data1967
EtichettaParlophone
Durata3:00

The Fool on the Hill è una canzone dei Beatles del 1967. Scritta principalmente da Paul McCartney per la colonna sonora del film Magical Mystery Tour. Essa è una ballata che narra la fantasiosa vicenda del folle sulla collina.

Il brano[modifica | modifica wikitesto]

Composizione[modifica | modifica wikitesto]

McCartney riferì che la canzone faceva riferimento al Maharishi Mahesh Yogi:

«Fool on the Hill era mia e penso che stessi scrivendo di un tipo come il Maharishi. I suoi detrattori lo chiamavano "pazzo". A causa della sua risatina non veniva preso molto seriamente... Mi sedetti al piano nella casa di mio padre a Liverpool, e me ne uscì con Fool on the Hill.[1]»

McCartney suonò la nuova canzone a John Lennon durante una sessione di scrittura per With a Little Help from My Friends, e Lennon gli disse di metterla su carta. McCartney però non lo fece; poiché era certo che non la avrebbe dimenticata.[1] In una delle sue interviste del 1980 con la rivista Playboy, Lennon disse: «Beh, questo è Paul. Un altro buon testo. Dimostra che quando vuole è in grado di scrivere canzoni complete».[2]

Registrazione[modifica | modifica wikitesto]

McCartney incise un nastro demo della canzone il 6 settembre 1967.[3] Questa versione venne in seguito inserita nell'Anthology 2.[4] La registrazione ebbe inizio il 25 settembre, con significative sovraincisioni da parte dei Beatles il 26 settembre. Il "Beatlesologo" Mark Lewisohn afferma che la versione del 26 settembre era "quasi un rifacimento".[5] La take del 25 settembre - molto più lenta, più dura e con un testo leggermente diverso - è stata anch'essa inclusa nel secondo volume dell'Anthology.[4] Dopo un'altra sessione il 27 settembre, dove McCartney aggiunse parti vocali,[6] la canzone languì in studio per un mese prima che le venisse aggiunta una parte di flauti il 20 ottobre.[7]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

The Beatles

Altri musicisti

  • Christopher Taylor, Richard Taylor, Jack Ellory - flauto

Crediti

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Della canzone, oltre alla melodia restano impressi i suggestivi strumenti a fiato in coda al pezzo. Nel successivo album dei Beatles (White Album) John Lennon ne fa una citazione alquanto ironica imitando in modo bizzarro il flauto del pezzo[senza fonte] nella traccia Glass Onion. Numerose furono le cover della canzone, come quella della giovane Björk nel 1977.

In particolare in Italia quella di Vanna Scotti, incisa alla fine del 1967 con il testo in italiano scritto da Bruno Lauzi ed intitolata L'uomo sulla collina; in lingua originale ci sono invece quella di Mina dell'album Mina canta i Beatles del 1993 e quella di Alice dall'album Elisir del 1987.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Miles, Barry. Many years from Now, 1997, pag. 365–366
  2. ^ Sheff, 2000, pag. 186
  3. ^ Lewisohn, Mark. 1988, pag. 123
  4. ^ a b Apple Records, 1994, pag. 41,42
  5. ^ Lewisohn, Mark. 1988, pag. 126
  6. ^ Lewisohn, Mark. 1988, pag. 127
  7. ^ Kevin Ryan e Brian Kehew, Recording the Beatles: the studio equipment and techniques used to create their classic albums, Curvebender, 2006, p. 470, ISBN 978-0-9785200-0-7. URL consultato il 12 giugno 2011.
  8. ^ Ian MacDonald, autore di The Beatles, l'opera completa (Mondadori, 1994), pone in dubbio il fatto che John Lennon abbia suonato questo strumento; pag. 261

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

(EN) Alan W. Pollack, Notes on "The Fool on the Hill", Rijksuniversiteit Groningen, Notes on ... Series.

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock