Rocky II

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rocky II
Rocky II.png
Rocky Balboa (Sylvester Stallone) dopo la vittoria del titolo in una scena del film
Titolo originaleRocky II
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1979
Durata119 min
Rapporto1,37:1
Generedrammatico, sportivo
RegiaSylvester Stallone
SoggettoSylvester Stallone
SceneggiaturaSylvester Stallone
ProduttoreRobert Chartoff, Irwin Winkler
Casa di produzioneUnited Artists
FotografiaBill Butler
MontaggioStanford C. Allen, Janice Hampton
MusicheBill Conti
ScenografiaRichard Berger
CostumiSandy Berke Jordan, Tom Bronson
TruccoPhilip Goldblat
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Rocky II è un film del 1979 diretto da Sylvester Stallone. La pellicola è la seconda in ordine di produzione della saga di Rocky ideata da Stallone.

Il film vede Rocky che, dopo il match contro Apollo Creed nel primo film, decide di appendere i guantoni al chiodo. Tuttavia, ferito nell'orgoglio e desideroso di risollevare le sorti economiche della sua famiglia, lo Stallone italiano accetta di ritornare sul ring per la rivincita contro Creed. Stallone cominciò a pensare al film dopo il successo del primo Rocky, decidendo stavolta, dopo aver diretto Taverna Paradiso (1978), di occuparsi anche della regia.

Il film, uscito il 15 giugno 1979 in patria e il 14 settembre successivo in Italia, è stato un successo di pubblico e, con un incasso di 200 milioni di dollari in tutto il mondo[1], è entrato nel novero dei più profittevoli film di pugilato al botteghino.[2]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Dopo l'incontro mondiale con Apollo Creed, nel quale ha perso ai punti, Rocky Balboa decide di ritirarsi dal pugilato in seguito a un problema all'occhio destro riportato dopo l'incontro stesso. Sposatosi con Adriana e con un figlio in arrivo, lo Stallone italiano non bada a spese per la propria famiglia e con il denaro vinto dal match contro Creed acquista fra le altre cose un'automobile (Pontiac Firebird Greenlight Trans AM), tre orologi lussuosi, abiti nuovi e una nuova casa a Philadelphia. Ben presto il denaro comincia a scarseggiaree sia Rocky che Adriana sono costretti a trovare lavoro. Mentre Adriana decide di tornare al negozio di animali nonostante la gravidanza, Rocky prova prima con la pubblicità, poi al mattatoio dove lavorava il cognato Paulie e infine alla palestra di Mickey, dove subisce le umiliazioni da parte degli altri pugili.

Intanto Apollo, tornato a Los Angeles, affronta pesanti critiche da parte dei tifosi i quali lo accusano di aver truccato il match contro Balboa e di non aver dato il massimo contro l'avversario. Apollo, conscio di aver dato tutto contro lo Stallone italiano e intimorito dall'idea di non essere più il migliore, decide di organizzare la rivincita. Il campione, pur di spronare Rocky a tornare sul ring, inizia a provocarlo tramite i giornali e la televisione. Tutto ciò ferisce nell'orgoglio Rocky che, supportato da Mickey ma non da Adriana, accetta di tornare sul ring per la rivincita contro il campione.

Gli allenamenti, tuttavia, non cominciano nel migliore dei modi: Adriana è in gran pena per la salute di Rocky e non ne accetta la decisione di tornare a combattere, ciò influenza molto il pugile che, sentendosi in colpa per le preoccupazioni date a sua moglie, non si allena a dovere. Paulie decide allora di affrontare la sorella, i due hanno un'accesa discussione durante la quale Adriana viene improvvisamente colta da un malore e ricoverata. Arrivato in ospedale, Rocky scopre che la moglie ha partorito un maschio, Robert, ma è entrata in coma a causa di complicazioni occorse durante il parto. Il pugile, ormai disinteressato all'incontro con Creed, veglia giorno e notte al capezzale della moglie. Dopo alcuni giorni Adriana si sveglia dal coma e chiede al marito di vincere l'incontro.

oon Padeuide di affrontare la sorella e la andola c va di non sostenere il mari due hanno un'accesa discussione ma improvvisamente ito, Adriana viene colta da un malore e portata in ospedA e, arrivato in ospedRocky ale, scopre che la moglie ha partorito un maschio, il piccolo Robert che è finita in coma a causun'emorragia occorsa ioni durante il parto. Dopo giorni e notti insonni passate accanto alla mo lie, Rocky finalmente assiste al risveglio di Adriana. La donna, a questo punto, decide di esortare il marito per la rivincita contro Creed.

Allenatosi seriamente e duramente con Mickey, che lo addestra ad usare il destro (Rocky è mancino) per proteggersi l'occhio malandato, lo Stallone italiano affronta Creed e, come nel primo match, riesce ad arrivare fino al 15º e ultimo round. Alla fine sia Rocky che Creed vanno al tappeto ma il primo riesce a rialzarsi prima dello scadere del tempo e soprattutto prima di Creed, diventando il nuovo campione del mondo e dedicando la vittoria ad Adriana che, ancora convalescente, lo segue da casa.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Visto il grande successo ottenuto da Rocky, i dirigenti della United Artists, insieme ai produttori Winkler e Chartoff, decisero di sfruttarne la fama e realizzarne un seguito. Sylvester Stallone venne subito contattato e incaricato di scrivere la sceneggiatura. Egli accettò di mettersi al lavoro a patto che la United gli garantisse un cospicuo assegno: 1 milione di dollari e il 5% degli incassi. Mike Medavoy, l'allora presidente della United, respinse questa richiesta e la lavorazione di Rocky II frenò bruscamente sul nascere.[3]

Dopo alcuni mesi, però, i capi della United Artist abbandonarono la casa di produzione per fondare la Orion Pictures. Il nuovo gruppo dirigente della United andò incontro alla richiesta di Stallone e strinse con quest'ultimo un accordo per Rocky II. Stallone, dunque, si mise al lavoro per scrivere la storia, mentre la produzione cominciò a coinvolgere tutto il cast, artistico e tecnico, del primo Rocky.[3]

Stallone (qui alla premiere di F.I.S.T. nel 1978) decise di cimentarsi nella regia di Rocky II, dopo aver diretto Taverna Paradiso nel 1979

Regia[modifica | modifica wikitesto]

John Avildsen aveva diretto il primo Rocky e, proprio per quest'ultimo film, aveva vinto l'Oscar al miglior regista. Era dunque ritenuto la persona più adatta per dirigere Rocky II. Tuttavia, quando i produttori lo contattarono per offrirgli l'incarico, Avildsen dovette declinare, poiché impegnato nelle riprese La febbre del sabato sera (1977). A questo punto si fece avanti Stallone che dichiarò di essere disponibile a rimpiazzare Avildsen. L'attore e sceneggiatore si era già cimentato qualche anno prima nella regia di Taverna Paradiso (1979), riscuotendo però scarso successo. I produttori Winkler e Chartoff sapevano bene quanto Stallone fosse stato determinante ed essenziale nella realizzazione del primo Rocky e, sfidando lo scetticismo generale, decisero di affidargli la regia.[3]

Sceneggiatura[modifica | modifica wikitesto]

Intervistato dal New York Times, sulla scia del successo di Rocky, Stallone parlò della storia che aveva in mente per un eventuale sequel. Egli pensava di incentrare la pellicola su Rocky che, dopo aver frequentato la scuola serale, decideva di entrare in politica, diventando addirittura sindaco di Philadelphia. Durante la stessa intervista, l'attore e sceneggiatore ipotizzò anche di un terzo film nel quale Rocky lasciava la politica per ritornare al pugilato.[4]

Dopo che Rocky II entrò in pre-produzione, Stallone abbandonò questa trama a favore di una più vicina al film originale. Come aveva fatto con il primo Rocky, Stallone incorporò elementi biografici della sua vita anche in Rocky II. In particolare, l'attore usò come elemento centrale della trama il concetto di come gli eroi del passato possano essere subito dimenticati in futuro. Stallone, infatti, aveva sperimentato questa sensazione sulla sua pelle: dopo il grande successo di Rocky, infatti, l'attore italo americano rimediò solo insuccessi, prima con Taverna Paradiso e poi con F.I.S.T. (1978). In Rocky II, la caduta dell'eroe si manifesta allorquando Rocky comincia ad essere dimenticato dal pubblico dopo solo pochi mesi dal primo match contro Apollo.[5]

Stallone scrisse diverse bozze per la sceneggiatura. In una era previsto che Rocky fosse eletto al Senato degli Stati Uniti d'America, in un'altra che la rivincita tra Creed e lo Stallone Italiano si consumasse in un ring costruito all'interno del Colosseo, a Roma. In Rocky II, Stallone volle omaggiare Chuck Wepner, ovvero il pugile che aveva ispirato Stallone nella scrittura del personaggio di Rocky. Stallone assunse Wepner per fargli interpretare il personaggio di Chink Weber, ma il boxeur offrì un'interpretazione talmente deludente al punto tale da convincere la produzione a licenziarlo e a tagliare il suo personaggio dal film.[6] Stallone riutilizzò allora il nome Chink Weber per la sceneggiatura del film Sorvegliato speciale (1989), e affidò la parte a Sonny Landham.[5]

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese del film si svolsero interamente a Philadelphia nelle stesse location utilizzate per il primo film. Tuttavia, un po' com'era accaduto nel primo Rocky, anche questa volta la troupe dovette far fronte a diversi problemi. Il più grave fu sicuramente l'infortunio di Sylvester Stallone. Poco prima di girare la scena di combattimento, un peso di 100 kg cadde sul petto dell'attore, regista e sceneggiatore, causandogli lo strappo del muscolo pettorale destro. Il muscolo venne ricucito con un filo di nylon, motivo per cui nelle inquadrature successive le vene dell'attore risultarono più evidenti. Dopo l'incidente, Stallone modificò il copione e decise di far combattere Rocky solo la mano destra (come è risaputo, Rocky è invece un mancino).[3][6] Ci vollero ben otto mesi di lavoro al montaggio per arrivare a un editing del combattimento finale che convincesse Stallone.[6]

Durante le riprese della rivincita tra Rocky e Apollo Talia Shire era indisponibile, poiché impegnata sul set di un'altra pellicola, Old Boyfriends - Il compagno di scuola (1979). Stallone, dunque, fu costretto a rimaneggiare la sceneggiatura, lasciando il personaggio di Adriana a casa a guardare il match in televisione. Le scene della Shire furono girate solo alcuni mesi dopo.[6]

Oltre 800 bambini delle scuole locali furono utilizzati come comparse nella corsa sulle scale del Museum of Art.[6]

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Bill Conti tornò a comporre la colonna sonora per Rocky II dopo il primo Rocky.[7] Rispetto al primo Rocky, il ritornello della canzone Gonna Fly Now venne cantata da un coro di bambini (durante la corsa verso il Museum of Art, infatti, il protagonista è seguito proprio da una folla di bambini).[5] La colonna sonora di Rocky II uscì il 25 agosto 1979 e rimase per cinque settimane nella Billboard 200, la classifica dei 200 nuovi album discografici e EP più venduti negli Stati Uniti.[8]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. "Redemption" 2:34
  2. "Gonna Fly Now" 2:35
  3. "Conquest" 4:42
  4. "Vigil" 6:31
  5. "All of My Life" 3:56
  6. "Overture" 8:38
  7. "Two Kinds of Love" 2:37
  8. "All of my Life" 2:27

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola è stata distibuita nelle sale cinematografiche a partire dal giugno 1979.[9]

Data di uscita[modifica | modifica wikitesto]

Le date di uscita cinematografiche internazionali del film furono:[10]:

Divieto[modifica | modifica wikitesto]

Il film venne vietato ai minori di 12 anni in Brasile, Islanda, Corea del Sud e Germania Ovest, ai minori di 13 in Argentina, ai minori di 14 in Perù, ai minori di 15 in Norvegia e Svezia e ai minori di 16 in Finlandia. La pellicola venne valutata G (General Audience), ovvero film per tutti, nel Québec, in Italia (T), e in Messico (A), mentre in Australia, Manitoba, Alberta, Singapore, Regno Unito, e Stati Uniti d'America, venne classificata con la sigla PG (parents cautioned suggested), ovvero che bambini potevano guardare il film solo alla presenza di un adulto.[16]

Doppiaggio italiano[modifica | modifica wikitesto]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Rocky II, durante il weekend d'apertura nei cinema statunitensi, incassò 6,390,537 $.[1] Chiuse la sua corsa al botteghino nazionale con 85,182,160 $ e, complessivamente in tutto il mondo, 200,182,160 $[1], affermandosi come uno dei film di maggior successo del 1979.[17][18][19]

Con i suoi 200 milioni di dollari d'incasso, Rocky II si posizionò al secondo posto tra i film più remunerativi del 1979 negli Stati Uniti (battuto dai 106,260,000 $ di Kramer contro Kramer)[20] e nel mondo (battuto dai 210,308,099 $ di Agente 007 - Moonraker - Operazione spazio).[21]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Alla sua uscita, Rocky II ottenne buone recensioni dalla stampa statunitense. Il sito Rotten Tomatoes ha riportato che il 74% delle 27 recensioni professionali ha dato un giudizio positivo sul film, con una media di voto di 6,5 su 10.[22] Su Metacritic il film ha avuto un punteggio di 61 su 100 in base a 9 recensioni.[23]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Finale alternativo[modifica | modifica wikitesto]

Esiste un finale alternativo inedito, di cui si hanno prove da alcune foto sparse su internet, in cui Adriana alla fine del combattimento festeggia insieme a Rocky allo Spectrum, quindi si presume che ella abbia assistito al combattimento non da casa ma proprio allo stadio.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Movie Rocky 2 – Box Office Data, News, Cast Information, in Nash Information Services, The Numbers.
  2. ^ Rocky Balboa, le curiosità sul film, cinema.sky.it, 15 novembre 2016.
  3. ^ a b c d ROCKY - LA VERA STORIA, historychannel.it.
  4. ^ (EN) 'Rocky Isn't Based on Me,' Says Stallone, 'But We Both Went the Distance', nytimes.com, 1º novembre 1976.
  5. ^ a b c d (EN) Rocky II (1979) Trivia, IMDb Official Site.
  6. ^ a b c d e Rocky II, le curiosità sul film, tg24.sky.it, 14 novembre 2016.
  7. ^ (EN) Bill Conti @ IMDb, su imdb.com. URL consultato il 14 ottobre 2006.
  8. ^ (EN) Filmtracks: Rocky II (Bill Conti), in Filmtracks, 15 dicembre 2009.
  9. ^ (EN) Joe Queenan, Balsamic Dreams: A Short But Self-Important History of the Baby Boomer Generation, Henry Holt and Company, 2002, p. 78, ISBN 978-1-4299-3636-1.
  10. ^ (EN) Rocky II - Release dates, www.blu-ray.com. URL consultato il 2 luglio 2017.
  11. ^ (EN) Around Town - Rocky II, in New York Magazine, vol. 12, nº 25, 1979, pp. 13-15.
  12. ^ Prime visioni Roma - Rocky II, in L'Unità, nº 213, 1979, p. 13.
  13. ^ (ES) Rocky II (1979), socialstv.com. URL consultato il 2 luglio 2017.
  14. ^ (FR) Rocky II, www.allocine.fr. URL consultato il 2 luglio 2017.
  15. ^ (DE) Rocky II, www.filmstarts.de. URL consultato il 2 luglio 2017.
  16. ^ (EN) Rocky II (1979) Parents Guide, IMDb Official Site.
  17. ^ (EN) The 10 Best Movies of 1979, Film.com. URL consultato l'11 giugno 2010.
  18. ^ (EN) Best Films of 1979, listal.com. URL consultato l'11 giugno 2010.
  19. ^ (EN) Most Popular Feature Films Released in 1979, IMDb. URL consultato l'11 giugno 2010.
  20. ^ (EN) Box Office Information for Kramer vs. Kramer, Box Office Mojo. URL consultato l'11 giugno 2010.
  21. ^ (EN) Box Office Information for Moonraker, Box Office Mojo. URL consultato l'11 giugno 2010.
  22. ^ (EN) Rocky II Movie Reviews, Pictures, Rotten Tomatoes. URL consultato l'11 giugno 2010.
  23. ^ (EN) Rocky II, in Metacritic.
  24. ^ Rocky II: Award Wins and Nominations, IMDb. URL consultato l'11 giugno 2010.
  25. ^ (EN) Nomination al cofanetto della saga, Imdb Official Site. URL consultato il 17 settembre 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN187264016