Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Nippon Steel & Sumitomo Metal

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Sumitomo Metal Industries)
Jump to navigation Jump to search
Nippon Steel Co. Ltd
Logo
StatoGiappone Giappone
Forma societariaKabushiki gaisha
Borse valoriBorsa di Tokyo: 5401
ISINJP3381000003
Fondazione31 marzo 1970[1]
Sede principaleTokyo
Persone chiave
  • Hiroshi Tomono (presidente)
  • Shoji Munetoka (amministratore delegato)
Settore
  • Chimico
  • Metallurgico
  • Elettronico
  • Utile netto58,47 mld ¥[2] (2012)
    Dipendenti60,508[2] (2012)
    Slogan«On the Leading Edge: Nippon Steel»
    Sito web

    La Nippon Steel Co. Ltd. (新日本製鐵株式會社 Shin Nippon Seitetsu Kabushiki gaisha?) (Borsa di Tokyo: 5401), dal 2012 nota anche con il nome Nippon Steel & Sumitomo Metal Corporation (新日鐡住金株式会社?), è un'azienda giapponese attiva nel settore metallurgico, siderurgico, chimico, elettronico ed edilizio[3][4].

    Storia[modifica | modifica wikitesto]

    La genesi dell'azienda è il risultato di un lungo processo di fusioni e trasformazioni aziendali[5] iniziato tra il 1886 e il 1901, quando furono fondate le aziende Kamaishi Mines Iron & Works (fusasi, nel corso degli anni successivi, con le divisioni siderurgiche di alcune società come la Toyo e la Mitsubishi) e Yawata Steel Works, quest'ultima a partecipazione statale[6]. Queste due società si fusero nel 1934, andando a creare la Japan Iron & Steel, rinominata nel 1950 in Yawata Iron & Steel (八幡製鉄 Yawata Seitetsu?). Negli anni sessanta l'azienda conobbe un periodo di sviluppo con l'apertura di numerosi impianti[6], fino ad assumere, il 31 marzo 1970[1], un assetto societario simile all'attuale in seguito alla fusione dell'azienda con la Fuji Iron & Steel (富士製鉄 Fuji Seitetsu?), e il cambio di nome in Nippon Steel.

    Costretta a prendere severe misure finanziarie in seguito ad una crisi economica negli anni ottanta[7], la Nippon Steel riprese presto il proprio sviluppo societario aprendo, già dalla seconda metà del decennio, alcuni laboratori di sviluppo e ricerca[6] nonché delle nuove divisioni[6]. Nei primi anni del terzo millennio l'azienda fu nuovamente oggetto di riassetti societari (con lo scorporo o la chiusura di alcune delle divisioni[6]) che culminarono con la fusione col ramo siderurgico del gruppo Sumitomo, avvenuto il 1º ottobre 2012[8][9][10]

    Produzione[modifica | modifica wikitesto]

    La Nippon Steel opera in sei settori economici[4]: alla tradizionale produzione dell'acciaio[11] si è affiancato, a partire dal 1974, il settore edile (divenuto, nel 2006, un'azienda filiale con il nome di Nippon Steel Engineering[12]) che si occupa della costruzione di infrastrutture[12] e di progetti per lo sviluppo urbano[13]. A partire dal 1984[6] l'azienda si occupa del trattamento di semiconduttori (settore di cui è esistita, tra il 1993 e il 1999, una divisione indipendente[6]) e della ricerca di nuovi materiali[14][15], mentre nel 1986 viene avviata la produzione di materiale elettronico e informatico[6][16]. Particolare attenzione viene rivolta, in fase di produzione, al rispetto dell'ambiente[17]: al fine di ridurre l'inquinamento derivato dalla produzione dei materiali, sono state messe in atto alcune strategie di riutilizzo dell'energia[18][19] che hanno portato, nel 2009, ad una sensibile riduzione del consumo complessivo di energia e di anidride carbonica rispetto al 1990[20].

    Sedi e impianti[modifica | modifica wikitesto]

    La sede principale dell'azienda è situata a Tokyo[21] da cui se ne ramificano altre 22, situate in altrettante prefetture[21], più ulteriori 15 all'estero (7 in Asia, 5 tra America settentrionale e meridionale, 2 in Oceania e una in Europa)[22]. L'azienda conta nove impianti[23], una centrale elettrica a Hikari[24] e dieci laboratori di ricerca e sviluppo[25].

    Sport[modifica | modifica wikitesto]

    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Nippon Steel Yawata Soccer Club.

    Ciascuna sede dell'azienda è dotata di un circolo sportivo per i dipendenti: ad ottenere risultati più significativi a livello nazionale è stata la sezione calcistica dell'impianto di Kitakyūshū (attiva fino al 1999), membro fondatore della Japan Soccer League[26] (in cui conta 26 apparizioni tra il 1965 e il 1991) e vincitrice dell'edizione 1964 della Coppa dell'Imperatore[27]. Ad alcune edizioni di quest'ultima competizione hanno preso parte anche le sezioni calcistiche degli impianti di Muroran e Kamaishi[28].

    Note[modifica | modifica wikitesto]

    1. ^ a b Nippon Steel Company: Company Profile Archiviato il 30 dicembre 2011 in Internet Archive.
    2. ^ a b Nippon Steel - Annual Report Archiviato il 24 marzo 2012 in Internet Archive.
    3. ^ Nippon Steel Corporation: Business Outline Archiviato il 6 febbraio 2012 in Internet Archive.
    4. ^ a b Product Informations - Nippon Steel Archiviato il 15 dicembre 2011 in Internet Archive.
    5. ^ Nippon Steel Corporation: History Archiviato il 6 febbraio 2012 in Internet Archive.
    6. ^ a b c d e f g h Nippon Steel Corporation: Chronology[collegamento interrotto]
    7. ^ Robert Whymant. Jobs mushroom in idle plant: Nippon Steel of Japan goes into mushroom growing business., The Guardian, 19 febbraio 1985.
    8. ^ Nippon Steel & Sumitomo eyes more cost cuts as debuts in weak market
    9. ^ Nippon Steel & Sumitomo Metal Corp
    10. ^ Nippon Steel & Sumitomo Metal Corporation
    11. ^ Nippon Steel Corporation: Steelmaking Archiviato il 3 gennaio 2012 in Internet Archive.
    12. ^ a b Nippon Steel: Engineering and Construction Archiviato il 15 dicembre 2011 in Internet Archive.
    13. ^ Nippon Steel: Urban Development Archiviato il 1º gennaio 2012 in Internet Archive.
    14. ^ Nippon Steel: New Materials Archiviato il 1º gennaio 2012 in Internet Archive.
    15. ^ Nippon Steel: Chemical Archiviato il 1º gennaio 2012 in Internet Archive.
    16. ^ Nippon Steel: System Archiviato il 15 dicembre 2011 in Internet Archive.
    17. ^ Nippon Steel Corporation. Environment Archiviato il 24 dicembre 2011 in Internet Archive.
    18. ^ Recycling Archiviato il 28 dicembre 2011 in Internet Archive.
    19. ^ Basic Environmental Policy Revised edition in FY2000 Archiviato il 28 dicembre 2011 in Internet Archive.
    20. ^ Efforts against Global Warming Archiviato il 15 dicembre 2011 in Internet Archive.
    21. ^ a b Head Office & Branches in Japan Archiviato il 15 dicembre 2011 in Internet Archive.
    22. ^ Overseas Offices Archiviato il 15 dicembre 2011 in Internet Archive.
    23. ^ Nippon Steel Corportation - Works Archiviato il 13 novembre 2011 in Internet Archive.
    24. ^ Hikari Pipe and Tube Mill Archiviato il 15 dicembre 2011 in Internet Archive.
    25. ^ Laboratories Archiviato il 13 novembre 2011 in Internet Archive.
    26. ^ Japan Soccer League 1965 Archiviato l'11 settembre 2015 in Internet Archive.
    27. ^ 第44回 優勝: 八幡製鉄・古川電工
    28. ^ 第52回 優勝:日立製作所

    Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

    • History of Steel in Japan, Nippon Steel, 1973

    Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

    Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

    Controllo di autoritàVIAF (EN295829640 · ISNI (EN0000 0004 4911 6055