Creed - Nato per combattere

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Creed - Nato per combattere
Creed (film).png
Michael B. Jordan in una scena del film
Titolo originale Creed
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 2015
Durata 133 min
Rapporto 2,35 : 1
Genere drammatico, sportivo
Regia Ryan Coogler
Soggetto Ryan Coogler
Sylvester Stallone (personaggi)
Sceneggiatura Ryan Coogler, Aaron Covington
Produttore Robert Chartoff, William Chartoff, Sylvester Stallone, Kevin King Templeton, David Winkler, Irwin Winkler
Produttore esecutivo Nicolas Stern
Casa di produzione Metro-Goldwyn-Mayer, New Line Cinema, Warner Bros.
Distribuzione (Italia) Warner Bros.
Fotografia Maryse Alberti
Montaggio Claudia Castello, Michael P. Shawver
Effetti speciali Patrick Edward White
Musiche Ludwig Göransson
Scenografia Hannah Beachler
Costumi Kathryn E. Smith, Jody Felz
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Creed - Nato per combattere (Creed) è un film del 2015 co-scritto e diretto da Ryan Coogler, con protagonisti Michael B. Jordan e Sylvester Stallone.

Si tratta di uno spin-off della saga di Rocky, la cui storia si svolge dopo Rocky Balboa, sesto film della serie creata da Sylvester Stallone.

Il film è dedicato alla memoria di Robert Chartoff, storico produttore della serie di Rocky, deceduto prima dell'uscita del film.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Adonis Johnson, di 13 anni nel 1998, è il figlio illegittimo del grande pugile Apollo Creed. Non avendo mai conosciuto suo padre e dopo un'infanzia difficile tra assistenti sociali e riformatori, in seguito alla prematura morte della madre, cresce a casa di Mary Anne, la vedova di Apollo, che lo accoglie come un figlio per 17 anni in California. Nel 2015, col tempo passato, il trentenne Adonis si accorge di amare il pugilato proprio come il padre e inizia a combattere con il cognome della madre per guadagnarsi merito senza paragoni ingombranti. Disputa piccoli incontri a Tijuana (Messico) e nutre un grande interesse per le leggendarie sfide tra suo padre e Rocky Balboa.

Dopo essere tornato in California ed aver lasciato il lavoro di brillante impiegato di azienda, appena dopo aver ottenuto un'importante promozione, comunica alla matrigna la volontà di intraprendere la carriera di pugile professionista. Lei non è d'accordo con questa scelta, in quanto ancora traumatizzata dalla morte del marito e preoccupata per la vita di suo figlio. Adonis decide comunque di tentare questa strada: si trasferisce a Filadelfia e si mette sulle tracce dell'ormai anziano Balboa. Una sera, poco dopo il suo arrivo in città, si presenta all'Adrian's, il ristorante di Rocky, e gli rivela la sua identità, chiedendogli di poterlo allenare. Questi inizialmente rifiuta dicendo che col pugilato ha chiuso e sta per andare in pensione anche con il ristorante, ma la conoscenza di molte questioni segrete da parte di Adonis, legate a Rocky ed Apollo, stuzzicano in Balboa un leggero interesse e un po' di curiosità. Adonis, dopo essersi allenato da solo nella mitica palestra di Mickey riesce a convincere lo stallone italiano a farsi allenare solo da lui; così viene accettato da Rocky, che è rimasto solo dopo il matrimonio di suo figlio, trasferitosi in Canada, e la morte improvvisa di Paulie.

Rocky segue molto Adonis, migliorandolo fino a fargli vincere un importante incontro contro il quarto pugile più forte al mondo. Intanto Adonis si innamora di Bianca, brillante cantante con cui lega molto e che diventa la sua ragazza. Il mondo inizia a conoscerlo e soprattutto a scoprire la sua vera identità come figlio naturale del grande Apollo. È per questo motivo che l'inglese Ricky Conlan, campione del mondo dei mediomassimi, propone al ragazzo un incontro dove Adonis dovrà usare il suo cognome paterno, al chiaro scopo di farne un grande evento mediatico. Spinto dall'orgoglio per il fatto che Conlan lo provochi pubblicamente definendolo "finto" perché è diventato famoso solo per le sue origini, Adonis accetta. Ormai affezionato a Rocky, si trasferisce a vivere da lui in modo che lo possa allenare più da vicino. Rocky però, durante gli allenamenti, viene preso da strani conati di vomito e ha un malore. Soccorso dal suo allievo, viene subito ricoverato in ospedale e apparentemente sembra stare meglio, ma nei giorni successivi viene richiamato e uno dei medici gli rivela che dalle analisi hanno scoperto un tumore. La prima reazione di Rocky è quella di non volersi curare, memore della sofferenza che Adriana ha dovuto passare con la chemioterapia, che comunque non l'ha salvata dalla malattia. Quando Adonis lo viene a sapere, sconvolto, convince l'allenatore a ripensarci, incoraggiandolo a combattere le loro personali battaglie insieme.

Dopo una dura e a tratti commovente sessione di allenamenti che accompagnano le cure di Rocky, Adonis Creed scende sul ring a Liverpool per affrontare il suo iridato rivale. Tutto il mondo sta assistendo alla sfida; persino Mary Anne da casa è pronta ad incitare quello che ormai considera suo figlio.

Inizia così il match, che viene affrontato dai due contendenti in uno scontro estenuante. Adonis ha un occhio chiuso e si trova in difficoltà. Ma Rocky, orgoglioso di quello che il ragazzo è diventato, lo ringrazia per non averlo abbandonato ed averlo convinto a non mollare, e gli chiede di fare lo stesso. Incoraggiato, Adonis continua a combattere senza sosta e riesce a resistere, finché un colpo ben assestato del campione non lo fa crollare a terra. Quando tutto sembra perduto, Adonis ha una visione delle persone più importanti per lui, tra cui Apollo, e, più determinato che mai, riesce a rialzarsi e, alla fine, a mandare al tappeto l'avversario. Nonostante tutto, per soli trenta secondi Creed non riesce ad ottenere il KO. Si va dunque ai voti e per i giudici non è Adonis a vincere, che comunque conclude da vero trionfatore morale e viene sostenuto da Bianca e Rocky. Conlan si congratula con Creed per la sua tenacia e gli consiglia di non smettere con il pugilato. La folla lo acclama chiamandolo con il cognome di suo padre, e tutti capiscono che il futuro del pugilato è suo.

Al termine dell'incontro, Creed e Balboa, insieme, salgono la celebre scalinata del Philadelphia Museum of Art, per guardare la città da lontano e soffermarsi sulla loro vita.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Sylvester Stallone, Tessa Thompson e Michael B. Jordan durante la promozione del film davanti al Philadelphia Museum of Art.

Il 24 luglio 2013, viene annunciato che la Metro-Goldwyn-Mayer ha firmato un contratto con il regista di Prossima fermata Fruitvale Station, Ryan Coogler, per dirigere uno spin-off della serie di film di Rocky, che Coogler co-scrive insieme a Aaron Covington.[1] Il film narra la storia di un ragazzo che segue le orme del suo defunto padre Apollo Creed, e trova in Rocky Balboa un mentore. Michael B. Jordan viene confermato per il ruolo del figlio di Creed, Adonis Creed,[2] mentre Sylvester Stallone riprende i panni del suo famoso personaggio Rocky.[1] Inizialmente, come rivelato in seguito dallo stesso attore, Sly non voleva partecipare perché il soggetto della storia, che segue un canone padre-figlio, gli ricordava troppo il figlio Sage, scomparso l'anno prima. Dopo la vincita del Golden Globe, Stallone ha dichiarato di aver voluto rendere omaggio alla sua memoria attraverso la pellicola.

I produttori originali dei film di Rocky, Irwin Winkler e Robert Chartoff producono la pellicola con Stallone e Kevin King Templeton.[1] Il 10 novembre 2014, i pugili professionisti Tony Bellew e Andre Ward entrano nel cast del film, in cui Bellew è il pugile Ricky "Pretty" Conlan, il principale avversario di Creed. Il tutto viene ufficializzato con un set fotografico nel mese di gennaio 2015 a Las Vegas e a Filadelfia.[3]

Il 16 dicembre, Tessa Thompson entra nel cast come protagonista femminile.[4] L'8 gennaio 2015, è Phylicia Rashad ad entrare nel cast nei panni di Mary Anne Creed, vedova di Apollo.[5] Il 21 gennaio, Graham McTavish annuncia tramite Twitter il suo coinvolgimento nel film.[6]

Budget[modifica | modifica wikitesto]

Il budget del film è stato di 37 milioni di dollari[7].

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese sono iniziate il 19 gennaio 2015 in Inghilterra, dove la prima scena del film è stata girata durante l'intervallo della partita di calcio tra Everton e West Bromwich Albion al Goodison Park di Liverpool.[8][9] Le restanti riprese si sono svolte a Filadelfia.[10][11] Nei primi di febbraio, un negozio vuoto di Philadelphia viene trasformato in una palestra di boxe, dove sono state girate alcune scene di allenamento.[12][13]

Il 13 febbraio, la troupe del film è avvistata al The Victor Café per altre riprese.[14] Il café è stato trasformato nell'Adrian's Restaurant, e la troupe è nuovamente avvistata per le riprese lì il 16 febbraio.[15] Stallone e Jordan vengono avvistati sul set del film il 18 febbraio.[16] Dal 24 al 27 febbraio e poi il 3 marzo, le riprese si svolgono presso il Sun Center Studios di Aston Township, Pennsylvania.[17]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo trailer del film è stato diffuso il 30 giugno 2015.[18]

Il film è stato presentato, fuori concorso, con una proiezione speciale al Toronto International Film Festival il 9 novembre 2015.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La première è avvenuta il 19 novembre a Los Angeles, al Regency Village Theater; al red carpet hanno preso parte oltre al cast, regista ed i produttori del film, anche personaggi famosi come Dolph Lundgren, Carl Weathers, Arnold Schwarzenegger, Angela Bassett, Miles Teller e gli ex pugili Sugar Ray Leonard e Óscar de la Hoya[19].

La pellicola è stata distribuita nelle sale cinematografiche statunitensi a partire dal 25 novembre 2015,[20] mentre in quelle italiane dal 14 gennaio 2016.

Divieti[modifica | modifica wikitesto]

Negli Stati Uniti il film è stato vietato ai minori di 13 anni non accompagnati per la presenza di violenza e sessualità.[21]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Nelle anteprime del martedì, il film ha incassato 1,4 milioni di dollari[22], mentre nel giorno del ringraziamento (26 novembre), incassa 6,4 milioni, arrivando ad un totale di 12,4 milioni nei primi due giorni di programmazione[23], che sale a 24,1 milioni col terzo giorno [7]. Alla fine del primo week-end, il film incassa nel nord America 42,6 milioni, confermandosi una sorpresa, al di sopra delle aspettative iniziali, anche "grazie alle recensioni incredibili ed il passaparola positivo" secondo Jeff Goldstein, vice presidente esecutivo della Warner Bros.[24]. Nel secondo weekend statunitense, Creed tiene bene e chiude al terzo posto incassando 15,5 milioni, con una perdita del 38% rispetto al primo fine settimana, per un incasso complessivo nei soli Stati Uniti di 65 milioni[25]. Nel terzo weekend statunitense incassa 10,1 milioni, chiudendo al quarto posto ed arrivando ad un incasso totale nei soli Stati Uniti di 79 milioni di dollari[26].

Negli Stati Uniti, il film incassa un totale di 109,5 milioni di dollari, mentre a livello mondiale raggiunge i 173,5 milioni[27].

Nel primo weekend di programmazione nei cinema italiani, il film chiude al terzo posto con 2,6 milioni di euro[28]; anche nel secondo weekend il film mantiene la terza posizione, arrivando ad un totale di 4,4 milioni di euro[29]. L'incasso totale in Italia è stato di 5.486.164 euro[30].

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato accolto molto positivamente dalla critica statunitense[31]. L'aggregatore di recensioni Rotten Tomatoes lo certifica come film di qualità e riporta una percentuale di gradimento del 94% con un voto medio di 7,8 su 10[32], posizionandolo al 35º posto dei migliori film del 2015[33] ed al quinto posto dei migliori film drammatici dell'anno[34]. Todd McCarthy del The Hollywood Reporter promuove a pieni voti il film aggiungendo che "Sylvester Stallone è stellare in questo solido spin-off"[35]; Drew McWeeny di HitFix.com descrive il film come "eccellente, girato in modo elegante e con un cast eccezionale"[36], mentre Kristopher Tapley di Variety parla di un "Sylvester Stallone pronto a correre per l'Oscar al miglior attore non protagonista"[37]. Jordan Hoffman del The Guardian elogia il finale "originale ed emozionante" dando 3 stelle su 5 come giudizio complessivo[38], Edward Douglas di comingsoon.net elogia il film dando un voto di 8,5 su 10[39]. Amy Blumsom, del The Daily Telegraph, conferma che Stallone è un serio pretendente all'Oscar per il miglior attore non protagonista[40], mentre il collega Tim Robey dichiara che "è la miglior performance di Stallone in tutta la sua carriera", dando un voto di 3 su 5 al film[41]. Anche Katey Rich, di Vanity Fair, elogia la prova di Stallone, aggiungendo che il film potrebbe essere nominato, oltre al miglior attore non protagonista, anche per l'Oscar al miglior film, miglior regista e la miglior colonna sonora[42]. Chris Nashawaty, di Entertainment Weekly, dà un voto di A- al film[43] e viene posizionato al sesto posto della classifica dei miglior film del 2015[44]; anche come Eric Kohn di indiewire.com dà un voto di A-[45], mentre il sito del celebre critico Roger Ebert, rogerebert.com, dà al film il pieno dei voti, 4 stelle su 4, concludendo che "Creed è uno dei migliori film del 2015"[46].

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Sequel[modifica | modifica wikitesto]

Nel gennaio 2016 Gary Barber, amministratore delegato della Metro-Goldwyn-Mayer, in un'intervista per Variety, ha fissato la data di uscita nei cinema statunitensi del sequel nel novembre 2017, specificando che il regista Coogler potrebbe non tornare dietro la macchina da presa visti i suoi impegni per altri film.[84]

Nell'ottobre 2017, Sylvester Stallone annuncia che sarà lui stesso a dirigere e produrre il sequel.[85]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) ‘Fruitvale Station’ Duo Ryan Coogler And Michael B. Jordan Team With Sly Stallone On MGM ‘Rocky’ Spinoff ‘Creed’, su deadline.com. URL consultato il 2 luglio 2015.
  2. ^ (EN) "BREAKING NEWS re: Creed Movie - Michael B. Jordan and Sylvester Stallones - SPOILER ALERT", su phillychitchat.com. URL consultato il 2 luglio 2015.
  3. ^ (EN) Boxers Andre Ward and Tony Bellew in Talks to Join MGM's 'Rocky' Spinoff 'Creed' (Exclusive), su The Hollywood Reporter. URL consultato il 2 luglio 2015.
  4. ^ (EN) ‘Dear White People’s Tessa Thompson Lands ‘Creed’ Lead, su deadline.com. URL consultato il 2 luglio 2015.
  5. ^ (EN) Phylicia Rashad to Play Apollo Creed’s Widow in ‘Rocky’ Spinoff ‘Creed’, su thewrap.com. URL consultato il 2 luglio 2015.
  6. ^ (EN) Profilo di Graham McTavish su Twitter, su Twitter. URL consultato il 2 luglio 2015.
  7. ^ a b (EN) Marianne Zumberge, Box Office: ‘Hunger Games’ Clinches Holiday Victory Over ‘Creed,’ ‘Good Dinosaur’, Variety, 28 novembre 2015. URL consultato il 28 novembre 2015.
  8. ^ (EN) "Rocky spin-off Creed to shoot tonight at Goodison Park during Everton v West Brom game", su flickeringmyth.com. URL consultato il 2 luglio 2015.
  9. ^ (EN) Sylvester Stallone: Rocky star delivers message at Everton, su BBC. URL consultato il 2 luglio 2015.
  10. ^ (EN) Posing with the champ! Tourists get selfie with Sylvester Stallone after running up Philadelphia's 'Rocky' steps, su Daily Mail. URL consultato il 2 luglio 2015.
  11. ^ (EN) A new ‘Rocky’ movie is set to begin filming in Philadelphia; Extras needed, su onlocationvacations.com. URL consultato il 2 luglio 2015.
  12. ^ (EN) The new ‘Rocky’ movie ‘Creed’ will be filming at a Boxing Gym in Philly this week, su onlocationvacations.com. URL consultato il 2 luglio 2015.
  13. ^ (EN) 'Rocky' crew picks Delco gym as movie location, su mainlinemedianews.com. URL consultato il 2 luglio 2015.
  14. ^ (EN) The new ‘Rocky’ movie ‘Creed’ filming at The Victor Cafe in Philly, su onlocationvacations.com. URL consultato il 2 luglio 2015.
  15. ^ (EN) See Philadelphia’s Victor Cafe transformed into Adrien’s for ‘Creed’, su onlocationvacations.com. URL consultato il 2 luglio 2015.
  16. ^ (EN) Sylvester Stallone and Michael B. Jordan on the Creed Set, su comingsoon.net. URL consultato il 2 luglio 2015.
  17. ^ (EN) Filming for the new ‘Rocky’ movie ‘Creed’ moves to Aston, PA this week, su onlocationvacations.com. URL consultato il 2 luglio 2015.
  18. ^ (EN) Creed Trailer: A First Look at the Rocky Spinoff!, su comingsoon.net, 30 giugno 2015. URL consultato il 2 luglio 2015.
  19. ^ (EN) Matthew Cole Weiss, ‘Creed’ Premiere: Sylvester Stallone on Oscar Buzz and Future of ‘Rocky’ Franchise, Variety, 20 novembre 2015. URL consultato il 20 novembre 2015.
  20. ^ (EN) ‘Point Break’ Moved From Summer To Christmas; ‘Creed’ Coming For Thanksgiving, deadline.com, 4 febbraio 2014. URL consultato il 2 luglio 2015.
  21. ^ (EN) Parents Guide for Creed, Internet Movie Database. URL consultato il 18 novembre 2015.
  22. ^ Andrea Francesco Berni, Box-Office USA: Creed batte Il Viaggio di Arlo alle anteprime di martedì sera, badtaste.it, 25 novembre 2015. URL consultato il 25 novembre 2015.
  23. ^ Andrea Francesco Berni, Box-Office USA: Hunger Games batte Il Viaggio di Arlo e Creed il Giorno del Ringraziamento, badtaste.it, 27 novembre 2015. URL consultato il 27 novembre 2015.
  24. ^ (EN) Brent LangO, Box Office: ‘Hunger Games’ Leads Thanksgiving Pack, ‘Creed’ Scores, Variety, 29 novembre 2015. URL consultato il 29 novembre 2015.
  25. ^ Andrea Francesco Berni, Box-Office USA: Hunger Games vince per il terzo weekend consecutivo, Krampus sorprende, badtaste.it, 7 dicembre 2015. URL consultato il 7 dicembre 2015.
  26. ^ Andrea Francesco Berni, Box-Office USA: Hunger Games in testa per il quarto weekend, Heart of the Sea flop, badtaste.it, 14 dicembre 2015. URL consultato il 14 dicembre 2015.
  27. ^ (EN) Creed, Box Office Mojo. URL consultato il 18 gennaio 2016.
  28. ^ Andrea Francesco Berni, Box-Office Italia: Quo Vado? vince ancora il weekend e batte Sole a Catinelle come numero di spettatori!, badtaste.it, 18 gennaio 2016. URL consultato il 18 gennaio 2016.
  29. ^ Andrea Francesco Berni, Box-Office Italia: Revenant – Redivivo vince il weekend, Quo Vado? sale a 62.5 milioni, badtaste.it, 25 gennaio 2016. URL consultato il 25 gennaio 2016.
  30. ^ NOME AUTORE ARTICOLO, Box Office - Dal: 01/01/2016 Al: 10/03/2016, Cinetel, 10 marzo 2016. URL consultato l'11 marzo 2016.
  31. ^ Pierre Hombrebueno, Creed: i critici americani applaudono il ritorno di Rocky Balboa, Best Movie, 20 novembre 2015. URL consultato il 27 novembre 2015.
  32. ^ (EN) Creed, Rotten Tomatoes. URL consultato il 18 novembre 2015.
  33. ^ (EN) TOP 100 MOVIES OF 2015, Rotten Tomatoes. URL consultato il 10 dicembre 2015.
  34. ^ a b (EN) BEST-REVIEWED DRAMAS 2015, Rotten Tomatoes. URL consultato il 9 gennaio 2016.
  35. ^ (EN) Todd McCarthy, 'Creed': Film Review, The Hollywood Reporter, 18 novembre 2015. URL consultato il 18 novembre 2015.
  36. ^ (EN) Drew McWeeny, Review: Michael B. Jordan stands tall with Rocky's help in the excellent 'Creed', hitfix.com, 18 novembre 2015. URL consultato il 18 novembre 2015.
  37. ^ (EN) Kristopher Tapley, Sylvester Stallone Might Have Just KO’d the Supporting Actor Oscar Competition, Variety, 18 novembre 2015. URL consultato il 18 novembre 2015.
  38. ^ (EN) Jordan Hoffman, Creed review – new Rocky movie is a split decision, The Guardian, 18 novembre 2015. URL consultato il 18 novembre 2015.
  39. ^ (EN) Edward Douglas, Creed Review, comingsoon.net, 18 novembre 2015. URL consultato il 19 novembre 2015.
  40. ^ (EN) Amy Blumsom, Is Sylvester Stallone back in the Oscar ring?, The Daily Telegraph, 19 novembre 2015. URL consultato il 23 novembre 2015.
  41. ^ (EN) Tim Robey, Creed review: 'Stallone at his best', The Daily Telegraph, 19 novembre 2015. URL consultato il 23 novembre 2015.
  42. ^ (EN) Katey Rich, Creed: The Oscar Contender We Should Have Seen Coming, Vanity Fair, 18 novembre 2015. URL consultato il 23 novembre 2015.
  43. ^ (EN) Chris Nashawaty, Creed: EW review, Entertainment Weekly, 18 novembre 2015. URL consultato il 23 novembre 2015.
  44. ^ (EN) Chris Nashawaty, 10 Best (And 5 Worst!) Movies of 2015, Entertainment Weekly, 7 dicembre 2015. URL consultato il 10 dicembre 2015.
  45. ^ (EN) Eric Kohn, Review: 'Creed' is a 'Rocky' Reboot Worth Rooting For, indiewire.com, 18 novembre 2015. URL consultato il 23 novembre 2015.
  46. ^ (EN) Odie Henderson, CREED, rogerebert.com, 23 novembre 2015. URL consultato il 23 novembre 2015.
  47. ^ Andrea Facchin, Oscar 2016, tutte le nomination dell’88ma edizione!, Best Movie, 14 gennaio 2016. URL consultato il 15 gennaio 2016.
  48. ^ Luca Ceccotti, Golden Globes 2016: ecco tutte le nomination!, Best Movie, 10 dicembre 2015. URL consultato il 10 dicembre 2015.
  49. ^ Andrea Francesco Berni, Golden Globe Awards 2016: premiati Revenant – Redivivo e The Martian, tutti i vincitori!, badtaste.it, 11 gennaio 2016. URL consultato l'11 gennaio 2016.
  50. ^ (EN) NATIONAL BOARD OF REVIEW ANNOUNCES 2015 AWARD WINNERS, Rotten Tomatoes, 1 dicembre 2015. URL consultato il 1 dicembre 2015.
  51. ^ (EN) 2015, Satellite Awards, 1º dicembre 2015. URL consultato il 1º dicembre 2015.
  52. ^ (EN) CRITICS' CHOICE 2015 NOMINATIONS ANNOUNCED, Rotten Tomatoes, 14 dicembre 2015. URL consultato il 14 dicembre 2015.
  53. ^ (EN) The Full List of Critics Choice Awards Winners Read more at http://www.comingsoon.net/movies/news/648419-the-full-list-of-critics-choice-awards-winners#mMYx1KXT7fCPCO6F.99, comingsoon.net, 17 gennaio 2016. URL consultato il 18 gennaio 2016.
  54. ^ (EN) Awards for 2015 films, National Society of Film Critics, 3 gennaio 2016. URL consultato il 4 gennaio 2016.
  55. ^ (EN) Brandy McDonnell, Oklahoma Film Critics Circle names 'Spotlight' best film of 2015, http://newsok.com/, 4 gennaio 2016. URL consultato il 5 gennaio 2016.
  56. ^ (EN) John Nugent, Empire Awards 2016 nominations, Empire, 18 febbraio 2016. URL consultato il 18 febbraio 2016.
  57. ^ (EN) DFCS Nominates ‘Mad Max: Fury Road,’ ‘Spotlight’ as Year’s Best Films, denverfilmcritics.org, 5 gennaio 2016. URL consultato il 6 gennaio 2016.
  58. ^ a b c d e f g h i (EN) Jason Dietz, Best of 2015: Film Awards & Nominations Scorecard, Metacritic. URL consultato il 16 dicembre 2015.
  59. ^ (EN) Clayton Davis, SEATTLE FILM CRITICS SURVEY – ‘MAD MAX’ LEADS THE NODS WITH STRONG ‘CAROL’ LOVE, awardscircuit.com, 4 gennaio 2016. URL consultato il 10 gennaio 2016.
  60. ^ (EN) Devan Coggan, Spotlight wins top prize from the Los Angeles Film Critics Association, Entertainment Weekly, 6 dicembre 2015. URL consultato il 7 dicembre 2015.
  61. ^ Federico Boni, Wafca Award 2015, le nomination - dominano Mad Max: Fury Road e Carol, cineblog.it, 6 dicembre 2015. URL consultato il 6 dicembre 2015.
  62. ^ (EN) D.C. Film Critics Shine a 'Spotlight' on Award Winners, prnewswire.com, 7 dicembre 2015. URL consultato il 7 dicembre 2015.
  63. ^ (EN) Boston Society of Film Critics, thefilmexperience.net, 6 dicembre 2015. URL consultato il 6 dicembre 2015.
  64. ^ (EN) Sasha Stone, The Boston Film Critics Online Name Mad Max: Fury Road the Best Film of 2015, awardsdaily.com, 4 dicembre 2015. URL consultato il 5 dicembre 2015.
  65. ^ (EN) Maane Khatchatourian, ‘Creed,’ ‘Empire,’ ‘Black-ish’ Lead NAACP Image Award Nominations, Variety, 8 dicembre 2015. URL consultato il 9 dicembre 2015.
  66. ^ (EN) Brittney Stephens, Michael B. Jordan's Winning Looks Will Melt You Into a Puddle, popsugar.com, 5 febbraio 2016. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  67. ^ (EN) Straight Outta Compton' & Creed Take Top Honors From African-American Film Critics, deadline.com, 7 dicembre 2015. URL consultato il 7 dicembre 2015.
  68. ^ Patrizio Marino, I FILM DEL 2015: I MIGLIORI E I PEGGIORI SECONDO IL TIME, Movieplayer.it, 9 dicembre 2015. URL consultato il 10 dicembre 2015.
  69. ^ (EN) 2015 San Francisco Film Critics Circle Awards, San Francisco Film Critics Circle, 13 dicembre 2015. URL consultato il 13 dicembre 2015.
  70. ^ (EN) Phoenix Critics Circle Awards 2015 Nominees, thecinemafiles.com, 13 dicembre 2015. URL consultato il 13 dicembre 2015.
  71. ^ (EN) Sasha Stone, Spotlight Wins Southeastern Film Critics, awardsdaily.com, 14 dicembre 2015. URL consultato il 14 dicembre 2015.
  72. ^ (EN) "Mad Max: Fury Road" Leads The Race For 2015 CFCA Awards, Chicago Film Critics Association, 14 dicembre 2015. URL consultato il 15 dicembre 2015 (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2015).
  73. ^ (EN) OFCS 2015 awards nominees announced, flickfilosopher.com, 7 dicembre 2015. URL consultato l'8 dicembre 2015.
  74. ^ (EN) Houston Film Critics Society Nominations, mannythemovieguy.com, 18 dicembre 2015. URL consultato il 19 dicembre 2015.
  75. ^ (EN) ‘CAROL’ LEADS 2015 FLORIDA FILM CRITICS AWARDS NOMINATIONS, Florida Film Critics Circle, 21 dicembre 2015. URL consultato il 21 dicembre 2015.
  76. ^ (EN) Alyssa Sage, Black Film Critics Circle Name ‘Creed’ Top Film of the Year, Variety, 21 dicembre 2015. URL consultato il 22 dicembre 2015.
  77. ^ (EN) Ryan Painter, 2015 Utah Film Critics Association Awards, kutv.com, 23 dicembre 2015. URL consultato il 25 dicembre 2015.
  78. ^ (EN) 2015 EDA Award Nominees, Alliance of Women Film Journalists, 28 dicembre 2015. URL consultato il 29 dicembre 2015.
  79. ^ (EN) 2015 North Carolina Film Critics Association Awards Nominations, North Carolina Film Critics Association, 28 dicembre 2015. URL consultato il 29 dicembre 2015.
  80. ^ (EN) 2015 Awards, Georgia Film Critics, 8 gennaio 2016. URL consultato il 9 gennaio 2016.
  81. ^ (EN) Motion Picture Sound Editors Announce 2016 Golden Reel Nominations, soundworkscollection.com, 26 gennaio 2016. URL consultato il 28 gennaio 2016.
  82. ^ Marita Toniolo, Mtv Movie Awards: Star Wars e Deadpool guidano le nomination, Best Movie, 8 marzo 2016. URL consultato l'8 marzo 2016.
  83. ^ Pierre Hombrebueno, È Batman v Superman contro Captain America: Civil War ai Teen Choice Awards 2016, Best Movie, 25 maggio 2016. URL consultato il 25 maggio 2016.
  84. ^ (EN) Ramin Setoodeh, ‘Creed’ Sequel Aims for November 2017 Release, Variety, 11 gennaio 2016. URL consultato il 29 gennaio 2016.
  85. ^ Andrea Bedeschi, Creed 2: Sylvester Stallone dirigerà e produrrà la pellicola, badtaste.it, 10 ottobre 2017. URL consultato il 10 ottobre 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]